Settimanale Tre Bicchieri 29 settembre 2022

29 Set 2022, 18:51 | a cura di Matteo Simonini
Con un’annata da 50 milioni di ettolitri, adesso l’Italia deve trovare una strategia per guadagnare spazio nelle fasce più alte di mercato. Anche se si tratta di rivedere le scelte vendemmiali. Intanto le prime battute della campagna di commercializzazione 2022/23 evidenziano i primi cali.

LEGGI Versione stampabile

  • L’ANALISI – Il vitivinicolo tra luci e ombre: bene export; primi rallentamenti per la campagna di commercializzazione 2022/23
  • BIO – L’Italia produce tanto, ma spende poco. Esportazioni trainate dal vino con una quota del 19%
  • MIPAAF – Promozione e politiche Ue: le richieste del vino al nuovo Governo. Chi sarà il nuovo Ministro?
  • IRLANDA – Consultazioni chiuse per la proposta di health warning sulle bottiglie degli alcolici. Le prossime tappe
  • EXPORT – Segno meno per Trentino-Alto Adige e Liguria. Chi sale e chi scende nel primo semestre
  • FOCUS – Zonazione e ricerca con l’Università: la Docg Colline Teramane punta sul legame con il territorio
  • ANTEPRIME – Torna Barolo en Primeur: annunciata asta solidale ed etichetta firmata Pistoletto
  • IMPRESE – Il polo Botter-Mondodelvino cambia nome e diventa Argea: investimenti per 50 mln di euro
  • ESTERI – Un lancio interstellare per Maison Mumm: il primo Champagne pensato per la degustazione nello Spazio
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X