ENOTECA

Casa del Vino

Descrizione

In città una volta ce n’erano molti di “vinaini”; così venivano affettuosamente chiamati i locali, per lo più minuscoli, dove gli artigiani e gli operai si fermavano lo stretto necessario per uno spuntino e un bicchiere. La Casa del Vino è sicuramente più di un vinaino e va sì ancora in scena la mescita minimale: un crostino di fegato o un uovo sodo insieme al classico gottino (piccolo bicchiere senza gambo e col fondo spesso). L’offerta, però nel corso degli anni, si è fatta via via più ricca, con salumi e formaggi e altri prodotti selezionati; il cibo si consuma soprattutto in piedi (sono pochissimi i posti a sedere) abbinato con uno degli ottimi bicchieri o con una grande bottiglia proposti da Gianni Migliorini. Prevalgono per forza di cosa i toscani, ma la passione per i grandi vini non può tralasciare ad esempio i Barolo e gli Champagne.  

Abbonati a Premium
X
X