Vini Rari: la rinascita della Calabria vinicola con due etichette tutte da scoprire

16 Nov 2022, 11:52 | a cura di
Calabria e i figli di una rivoluzione contemporanea. In questa puntata di Vini Rari vi parliamo di due etichette e due vignaioli che rappresentano il risveglio di una terra vocata per la viticoltura. Scopriteli qui.

In principio furono i Cirò Boys. Erano gli anni Novanta e la loro fu una rivoluzione al contrario: un gruppo di produttori - che oggi definiremmo naturali ante litteram- volle riaffermare il primato della tradizione e del gaglioppo. Dismessi i legni piccoli e l’uso (a volte l’abuso) di chimica in vigna, ripartirono dal recupero delle vigne ad alberello e dalle fermentazioni spontanee in cantina. Questo gruppo capitanato da Francesco Maria De Franco e Sergio Arcuri oggi continua a produrre vini di ottima qualità.

Negli ultimi anni, una seconda rivoluzione ha interessato la zona meridionale della Calabria. Una delle aree italiane pedoclimaticamente più vocate, dove per decenni la viticoltura è stata inspiegabilmente abbandonata e che in tempi recenti sta vivendo un incredibile momento di crescita. In questa Woodstock del vino calabrese si alternano nuovi protagonisti della scena vitivinicola calabrese. Giovani come Giovanni Celeste Benvenuto, che di ritorno da Francavilla Angitola, in Abruzzo, ha ripreso i vigneti del nonno per fondare la sua cantina e recuperare vitigni autoctoni come la malvasia nera e lo zibibbo di Pizzo, da cui si ottiene il Benvenuto Orange che vi presentiamo.

Altro nome di questo cambio di passo è stato Filippo Brancati. Dopo la sua prematura scomparsa, oggi sono i figli Marika e Massimo a prendersi cura delle vigne a picco sul mare, sui ripidi terrazzamenti di Palizzi, che Filippo aveva preso a coltivare: il Carcare (chardonnay e greco bianco), è il vino che abbiamo degustato. Storie di donne e uomini di successo che ritornano alla loro terra per ripartire e scommettere su nuovi progetti di vita dalle radici ancestrali, riscattando il duro lavoro delle generazioni passate, permettendoci di raccontare un nuovo capitolo delle viticoltura calabrese.

Vini Rari. Dalla Calabria due vini da scoprire

94
Cent.

Benvenuto Orange Zibibbo 2021

Cantine Benvenuto
Calabria
bianco
LA VIGNA | I vigneti di Giovanni Celeste Benvenuto, quindici ettari coltivati in biologico, si trovano a Francavilla Angitola sul lato tirrenico del cosiddetto Istmo di Marcellinara. Si tratta del punto più stretto d’Italia: solo 35 km separano il Mar Tirreno dallo Jonio. Un territorio da sempre vocato alla viticoltura proprio per la vicinanza dei due mari. La vigna da cui si ottiene il Benvenuto Orange si chiama Ziopà, probabilmente la contrazione dialettale di zio Paolo, il nome del vecchio proprietario. I tre ettari di vigneto si trovano a 350 metri d’altitudine di fronte al mare, su antichi terrazzamenti di suoli granitici, ricchi di scheletro e minerali, impiantato 32 anni fa dal nonno di Giovanni. LA PERSONA | Giovanni ha...
Leggi tutto
95
Cent.

Carcare Bianco 2020

Filippo Brancati
Calabria
bianco
LA VIGNA | Palizzi si trova nella parte più meridionale della Calabria, dove le colline che si affacciano, ripide, sul Mar Jonio, fanno da corona all’Aspromonte. È la frazione di Carcare a dare il nome al vino. Tre ettari di vigna in tutto, coltivati in biologico dal 2016. Ci troviamo su terreni bianchi e calcarei, in una zona tra le più siccitose e al tempo stesso, più ventilate del sud Italia. Qui una dozzina di anni fa, a circa 250 metri d’altitudine, esposto ad est - nord/est Filippo Brancati ha impiantato, un vigneto di chardonnay convinto che questo vitigno si sarebbe ben adattato alle caratteristiche pedoclimatiche della zona assorbendone le peculiarità. E così è stato. LA PERSONA | Filippo Brancati,...
Leggi tutto
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram