Non una cena a 4 mani come tante altre, ma un evento a sorpresa, nello stile del flash mob, per coinvolgere gli inconsapevoli ospiti di una serata qualunque, sulla terrazza di Ceresio7. E con la complicità degli chef ospiti la cena si trasformerà in un appuntamento unico. Le date? Sono un mistero.
Pubblicità

Chef Mob. Il flash mob al ristorante

Cominciamo col dire che non potremo indicare una data. E già questo è un indizio utile per introdurre l’idea che sta dietro al progetto Chef Mob. Un flash mob gastronomico, per intenderci. Che coinvolgerà i commensali, inconsapevoli, del ristorante milanese Ceresio7, con la complicità di uno chef ospite, che, a sorpresa, si rivelerà agli avventori solo poco prima che inizi la cena. Dunque un approccio diverso alla consueta “cena evento”, che si propone di interrompere la normale routine del ristorante – consultazione del menu, ordine, cena – per offrire ai clienti un’esperienza originale e imprevista. Chef Mob si sviluppa in un ciclo di 6 serate distribuite nell’arco di 12 mesi. Sei serate a quattro mani, dove anche l’identità dello chef ospite – come la data dell’evento – viene comunicata all’ultimo minuto, solo quando tutti hanno già preso posto ai tavoli, proprio come in un flash mob artistico, da cui prende ispirazione il nome. Dunque prendere parte all’iniziativa sarà una possibilità completamente accidentale: i clienti che, casualmente, prenoteranno un tavolo nella serata “giusta”, potranno sperimentare il menu creato per l’occasione dal resident chef Elio Sironi, insieme a un grande nome della cucina italiana e internazionale.

Elio Sironi ospita 6 chef a sorpresa

Allo staff di sala il compito di introdurre gli ospiti allo chef mob, presentando la serata e il menu, svelando il nome dello chef e i piatti della degustazione speciale. Anche la carta, per assecondare l’idea che sta dietro al progetto, sarà diversa di volta in volta, e personalizzata in modo creativo, così da rappresentare un ricordo-cadeau per il pubblico del flash mob. Il primo appuntamento, solo un paio di giorni fa, ha portato nella cucina milanese di Sironi lo chef sloveno Tomaz Kavcic. Ma l’evento replicherà già nel mese di novembre, chiaramente in data segreta. Già noto, invece, è il nome del cuoco che presenzierà, Antonio Zaccardi, già sous chef di Enrico Crippa e oggi alla guida della cucina del Pashà di Conversano. Chi non vorrà seguire il percorso degustazione immaginato dagli chef, potrà comunque godere dell’eccezionalità dell’evento ordinando a la carte da un menu creato ad hoc per la serata: 10 piatti in tutto, 5 a firma di Elio Sironi, 5 proposti dallo chef ospite. Tutto questo circondati da un contesto decisamente suggestivo, con l’opportunità di godere della vista sui tetti di Milano. Restano ancora 5 occasioni per essere sorpresi. Quando? Chissà…

Ceresio7 – Milano – via Ceresio, 7 – www.ceresio7.com

Pubblicità

 

foto di Martino Dini