Sarà l'occasione per presentare la guida Gelaterie d'Italia 2019 del Gambero Rosso, ma anche un'opportunità per scoprire tendenze e ultime novità del settore artigianale di panificazione, arte dolciaria, caffè in Italia e nel mondo. Ecco come il Sigep festeggia i suoi primi 40 anni.
Pubblicità

40 anni di Sigep

Sigep è l’acronimo di Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione artigianali, cui si è aggiunto nel tempo anche il Caffè. E quest’anno festeggia la sua 40esima edizione dal 19 al 23 gennaio, come sempre negli affollatissimi padiglioni della Fiera di Rimini (la scorsa edizione ha fatto registrare oltre 167mila visite e riunito 1250 espositori), dove le 5 filiere in esposizione (le quattro di cui sopra, più l’universo del cioccolato, che nella pasticceria fa storia a sé) saranno ampiamente rappresentate dai protagonisti della scena nazionale e internazionale. Così anche l’edizione 2019, in apertura d’anno, offrirà agli addetti ai lavori l’opportunità di confrontarsi con le nuove tendenze, aggiornarsi su tecnologie a attrezzature del mestiere all’avanguardia, imparare dai maestri, stringere nuove alleanze, catturare l’attenzione dei mercati stranieri. E infatti ricco sarà il programma di appuntamenti che prenderà vita negli spazi dedicati all’incontro e presso gli stand delle singole aziende, alle prese con il lancio di nuovi prodotti e format commerciali. In parallelo, le competizioni e i concorsi professionali metteranno alla prova i rappresentanti dell’eccellenza mondiale. Quando, nel 1980, Sigep ha aperto per la prima volta le porte al pubblico, il Salone coinvolgeva solo il mondo della gelateria e della pasticceria, riunendo 180 espositori; già allora accolse 30mila visitatori. Nell’84 il Salone si apre al mondo, ma solo nel ’97 esordisce in Fiera la filiera della panificazione; gli anni Duemila, invece, sono votati ad ampliare gli spazi a disposizione, incentivando la realizzazione di nuovi padiglioni. Nel 2011 esordisce anche il caffè.

 

Il futuro del Sigep. Le novità

Presente e futuro della manifestazione continuano così nel segno dell’evoluzione, offrendo ai visitatori attività ed esperienze sempre diverse e specializzate: 40°rty for the future è il claim di questa edizione. Il 2019, quindi, segnerà il battesimo del Sigep Lab, che presterà il fianco al calendario di degustazioni, lezioni e sperimentazioni sull’arte bianca riunite nella Bakery Events Area (padiglione 6). Prima volta anche per il World Coffee Roasting Championship, competizione mondiale che vuole premiare l’eccellenza della torrefazione (padiglione D3, dal 20 al 23 gennaio): sono più di 20 i Paesi partecipanti, in gara per l’Italia ci sarà Emanuele Tomassi. E per il caffè tornano anche le finali dei 7 campionati italiani baristi che ogni anno eleggono gli ambasciatori nazionali al World Coffee Events.

Pubblicità

L’app. Orientarsi al Sigep

Ma dopo il taglio del nastro del ministro Gian Marco Centinaio, sabato 19 alle 11, tutta la giostra del Sigep si metterà in moto per offrire uno spettacolo che nel fascino dell’artigianalità trova le sue radici. Per facilitare l’orientamento tra gli stand, quest’anno arriva in aiuto l’app Sigep, disponibile per iOS e Android: una mappa interattiva di supporto all’esplorazione dei 129mila quadri di esposizione, che permette all’utente di creare percorsi personalizzati e segnare in agenda gli appuntamenti da non perdere. Nell’ala Ovest saranno riuniti i 12 padiglioni della gelateria artigianale, con la Hall Sud palcoscenico del Sigep Gelato d’Oro. L’area Est, invece, ospiterà pasticceria, cioccolato e panificazione, con la Pastry Arena riferimento per i grandi eventi dolciari al padiglione B5. Cinque, invece, sono i padiglioni riservati al caffè, con il D1 dedicato agli eventi di riferimento.

 

Gelaterie d’Italia 2019 e gli appuntamenti del Gambero Rosso

Gambero Rosso sarà presente in fiera, nello Stand Orion (Padiglione C6 – ingresso ovest) con una serie di appuntamenti che culmineranno, il 21 gennaio, con la presentazione della guida Gelaterie d’Italia 2019.

Domenica ore 11.00: Il ritorno dei grandi classici. Dallo zabaione al pistacchio, al classico cioccolato

Pubblicità

I grandi maestri gelatieri hanno capito che non c’è niente di più coinvolgente di un cioccolato, di uno zabaione o di un pistacchio realizzati a regola d’arte. Sì, i sapori di una volta, ma resi contemporanei da quel magico mix di scienza e conoscenza che fa la differenza. Ne parliamo con Marco Gruppioni (Il Teatro del gelato, Sant’Agostino – FE), Raffaele Del Verme (Di Matteo, Torchiara – SA) e Rosario Leone D’Angelo (Siké Gelato, Milazzo – ME), che al pubblico presenteranno le loro creazioni. Effetto madeleine garantito.

Lunedì 21, ore 11.00: Gelato sostenibile, tra gusto e ricerca

Anche i gelatieri hanno iniziato, ormai da alcuni anni, ad andare incontro alle esigenze salutistiche, puntando sulla qualità assoluta delle materie prime di base, a cominciare dal latte. Non solo, si dimostrano attenti al verde e alla sostenibilità ambientale con prodotti biologici, a basso impatto. È un gelato sostenibile sotto tutti i punti di vista, che dialoga sempre di più con l’agricoltura (possiamo chiamarla agrigelateria?). Ne parleremo con Stefano Guizzetti (Ciacco, Parma), Stefano Roccamo (Stefino, Bologna) e Dario Rossi (Greed Avidi di Gelato, Frascati).

Lunedì 21, ore 14.30: Presentazione della guida Gelaterie d’Italia 2019 del Gambero Rosso

Giunge alla terza edizione la prima guida che dà i voti ai maestri del brivido, che quest’anno porta con sé una novità: una mini guida dedicata al gelato del pasticcere. Durante la presentazione, oltre a scoprire la classifica dei migliori maestri gelatieri, sveleremo i quattro premi speciali – miglior gelato al cioccolato, gelatiere emergente, miglior gelato gastronomico e premio sostenibilità – e la novità dell’anno, ovvero il gelato del pasticcere. A seguire una degustazione “da brivido”.

Martedì 22 gennaio, ore 11.00: Gelato e Territorio con Paolo Brunelli e Alberto Marchetti

Altro che pasta e pizza, nel cuore degli italiani al primo posto c’è il gelato, quello artigianale in

particolare. E così Paolo Brunelli e Alberto Marchetti da anni sfruttano l’appeal di questo prodotto per dare visibilità a tutti quei giacimenti gastronomici italiani che spesso non trovano grandi vetrine. Il gelato, che mette d’accordo davvero tutti, diventa così un pretesto per parlare di altro. E al pubblico i due grandi maestri presenteranno i loro gelati, che raccontano di territori, persone e passioni.

Martedì 22, ore 14.00: L’arte della pasticceria e il gelato con Simona Carmagnola di Pavè

Una giovane squadra che in pochi anni è diventata punto di riferimento per le colazioni e le pause dolci dei milanesi, ha deciso di aprire anche una gelateria declinando i fantastici dolci in gelati. Una sfida ardua, quella dei ragazzi di Pavè, vinta grazie alla competenza e alla professionalità di Simona Carmagnola, bravissima a trasformare in gelato la filosofia della casa. Durante l’appuntamento presenterà le sue creazioni. Qualche anticipazione? Preparatevi per i golosi gelati alla Sbrisolona e Torta Tonka.

Sigep – Rimini – dal 19 al 23 gennaio – www.sigep.it

 

a cura di Livia Montagnoli e Annalisa Zordan