RICETTE

Tocchetti di ricotta fritta

In sintesi

Chef: Viviana Lapertosa
Difficoltà: Facile
Totale: 10 minPreparazione: 5 minCottura: 5 min
Portata: Finger Food

Ingredienti

per 6 persone

500 g di ricotta; 2 uova; farina; sale; pepe bianco; olio di arachidi per friggere

Il consiglio

È un piatto semplicissimo ma di estrema bontà, tutta giocata sulla qualità della ricotta e sulla velocità di esecuzione e di servizio. Perché se è vero che si tratta di una ricetta di riciclo, nata per recuperare la ricotta non più freschissima, ma di almeno uno, due giorni, è altrettanto vero che i risultati migliori, in termini di sapore e morbidezza, si ottengono con la ricotta fresca di giornata. In questo caso le fette non saranno sufficientemente sode e compatte e risulterà più difficile tagliarle, panarle e friggerle senza romperle. Ma con un po' di abilità e pazienza il risultato, di croccantezza esterna e dolcezza e cremosità al primo morso, è garantito. Sta al gusto personale la scelta di ricotta vaccina o di pecora. Le frittelle di ricotta invece si trovano generalmente nel fritto misto all'emiliana.

Preparazione

Tagliare la ricotta a fette di 2 cm di spessore oppure, se è molto tenera, dividerla in tocchi irregolari. Sbattere le uova con un pizzico di pepe bianco e immergervi la ricotta. Passare successivamente nella farina e ancora nelle uova sbattute, quindi friggere i tocchetti di ricotta, pochi alla volta, in olio abbondante e ben caldo (180°C). Scolare, aiutandosi con una paletta forata e piatta e asciugare su carta da fritti. Salare e servire subito.

Viviana Lapertosa – lacuocadellaportaaccanto.it – IG: @cuocaaccanto
Foto di Luca Bartolomei

Il consiglio

È un piatto semplicissimo ma di estrema bontà, tutta giocata sulla qualità della ricotta e sulla velocità di esecuzione e di servizio. Perché se è vero che si tratta di una ricetta di riciclo, nata per recuperare la ricotta non più freschissima, ma di almeno uno, due giorni, è altrettanto vero che i risultati migliori, in termini di sapore e morbidezza, si ottengono con la ricotta fresca di giornata. In questo caso le fette non saranno sufficientemente sode e compatte e risulterà più difficile tagliarle, panarle e friggerle senza romperle. Ma con un po' di abilità e pazienza il risultato, di croccantezza esterna e dolcezza e cremosità al primo morso, è garantito. Sta al gusto personale la scelta di ricotta vaccina o di pecora. Le frittelle di ricotta invece si trovano generalmente nel fritto misto all'emiliana.
  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X