Un libro utile, con ricette facili, che nasce per non doversi più fare la classica domanda: “Che si mangia stasera?”. È l'Almanacco alimentare 2020. E qui c'è anche una delle 365 ricette.
Pubblicità

Un calendario con ogni giorno indicata una ricetta diversa, per un’alimentazione sana e bilanciata grazie al contributo di un medico gastroenterologo. Si può riassumere così l’Almanacco alimentare 2020 che, dopo il successo della scorsa edizione, torna in libreria con ricette inedite.

Lo scopo di Almanacco alimentare 2020

Lunedì minestra, martedì polpette, mercoledì legumi, giovedì gnocchi, venerdì baccalà, sabato trippa, domenica pasta fresca e poi ricominciare: le abitudini sono tranquillizzanti. È sempre stato così: l’economia domestica traeva dagli schemi ripetuti autorevolezza e convenienza, senza rimpianti per la fantasia”. Comincia così, e non a torto, il libro che propone 366 ricette per altrettanti giorni dell’anno (il 2020 è bisestile!), con lo scopo di semplificare la vita alle persone tenendo conto anche di un costo ragionevole, grazie all’utilizzo di prodotti di stagione, e di un’alimentazione sana e bilanciata.

Almanacco alimentare 2020. Gli autori

A concepire l’almanacco, tre personaggi dai background quanto meno curiosi e lontani tra loro. Marco Consentino è esperto di comunicazione istituzionale e scrive di costume e comportamento, Alessandra Gigli è attrice del Piccolo Teatro e al tempo stesso cuoca, mentre Luca Piretta è medico gastroenterologo, docente di Allergie e intolleranze alimentari al Campus Biomedico di Roma. Tutti e tre hanno messo in campo le loro conoscenze per scrivere un libro il più facile e immediato possibile.

Pubblicità

Almanacco alimentare 2020. Il libro

L’almanacco comincia, infatti, con una specie di manuale di istruzioni, per poi continuare con delle premesse utili, come l’interazione con gli altri pasti, l’attrezzatura necessaria, la dispensa base che bisogna avere a casa, dei trucchi per conservare al meglio alcuni ingredienti (lo sapevate che gli spicchi di aglio, ovviamente non sbucciati, si mantengono meglio in un barattolo di terracotta o alluminio con coperchio?), delle dritte per fare una spesa oculata. E ancora dei suggerimenti per avere un frigorifero e un congelatore più performanti. Dopodiché si passa alle 366 ricette, tutte corredate da una valutazione nutrizionale.

Almanacco alimentare 2020

La ricetta prevista per oggi 15 settembre: Tartare e pomodori

Ingredienti per 3 persone

500 g di carne di manzo (meglio pezza, controfiletto, scamone o noce/rosa)

60 g d’olio (6 cucchiai)

Pubblicità

500 g di pomodori datterini (o simili; se potete, assaggiatene uno prima di comprarli: è utilissimo…)

1 limone

4 g di sale

2 g di pepe

Una ventina di foglie di basilico (se preferite, l’equivalente in mentuccia, nepitella o

maggiorana purché freschi)

40 g di bottarga (circa la metà di ½ baffa; si chiama così)

Accendete il forno a 180°. Con il coltello più affilato a vostra disposizione, sul tagliere, dividete il manzo in fette sottili, quindi in striscioline, da ultimo in quadratini più piccoli che potete. Mettete la carne in un contenitore di vetro. 15 minuti; (tempo da non considerare se si è scelto di far tagliare la carne in macelleria. Si tratta di un servizio che non ovunque viene eseguito “a coltello”; in quest’ultimo caso è possibile che l’operazione sia effettuata con il tritacarne. Non va bene ma eventualmente, pazienza. Verificate solo – questo sì, è indispensabile – che venga macinato il “pezzo”: usare del tritato qualsiasi toglierebbe senso al piatto)

Tagliate il pane a fette il più possibile sottili e mettetele ad abbrustolire in forno. Apparecchiate la tavola. Con il riga limoni ricavate gli zest dalla buccia del frutto. Usando il coltello di ceramica fate a striscioline il basilico. Pestate il pepe nel mortaio. Condite la carne con il pepe, metà olio e sale mescolando a lungo con due cucchiai. 15 minuti

Togliete il pane dal forno. Tagliate a metà i pomodorini in una coppa. Conditeli con i rimanenti olio e sale. Dividete la carne in 3 parti uguali e con il coppapasta grande (eventualmente, anche formine quadrate o rettangolari vanno benissimo) sistematela al centro dei piatti piani. Tagliate a fettine la bottarga in una ciotola. Distribuite sulla carne bottarga, zest di limone e basilico. Completate con il pane abbrustolito. 10 minuti

Da consumare a temperatura ambiente, che il freddo copre gli aromi. Portate in tavola i piatti insieme all’insalata di pomodori.

Almanacco alimentare 2020 – Marco Consentino, Alessandra Gigli e Luca Piretta – Cairo – 219 pp. – 15€