Dal 12 al 16 luglio il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli e Societing organizzano a Paestum Δίαιτα, la X edizione della Societing Summer School con un focus sulla transizione ecologica e digitale.
Pubblicità

Premessa: δίαιτα (diaita) in questo contesto è da intendersi come abitudine, modo di vivere. “È dal cuore del Mediterraneo che vogliamo riflettere sul presente e orientare le nostre idee di futuro facendoci ispirare dai luoghi, dalla cultura, dalla storia, dalle tradizioni e dalle innovazioni che da qui partono e qui arrivano”, spiegano nel sito di Societing, una realtà che promuove un modo innovativo di fare marketing, che considera insieme l’innovazione sociale e l’innovazione tecnologica. “Il Mediterraneo, l’Italia e, nello specifico, la Campania hanno la capacità di sviluppare abilità che consentono la risoluzione dei problemi in modi non convenzionali: una forma di duttilità che favorisce l’innovazione creativa e la capacità di adattamento ai cambiamenti non previsti”. E sempre secondo questi principi, oggi inizia la Δίαιτα – Societing Summer School con la direzione scientifica di Adam Arvidsson e Alex Giordano.

Δίαιτα – Societing Summer School

Un’occasione per capire come attivare processi di innovazione tecnologica e sociale anche alla luce dei devastanti cambiamenti climatici e delle grandi disuguaglianze attuali, e per riflettere su come le comunità siano uno spazio di opportunità, non necessariamente legate a un territorio specifico “perché le nuove comunità sono un intreccio di conversazioni cui le persone partecipano in modi diversi, scegliendo dove, come e per quanto tempo allocarvi le proprie risorse di attenzione, competenze o disponibilità relazionale”. O ancora per ricollocare la tecnologia in una visione ecologica e generativa dello sviluppo. Apre i lavori Fabiana Dadone, Ministra per le Politiche Giovanili, con la quale alcuni ospiti, insieme ai partecipanti della Summer School, si confronteranno su cosa significhi realmente transizione digitale e tecnologica volta alla Next Generation EU. La cerimonia di apertura è trasmessa oggi 12 luglio alle 19.00 in diretta streaming nei canali social di Societing e visibile anche successivamente.

Il programma di Δίαιτα – Societing Summer School

Adam Arvidsson (Professore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università Federico II) parlerà di territori e corpi cercando di riflettere su come vivere insieme nell’Antropocene. Giaime Berti (del Laboratorio SuM, Istituto di Management, Scuola Superiore Sant’Anna) guiderà nella riflessione della relazione tra territori, cibo e dati, e sul ruolo che possono giocare i local digital food hub. All’antropologo Vito Teti l’ardua impresa di guidare i partecipanti nella geografia, nel mito e nella realtà dell’alimentazione mediterranea “per non rimanere instupiditi di fronte alle semplificazioni e mistificazioni del marketing della Dieta Mediterranea”. Alex Giordano (docente di Innovazione Sociale e Trasformazione Digitale dell’Università Federico II di Napoli) farà da collante tra i temi, cercando di indicare una prospettiva mediterranea alla transizione digitale ed ecologica. “Gli obiettivi didattici sono precisi: lavorare sul senso critico cioè imparare a farsi delle domande; andare alla ricerca delle risposte attraverso più fonti sia teoriche che sul campo; riflettere sull’uso e l’implementazione delle tecnologie nei contesti specifici”. Appuntamento a Paestum alle ore 19.00 del 12 luglio 2021.

Pubblicità

www.societing.org