Decreto flussi, cuneo fiscale, reddito di cittadinanza sono i principali ostacoli per una stagione complicata anche dall'incremento dei costi di produzione. Le testimonianze di alcune imprese in Piemonte, Emilia-Romagna e Toscana, che rilanciano la necessità di un intervento delle istituzioni e una maggiore flessibilità.

LEGGI Versione stampabile

  • LAVORO – Nel momento clou della raccolta manca la manodopera. L’allarme e le proposte dai territori
  • L’INTERVISTA – La carta dei vini perfetta? I segreti di Marco Reitano, protagonista dei corsi della Gambero Rosso Academy
  • CANTINE – Chi ha vinto il World’s best vineyard 2021? Nella top 10 c’è anche un’italiana
  • G20 – Fame zero e transizione ecologica: gli impegni dell’Agricoltura nella Carta della sostenibilità di Firenze
  • PROSEK – Domanda croata in Gazzetta Ue. E adesso l’Italia cerca la sponda delle altre Doc europee
  • INVESTIMENTI – Il vino italiano debutta sul mercato dei token, con l’emissione di Iwcb. Ecco come funziona
  • FOCUS – Dal 2022 il Pignoletto sarà la prima tipologia della Doc Emilia-Romagna. Intanto, semestre a +20%
  • ENOTURISMO – L’inclusività al centro del Forum mondiale Unwto in Portogallo. Prossima edizione nelle Langhe
  • FIERE – A Pordenone torna Rive. Tra le novità, Making Spirits: le attrezzature per i superalcolici
  • VENDEMMIA – Netto calo della produzione: Italia, Francia e Spagna perdono il 18%. Le stime Copa-Cogeca