Si aprirà il 9 ottobre l'asta online dedicata ad oltre 200 oggetti appartenuti ad Anthony Bourdain, scomparso a giugno 2018. E sarà un'opportunità per aggiudicarsi i ricordi di una vita del celebre cuoco-divulgatore americano. Tanto più che i prezzi di partenza cercheranno di favorire la partecipazione di un pubblico ampio.
Pubblicità

L’addio a Anthony Bourdain. I suoi oggetti all’asta

È passato più di un anno dalla scomparsa di Anthony Bourdain, che nei primi giorni di giugno 2018 si toglieva la vita nella sua stanza d’albergo in Francia, durante le riprese della stagione 12 (rimasta incompiuta) di Parts Unkown (Cucine Segrete). E sarà presentato anche qualche oggetto di scena all’asta online in ricordo dell’appassionato cuoco-divulgatore americano che si aprirà nel mese di ottobre. In gran parte il ricavato delle vendite spetterà alla famiglia di Bourdain (l’ex moglie Ottavia Busia e sua figlia Ariane), ma il 40% del totale sarà reinvestito per finanziare le attività di un nuovo corso promosso dal Culinary Institute of America intitolato a Bourdain, che garantirà agli studenti di girare il mondo per avere una prospettiva quanto più aperta alle differenze e favorevole al confronto con altre culture. Proprio come il frontman della CNN ha sempre affrontato la scoperta dell’altro (non solo in cucina) nei suoi programmi e nei progetti di comunicazione che ha sviluppato, contribuendo all’affermazione di un’idea di cultura gastronomica che non conosce confini.

Anthony Bourdain al tavolo di un caffè

L’asta online. Gli oggetti più “preziosi”

E anche l’asta battuta da Lark Mason, come riporta il New York Times,  sarà un’opportunità per condividere il punto di vista di Bourdain su un’esistenza vissuta senza mai risparmiarsi, portandola spesso agli eccessi. Attraverso i ricordi evocati da più di 200 oggetti che gli sono appartenuti, per un valore complessivo stimato tra i 200mila e i 400mila dollari. “Souvenir” collezionati durante i suoi innumerevoli viaggi, feticci di cucina, ma anche opere d’arte cui Bourdain era particolarmente legato, come il dipinto di cui John Lurie – mitico sassofonista nella New York degli anni Ottanta, oggi pittore, e tra i protagonisti della puntata incompleta di Parts Unkown che Bourdain ha dedicato al Lower East Side (divulgata postuma, a concludere una stagione che negli ultimi giorni ha fatto incetta di premi agli Emmy Awards) – gli aveva fatto omaggio. E poi libri, dischi, appunti manoscritti che lasciano traccia di idee e progetti. Ma anche un coltello da cucina di cui Bourdain era particolarmente geloso, realizzato in Sudamerica da Bob Kramer appositamente per lui, probabilmente il pezzo che sarà battuto al prezzo più alto durante l’asta. E ancora lo scrittoio di metà Novecento dove talvolta scriveva nel suo appartamento di Manhattan, raccontato da chi gli era più vicino come uno spazio arredato con gusto e grande ricercatezza. Parte della collezione all’asta, invece, riguarda capi d’abbigliamento indossati o conservati da Bourdain in ricordo dei suoi viaggi intorno al mondo. Come il giubbotto militare (personalizzato con il logo di due coltelli incrociati) ricevuto in dono nel 2006 dell’U.S. Navy, quando Bourdain fu costretto a lasciare Beirut per l’aggravarsi del conflitto in Libano.

L’asta online di Anthony Bourdain. Come partecipare

Bourdain stesso amava raccontarsi attraverso ciò che aveva raccolto viaggiando per scoprire storie ordinarie e straordinarie. Era un modo per ricordare gli incontri di una vita spesa in nome della curiosità, con voracità. Nel 2013 ne aveva parlato a lungo con il WSJ, citando, tra l’altro, un oggetto-feticcio apparso nella puntata su Parigi di Parts Unknown: una “pressa” per anatra che sarà in mostra nell’esposizione aperta al pubblico che precederà l’asta, a New Braunfels (Texas), per poi finire in vendita con prezzo iniziale fissato a 300 dollari. L’asta, invece, sarà aperta dal 9 al 30 ottobre sul sito igavelauctions.com . Chi vuole avanzare un’offerta è avvisato: per volontà della famiglia, i prezzi di partenza sono stati concertati perché tutti possano partecipare all’asta. Auspicando che chi lavora in cucina, e in Bourdain ha sempre trovato l’ispirazione, possa aggiudicarsi uno dei suoi oggetti.

Pubblicità

L’elenco degli oggetti che saranno battuti all’asta

 

a cura di Livia Montagnoli