L'alcol è rischioso per la gravidanza, anche se lo assumono i futuri papà

29 Nov 2023, 11:59 | a cura di Marzio Taccetti
Esisterebbe una correlazione tra alcol e malformazioni fetali che non riguarda il consumo di alcolici da parte delle donne in gravidanza, ma dei futuri padri

Il consumo eccessivo di bevande alcoliche da parte degli uomini potrebbe avere un ruolo nello sviluppo di malformazioni del feto come la sindrome feto-alcolica. È quanto emerge da uno studio che si basa sul ruolo degli spermatozoi come portatori di una grande quantità di informazioni epigenetiche – istruzioni che regolano l'espressione dei geni senza alterare la sequenza del DNA – che influenzano fortemente lo sviluppo fetale e la salute del bambino.

Alcol e gravidanza, presupposti di partenza

A portare avanti la ricerca è stato il fisiologo Michael Golding, professore della Texas A&M University che ha indagato sulla correlazione tra malformazioni fetali ed alcol in relazione agli uomini, trovando mancanza di dati a riguardo. “Quando si tratta di diagnosticare i bambini nati con difetti alla nascita associati al consumo di alcol, come la sindrome fetale da alcol, generalmente si prende in considerazione solo l’abitudine a consumare degli alcolici della madre” dichiara nel suo articolo. “Io e il mio team ci siamo concentrati sul suo consumo da parte dei maschi nelle settimane e nei mesi precedenti il concepimento. I nostri studi sono i primi a dimostrare che tale abitudine sia un fattore plausibile ma del tutto inesplorato nello sviluppo di anomalie cranio-facciali e di deficit di crescita legati all'alcol”.

Lo studio

A livello clinico si è osservato che la sindrome fetale da alcol si verifica quando l'alcol presente nel sangue della madre passa al bambino attraverso il cordone ombelicale. “Questa convinzione -spiega Golding- ha portato a credere che i difetti congeniti legati all'alcol siano presumibilmente causati esclusivamente dal consumo di alcol da parte della madre durante la gravidanza. Tuttavia, i risultati dimostrano che esistono numerosi casi documentati in cui i bambini con questa diagnosi sono nati da madri che hanno negato di aver consumato alcolici durante la gravidanza”.

Lo studio si è basato su tre difetti, osservabili alla nascita, dovuti alla sindrome alcolica fetale: anomalie facciali, tra cui occhi piccoli e malformazioni al centro del viso; crescita ridotta della testa e del cervello. “Sulla base di un precedente studio sugli esseri umani, abbiamo utilizzato un software di riconoscimento facciale per studiare gli effetti del consumo di alcol sulla faccia dei topi nati da madri, padri o entrambi i genitori che avevano consumato alcol prima del concepimento”. I risultati mostrano che l’esposizione cronica del maschio all’alcol aveva ripercussioni sulla formazione del cervello, cranio e un peso inferiore alla norma della prole, alla nascita.

“I nostri studi - spiega Golding - dimostrano un consumo eccessivo da parte degli uomini - più di cinque drink al giorno in una finestra di quattro ore - può determinare tutti e tre i difetti alla nascita della sindrome fetale da alcol. Prevedo che alcuni membri delle comunità mediche e scientifiche, così come l'opinione pubblica, negheranno con forza che l'alcolismo paterno sia importante. Tuttavia, finché i medici non inizieranno a chiedere al padre di parlare del suo consumo di alcol, non conosceremo mai appieno il contributo dell'esposizione paterna all'alcol ai difetti congeniti e alla salute dei bambini” conclude il fisiologo.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram