Se il pubblico nazionale e internazionale ha avuto modo di conoscere una birra artigianale italiana “diversa”, si deve al vulcanico Teo Musso, ideatore e fondatore di questa realtà – attiva dal 1996 – da alcuni anni partita anche alla conquista di mercati esteri e in bella mostra sulle tavole di grandi ristoranti, ma presente anche nella grande distribuzione. Oltre una trentina le varianti. Si va dalle classiche: Nora, Isaac, Super, Wayan, tra cui vanno annoverate anche bottiglie capaci di superare i dieci anni di invecchiamento, alle speciali, come la Mielika con miele d’erica o la Open Baladin, a quelle alla spina. Ci sono anche bibite, sidro e distillati. Non mancano il kit per cimentarsi a preparare la birra in casa e una serie di chicche golose: le gelatine per i formaggi, il panettone, il formaggio, i cioccolatini e perfino essenze per l’ambiente: tutto a base di birra. L’azienda ha aperto locali in tutta Italia (Roma, Milano, Torino. Bologna ecc.) e all’estero, a New York e in Marocco. Visite su prenotazione.

Abbonati a Premium
X
X