Barilla apre un contest rivolto a chiunque voglia cimentarsi con l'invenzione di un nuovo formato di pasta secca, dietro compenso di 4mila euro per il progetto vincente. Ecco come partecipare.
Pubblicità

Quando si tratta di pronunciarsi sul proprio formato di pasta preferito, in Italia, la discussione si accende, animata da schieramenti contrapposti che sostengono la superiorità della pasta lunga su quella corta, o viceversa; il primato della rigata sulla liscia, prima che intervengano argomentazioni della controparte per affermare esattamente il contrario. La querelle sulle penne lisce o rigate, tema che ha riguadagnato spazio nell’ultimo anno di pandemia, è solo l’ennesima conferma di questo assunto. Ma se fosse possibile creare dal nulla un nuovo formato e personalizzare la pasta che abbiamo nel piatto, cosa inventeremmo? Barilla New Pasta Shape è la risposta a questa domanda. O meglio, un invito a mettersi in gioco.

Barilla New Pasta Shape. Il concorso

Cioè un concorso, promosso dall’azienda leader del mercato in questione, aperto alla partecipazione di tutti, per ideare nuovi concept di pasta secca alternativi a quelli già presenti in commercio. Il nuovo prodotto dovrà rivoluzionare gli aspetti estetici, funzionali e gastronomici della pasta, dunque non solo presentare una forma innovativa, ma, per esempio, anche contemplare l’utilizzo di materie prime meno comuni, come il farro, il grano saraceno, le farine di legumi, il mais o il riso (ma attenzione: come ricorda il bando, la scelta dell’ingrediente dev’essere correlata alla forma stessa, dal momento che la farina con le proprie caratteristiche, influenza l’aspetto e la consistenza del prodotto. È importante che la pasta dopo cottura mantenga la forma, non si rompa, non sia appiccicosa e abbia una consistenza al dente). Il contest è già stato avviato sulla piattaforma online Desall.com e la fase di presentazione dei progetti si chiuderà il prossimo 4 giugno: purché maggiorenni, tutti possono cimentarsi con la sfida, candidando una o più idee. Il vincitore sarà annunciato nel mese di luglio e si aggiudicherà 4mila euro, ma Barilla si riserva la possibilità di esercitare un diritto di opzione, offrendo anche ad altri progetti un compenso pari a 1500 euro per l’acquisto della licenza sui formati che dovessero risultare interessanti in vista di una immissione sul mercato.

Come inventare un nuovo formato di pasta?

L’obiettivo dell’azienda è infatti quello di concentrarsi sulla produzione di nuovi formati di pasta che possano rinnovare l’esperienza di consumo. Secondo le linee guida fornite ai creativi che vorranno mettersi in gioco, dunque, “le forme dovranno essere chiare, definite, innovative, capaci di generare curiosità al momento dell’acquisto e scatenare la creatività del consumatore nell’utilizzo del prodotto”. Inoltre il formato di pasta proposto dovrà interagire in modo funzionale con il condimento, mescolando, contenendo o trattenendo il sugo “per creare un effetto policromatico e fornire un’esperienza gastronomica appagante”. E in tal senso, al designer di turno spetterà stabilire quale superficie sia più consona all’uso, spaziando da finiture super lisce a soluzioni super ruvide. Unico veto, l’opzione pasta ripiena, non contemplata nel contest, come pure l’utilizzo di additivi. I progetti caricati online – con testo in lingua inglese, essendo la competizione aperta a partecipanti di tutte le nazionalità –  dovranno essere corredati da immagini, meglio se render 3D o prototipi. Nel valutare le idee, Barilla darà priorità a funzionalità, grado di innovazione e qualità estetica, giudicando anche la fattibilità tecnica e la coerenza con i valori e l’immagine del brand. A pochi giorni dall’apertura del bando sono già pervenute poco meno di una ventina di proposte.

Pubblicità

www.desall.com/Contest/Barilla-New-Pasta-Shape/Brief