Vini Rari. Da Radda in Chianti due etichette speciali da conoscere

23 Nov 2022, 11:54 | a cura di Gambero Rosso
In questa puntata di Vini Rari siamo nel cuore del Chianti Classico, nel comune di Radda in Chianti, per farvi scoprire due grandi rossi da sangiovese, frutto di vigne poste a oltre 400 metri d’altitudine. Entrambi sono vini molto autentici, che esprimono tutta la finezza e l’eleganza del territorio raddese.

I due vini che vi presentiamo hanno in comune il vitigno sangiovese, il territorio, l’altitudine e, non ultimo, un approccio in vigna e in cantina rispettoso, frutto di un lavoro di alto artigianato volto a esaltare tutto ciò che la natura regala di buono. Oltre a essere due grandi vini sono rossi genuini, schietti, di grande bevibilità, eleganza e freschezza, due interpretazioni che regalano un raffinato mix tra varietà e vigna.

Uno è il Chianti Classico Riserva 2019, che produce Diego Finocchi e che arriva da una piccola porzione di vigna ricavata dal vigneto Casino dell’Erta: mostra tutta l’energia di Radda e il carattere del grande rosso chiantigiano. L’altro, il Chianti Classico Vigna Casanova dell’Aia 2020 è l’interpretazione di Angela Fronti che si cimenta nella storica vigna di famiglia, Casanova dell’Aia, piantata per la prima volta dalla famiglia nel lontano 1982. Finezza, eleganza e una forza che arriva dai 500 metri sul livello del mare.

Vini Rari. Due Chianti Classico da scoprire

 

Chianti Cl. V. Casanova dell'Aia 2020

Istine
Toscana
rosso
Valutazione: 
96
/100
LA VIGNA | Il vigneto Casanova dell’Aia, 4 ettari di estensione complessiva, è la prima vigna piantata dalla famiglia Fronti nel 1982, ma è stato reimpiantato in parte nel 2014 e in parte nel 2018. Allevato prevalentemente a sangiovese con una piccola quota di trebbiano e malvasia, si trova a ridosso del paese di Radda in Chianti, ad una altezza intorno ai 500 s.l.m. Il suo suolo è ricco di scheletro, con alternanza di calcari marnosi (Alberese e Galestro) e buona presenza di argilla. Nel patrimonio vitato di Istine, complessivamente 26 ettari coltivati a biologico, sono da segnalare altri due significativi Cru: nell’areale raddese il Vigna Istine, 5 ettari posti a quasi 500 s.l.m, impiantati nel 2002, dai suoli che...

Chianti Cl. Ris. 2019

L'Erta di Radda
Toscana
rosso
Valutazione: 
95
/100
LA VIGNA | Il nucleo fondamentale è rappresentato dai quattro ettari del vigneto “Casino dell’Erta”, che ha ispirato il nome aziendale di Erta di Radda, posti di fronte a quelli di Caparsa. Un luogo dai suoli tendenzialmente poveri con presenza di alberese, che si trova ad un’altitudine di oltre 400 metri s.l.m. Si tratta di un vecchio impianto, tipico della viticoltura degli anni Sessanta del secolo scorso, piantato a sangiovese, canaiolo, trebbiano e malvasia, progressivamente reimpianto e riportato alla piena efficienza. Il patrimonio vitato di questa piccola realtà raddese (per un totale di 5 ettari) conta anche su due ulteriori appezzamenti: un ettaro in località La Villa, alle porte di Radda in Chianti, i cui terreni di matrice calcarea non...
Scopri tutti i vini rari
selezionati da Gambero Rosso
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X