Dove mangiare sushi a Roma: i locali da provare

29 Gen 2022, 15:58 | a cura di Michela Becchi
Moltissime le insegne valide per un ottimo sushi nella Capitale: la guida Sushi del Gambero Rosso ne segnala ben 24. Ecco quali sono.
Pubblicità


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI
THE BEST IN ROME & LAZIO

Ristoranti fusion e portabandiera della cucina nipponica più autentica, locali contemporanei e insegne di riferimento ormai da anni: a Roma sono tanti e di diverso stile gli indirizzi sicuri per un ottimo sushi, tutti raccolti nella guida Sushi del Gambero Rosso. Ecco quali sono.

I migliori sushi di Roma

Elements

Interessante indirizzo di cucina contemporanea giapponese dal tocco internazionale e ricercato a pochi passi da via Veneto. Materie prime di livello, provenienti da tutto il mondo entrano nelle preparazioni: ottimi i nigiri, il sashimi e gli uramaki, specialmente il Panic special rool, un involtino di riso con salmone crudo, tonno del Mediterraneo e asparago, ricoperto da capasanta e porro fritto. Buoni carpacci, tartare e ceviche.

Pubblicità

Elements – via Palermo, 65 – elementsroma.it/

Finger’s

Diverse sedi per locali raffinati e molto curati, sia nella proposta culinaria che nell’accoglienza. L’insegna si basa sulla proposta fusion nippo-brasiliana firmata da Roberto Okabe, chef di origini giapponesi ma cresciuto in Brasile. Grande scelta di carpacci e tartare, ottimo il capitolo sushi: sashimi e nigiri sono perlopiù classici, tante le varianti degli uramaki, da abbinare anche a cocktail ben eseguiti.

Finger’s – via F. Carrara, 15 – fingersrestaurants.com/i-ristoranti/fingers-roma/

Hamasei

Tra i primi (se non il  primo )ristorante giapponese di Roma, aperto nel 1974. L’assortimento di sushi varia sulla base del mercato, ma si può contare sempre su una materia prima di qualità, tagliata con precisione e accompagnata da buon riso. Ben riusciti i futomaki con anguilla giapponese, buonissime le pietanze cotte, tra cui spiccano gli yakitori, spiedini di pollo arrostiti in maniera perfetta.

Pubblicità

Hamasei – via della Mercede, 35 - roma-hamasei.com/

Hasekura

Nel quartiere Monti, il locale fondato quasi trent’anni fa da kimiji e Franca Palma è stato tra i primi a portare il sushi in città. Qui si mangia pesce sempre fresco, tagliato in maniera impeccabile: si sceglie tra sashimi, tartare e chirashi, le ciotole di riso marinato con pesce fresco, e poi nigiri e hosomaki. Regalano grandi soddisfazioni anche i piatti caldi, tra cui le zuppe e le tempure croccanti. Carta dei vini in linea.

Hasekura – via dei Serpenti, 27 – hasekura.it/

Kiko Sushi Bar

Ai margini del quartiere San Lorenzo, Kiko può contare su una clientela fedelissima. La sua è una proposta decisa, dritta all’essenza, con sushi nelle varianti tradizionali, insalate, varietà di rolls, tempura e teriyaki e poco altro. Ottime le materie prime, dal riso alle alghe, e naturalmente il pesce; perfetta la realizzazione. Da non perdere i nigiri, ricchi e golosi, in particolare l’unagi con anguilla. Si può scegliere poi la tipologia di pesce e il modo in cui gustarlo: sashimi, nigiri, maki e temaki.

Kiko Sushi Bar – p.le del Verano, 90 – kikosushibar.it

Kisaki Ramen&Sushi

Le specialità citate nell’insegna valgono l’assaggio, ma sono ottimi anche i gyoza, sia fritti che alla piastra, con pollo, gamberi e verdure, carne di maiale o solo verdure. Sul versante sushi si assaggiano nigiri, sashimi e gunkan da manuale, con prodotti di gran livello. Bella la carta dei sakè, che viene spiegata nel dettaglio dal personale di sala.

Kisaki Ramen&Sushi – p.zza Capranica, 75 - kisaki.it/

Komorebi Restaurant

Nel cuore di Ostia un locale nato dalla passione per il sushi, basato su ingredienti italiani di qualità e affiancato da una linea di cocktail sapientemente miscelati con le tecniche giapponesi del bartending. Ci sono i classici sashimi e nigiri, ma anche hosomaki e uramaki (imbattibile l’Ura Bass Cod, con spigola in tempura, spuma di baccalà, fragole e salsa teriyaki), e poi appetitose tartare. Buona carta dei vini, prettamente laziali.

Komorebi Restaurant – via della Stazione Vecchia, 5/7 - komorebirestaurant.com/

Mikachan

Si possono acquistare snack e prodotti tipici in arrivo direttamente dal Giappone, oppure ci si accomoda per gustare preparazioni calde come ramen o udon. Tra le specialità della casa, il fishkatsu, una spigola panata, e poi i nigiri con tonno rosso o anguilla laccata. Buoni anche gli onigiri e il sushi, preparato secondo tradizione. Si bevono birre artigianali e sakè.

Mikachan – via Torcegno, 39 – www.michachan.it

Mun Sushi Bar

Valide materie prime e mani esperte fanno la differenza in questo locale dall’atmosfera accogliente e familiare. Tra i tanti sfiziosi uramaki, ben dosati negli accostamenti, spiccano il Lunar Roll con riso, alga, salmone, avocado, sesamo, top di tartare di salmone e cream cheese, mandorle, erba cipollina. Buoni anche i nigiri e i sashimi.

Mun Sushi Bar – via dei Gelsi, 43 - munsushibar.com/

Nojo

Una valida contaminazione tra Oriente e Occidente anima i piatti frutto dell’estro e della passione dello chef Valerio Esse. Dal sushi bar pesce freschissimo declinato in vari tagli e abbinamenti, alcuni classici altri più estrosi. Deliziosi i pokè, come il California con granceola artica, avocado, top di salmone scottato, maionese piccante e pasta kataifi, o il Truffle Tuna con tartare di tonno, maionese giapponese e lamelle di tartufo estivo.

Nojo – via di Tor di Quinto, 35 - nojo.it/

Off Club

Un locale eclettico, dagli spazi ampi, suddivisi su tre livelli e caratterizzato da arredi che colpiscono per originalità dei tessuti e dei colori. Oltre alla carta sono disponibili due menu degustazione che spaziano tra le varie tipologie di cucina proposte. Curato il taglio del sashimi, ben integrati gli ingredienti degli uramaki, ottimi i piatti di contaminazione, in particolare il bao con coda alla vaccinara.

Off Club – via di Casal Bertone, 64 - offclubrome.com/

Otosan

Otosan in giapponese vuol dire papà, e questo bel locale sulla Nemorense è una costola dell’altro nel quartiere Prati che- non a caso – si chiama Okasan (mamma). Un ambiente curato fatto di materiali naturali accoglie gli ospiti, che qui possono concedersi diverse proposte interessanti preparate dal shokunin esperto Fumio Saito. Il sushi mix è una garanzia, ma si possono provare anche le opzioni più tradizionali e il ramen.

Otosan – via Nemorense, 101 - otosanroma.it/

Rokko

Posizione centralissima per questo approdo sicuro per gli amanti del Giappone. Tra gli esordi, saporiti i gyoza e la zuppa di miso, il sushi è curato come tutte le altre proposte, a partire dal riso autoprodotto nel vercellese dall’azienda di proprietà, per finire al pescato di gran selezione. Imbattibili sashimi e chirashi.

Rokko – passeggiata di Ripetta, 15 – ristoranterokko.com

Shimai

Un locale piccolo e accogliente, che ha all’attivo oltre dieci anni di esperienza e di attenzione alla qualità della materia prima, delle preparazioni, del servizio. Degni di nota gli uramaki, a base di tonno, salmone, spigola, dentice, ricciola, ombrina e declinati in tantissime squisite opzioni, e poi gli hosomaki e i sashimi, ben calibrati nelle proporzioni di riso e pesce.

Shimai – via Eschilo, 188 - shimai.it/

Shiroya

Un angolo autentico di Giappone a due passi da Campo de’ Fiori. Si mangia bene in un’atmosfera gradevole, con dehors sulla piazza del Museo Barracco, a cominciare dai donburi crudi e cotti, oltre ai gyoza fatti a mano, un’ampia varietà di ramen e alcuni piatti della tradizione casalinga nipponica.

Shiroya – via de’ Baullari, 147 - shiroya.it/

Somo

Un bel locale alle pendici del Gianicolo dove assaggiare nigiri e rolls in sfiziose varianti, tutte capaci di esaltare la qualità del pesce fresco. Scegliendo i set, si possono provare i maki con salmone, pistacchio, genmaicha e limone, oltre a tonno rosso con zenzero, sedano e cocco. Alla carta i rolls con spigola, verdure e lime sono da provare.

Somo – via G. Mameli, 5 - somorestaurant.com/

Sozo

Più dei nigiri, dove comunque si apprezza la freschezza della materia ittica, vale la pena assaggiare i roll in varianti creative, equilibrati nei sapori e generosi nella quantità del pesce. Originali i gunkan e i temaki, e anche i sashimi. Buone le proposte di crudi, dalle ostriche alla tartare. Lista ben pensata di vini italiani.

Sozo – via Duccio di Buoninsegna, 49 - sozoroma.it/

Sushi e Noodles

Tre indirizzi in città per questa insegna che offre piatti della cucina asiatica e proposte fusion. I locali sono tutti arredati con cura, non manca il tradizionale tatami e, nella più recente sede di via Tuscolana, c’è anche un gradevole dehors con banco per aperitivo. Da provare il temaki con tonno, avocado e maionese piccanti, e poi la selezione di nigiri del giorno.

Sushi e Noodles – v.le Tuscolana, 840 – viale Aventino, 117 – via G.G. Belli, 67 - sushienoodles.it/

Sushisen

Ci si siede ai tavoli o al kaiten e, in qualsiasi caso, il viaggio gastronomico è accompagnato dal personale puntuale e competente, capace di guidare i clienti tra le varie proposte del menu. Vero protagonista è il sushi in tantissime declinazioni, fatto con pescato fresco e riso cotto alla perfezione.

Sushisen – via G. Giulietti, 21 a – sushisen.it

Sushita

I piatti sono frutto di una valida materia prima e si declinano in grandi classici e contaminazioni ben riuscite: di buon livello i carpacci e i sashimi, che danno subito prova della qualità del pescato, e pure i nigiri. Freschi e ben dosati gli uramaki, declinati nei classici o nelle varianti veggie e special. Fanno la loro parte anche ceviche, sushi burger e i piatti caldi della cucina.

Sushita – via Nomentana, 221 - facebook.com/sushitaroma/

Taki

Non si transige sulla qualità degli ingredienti, il locale è certificato tra i Japanese Food Supporter dall’Istituto per il commercio estero nipponico. Il sashimi è tagliato a regola d’arte, il gusto del riso nei nigiri è squisito, i roll sono tutti sfiziosi e ben presentati. Dalla cucina arrivano poi tartare, piatti di carne e di pesce.

Taki – via M. Dionigi, 56 - taki.it/

Tora Sushi & Asian Cuisine

A due passi da piazza Navona, un piacevole locale che propone non solo sushi e cucina giapponese ma anche piatti fusion. I nigiri sono ben eseguiti e presentati con grazia, i maki sono porposti in diverse versioni creative ed elaborate, sempre ben equilibrate. In abbinamento vini, tè, ampia scelta di sakè e birre artigianali.

Tora Sushi & Asian Cuisine – c.so del Rinascimento, 71 - torasushiroma.it/

Umami

La vocazione di questa trattoria giapponese è quella di restituire le ricette della tradizione culinaria della regione del Kanto nella maniera più autentica e vicina ai sapori originari. Una scommessa vinta a suon di gyoza, ramen e udon, a cui da un po’ di tempo si è aggiunto anche il comparto sushi, dal taglio giusto e il sapore bilanciato. Si chiude in dolcezza con dorayaki e mochi.

Umami – via Veio, 45 - m.facebook.com/umami.roma/

Zuma

La sede italiana della corazzata internazionale fondata dallo chef imprenditore Rainer Becker gode di una posizione centralissima. Qui si gustano ricette tipiche della cultura niponica dell’izakaya, con qualche incursione creativa come la robatayaki, la griglia a carbone a vista, e le tante interpretazioni del sushi. Fiore all’occhiello, i nigiri – di dentice, ventresca di tonno, capasanta oppure in versione vegetariana – senza dimenticare gli originali maki. Valida carta dei vini e ampia selezione di sakè di pregio, tanti appuntamenti diversi movimentano la proposta.

Zuma – via della Fontanella di Borghese, 48 - zumarestaurant.com/locations/rome/

a cura di Michela Becchi

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X