Svolta rosa della Federazione nel momento dell’attesa ripartenza economica. Al Governo si chiedono più fondi per la promozione, un piano per il Made in Italy nel 2021, digitalizzazione, riduzione delle accise sugli spirits, taglio della burocrazia. I punti del mandato nel post-Boscaini.

LEGGI Versione stampabile

  • L’INTERVISTA – “Al Governo chiediamo un Piano per il Made in Italy”. Così la neopresidente Federvini Micaela Pallini
  • CONSORZI – Rivedere il sistema di rappresentanza? Il sondaggio tra le principali denominazioni interessate
  • BIOLOGICO – Finanziamenti anche per l’agricoltura biodinamica? Ecco cosa dice davvero il nuovo ddl
  • DEALCOLATI – “Ok a regolamentazione dentro Ocm, ma non per Dop e Igp”: la filiera scrive a Patuanelli
  • POLIZZE – Mercato stabile, ma crescono le superfici vitivinicole assicurate. Il report di Ismea
  • FOCUS – Tornano a salire le vendite di Chianti Classico. In espansione bio e Gran Selezione
  • VERDICCHIO – Modifiche al disciplinare: imbottigliamento in zona per la Doc, nuovo nome per la Docg
  • ESTERI – Per il Sudafrica una vendemmia eccezionale. Così si chiude un anno di divieti e restrizioni