Visitate il Duomo o il Palazzo dei Papi, oppure – spostandovi di una manciata di chilometri - la meravigliosa Villa Lante. Ma poi concedetevi un pranzo o una cena nella bella Viterbo.
Pubblicità

Mangiare a Viterbo. Ristoranti e pizzerie

L’Altro gusto

Mangiare a Viterbo? Iniziamo con i suggerimenti. Architettura storica, con pareti in pietra, arredamento moderno caratterizzato dal cromatico candore del bianco, come le travi del soffitto. E poi una proposta convincente realizzata con materie prime stagionali tra piatti di terra, con buona carne cruda e cotta, paste fresche e qualche proposta al gusto mare.

via delle Maestre, 2 – centro storico – 0761220973 – http://www.laltrogustoristorante.it

agriturismo braciami viiterbo

Agriturismo Braciami

Eclettica braceria, alle porte di Viterbo venendo dai Cimini, con uno stravagante stile vintage, connubio perfetto tra la modernità del fast(-slow) food e la tradizione locale. Hamburger con pane fatto in casa, supplì, frittelle e paste fresche di produzione della cucina, carni dalle molteplici marinature cotte a vista sulla brace, tartare e piatti della cucina internazionale, da accompagnare a vini locali selezionati e cocktail. Tutto gira intorno alla carne marchigiana dell’allevamento di famiglia, gestito dal 1933. Non mancano piatti vegetariani e sfizi per i più piccoli.

Pubblicità

strada provinciale Cassia Cimina, 21 – 3913400095 – http://agriturismobraciami.com

Agriturismo Il Casaletto

Agriturismo Il Casaletto

Mangiare a Viterbo però in un contesto agricolo. Immerso nelle campagne viterbesi, l’agriturismo della famiglia Ceccobelli (Marco ai fornelli e Stefano in campagna e ai salumi) è un rifugio ideale per gli amanti della cucina tradizionale, realizzata con materie prime d’eccellenza prodotte al 90% in azienda e provenienti dal territorio limitrofo. Insegna che conquista i Tre Gamberi nella guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso. I piatti, rustici e veraci ma tutti ben fatti e studiati, ricordano i pasti sostanziosi di chi tornava dal lavoro nei campi e consumava quello che l’agricoltura e la campagna avevano prodotto. Squisita la carne di maiale dell’allevamento di famiglia, dai salumi, presenti anche come condimento delle buone pizze a lievitazione lenta, ai ricchi ragù, ai secondi alla brace e al forno dove si privilegiano le cotture lente, o al tegame, accompagnati da verdure dell’orto condite con ottimi oli della zona. Valida inoltre la selezione dei formaggi del territorio e ampia e ben curata la carta dei vini e degli oli extravergine (una decina in carta). Servizio cortese e dolci genuini fatti in casa e assolutamente ben realizzati e studiati da Donata Baccelliere, anche con aperture verso i nuovi orizzonti della tendenza alla dieta chetogenica (senza zuccheri e carboidrati). Ottima la pizza, una delle migliori in Tuscia.

frazione Grotte Santo Stefano – strada Grottana, 9 – 0761367077 – ilcasaletto.it

un piatto di Danilo ciabattini viterbo

Danilo Ciavattini

Mangiare a Viterbo all’insegna della cucina gastronomica e di ricerca. Il percorso professionale dello chef Ciavattini è lungo e ricco di esperienze importanti, in Italia (a fianco di grandi chef altoatesini) e anche all’estero. Ed è con questo patrimonio che una volta rientrato guarda alla sua Tuscia, con i sapori e le ricette del territorio, con una visione illuminata e moderna. Con questo spirito nascono la patata interrata (accompagnata da erbe aromatiche e funghi porcini, a evocare i sapori e le consistenze della terra che ospita il tubero), o il brodo di ceci e castagne, con raviolo liquido di olio extravergine, tartufo nero e aria di faggeta (elogio d’autunno). Interessante combinazione dei sapori di mare alle erbe aromatiche e ai prodotti di terra sono gli spaghetti con gambero rosso, midollo di bue, lavanda e limone candito. Che dire poi delle fettuccine (dolci) al ragù di frutti di bosco (caldo), servite con gelato di vaniglia, menta e polvere di agrumi? Ben ragionata e ispirata al territorio la carta dei vini. L’ambiente è curato e minimal; il servizio attento.

Pubblicità

via delle Fabbriche, 20 – 0761333767 – https://www.danilociavattini.com

contrasto viterbo

Contrasto

Tiziano Li Volti, già anima della sala di Casale 900 a Roma, ha deciso di cambiare vita e città e di aprire il suo locale nella Tuscia. Lo ha fatto con un certo coraggio appena due mesi prima del Covid: così, dopo un periodo di delivery di crudi selezionati e preparazioni di pesce semplici e di qualità, ha riaperto il ristorantino marinaro, che attualmente è il miglior posto del suo genere in città, con una carta dei vini in costruzione ma ben scelta e azzeccata. La proposta – eseguita con mano leggera da Mirko Rosini – cambia continuamente: belle fritture (alici o calamari o miste), splendide ostriche Gillardeau, i diversi tataki, gli spaghetti o gli gnocchi all’astice o cacio e pepe con lime e gamberi rossi (goduriosi), i calamari ripieni. Non mancano opzioni carnivore. Perché Contrasto? Una sorta di spiegazione cromatica la dà all’entrata il bel quadro in bianco e nero di Gianni Asdrubali. Asimmetrie riprese anche in abbinamenti che giocano, appunto, sui contrasti. E poi, forse, perché non in linea con la “solita” offerta viterbese.

via Cardinal La Fontaine, 21 – 0761973117 – Pagina Facebook

enotria viterbo

Enotria by Angoletto della Luce

Si sta bene nei tavoli in piazza, così come all’interno di questo ristorante che propone una cucina di territorio rivisitata, con preparazioni fantasiose e ben congegnate. Tra i cavalli di battaglia sicuramente le carni, dal sushi toscano, carpaccio di Chianina impreziosito da tartufo, ai vari tagli cotti alla griglia. Buona anche la pasta fatta in casa. Nel fine settimana ci sono le pizze gourmet. Il servizio è cordiale e attento alle richieste dei clienti. Molta attenzione riservata agli intolleranti al glutine. Box lunch e servizio di asporto e delivery.

via Vallepiatta, 2 – 0761346804 – http://enotriagourmet.it

grottino viterbo

Il Grottino

Una bella tavola, questa guidata da Claudio Ercoli, in cui godere di tutti i migliori prodotti della Tuscia ben utilizzati per una cucina saporita e genuina. Tartare, pasta all’uovo, carni da allevamenti locali, salumi artigianali, formaggi e un tocco di creatività, fanno di questo locale un ottimo rifugio per viterbesi e turisti. Da applausi menu dedicati a uova e baccalà. Non manca una buona scelta di etichette di vini locali e non solo.

via della Cava, 7 – 0761290088 – http://www.e-choose.it/item/il-grottino/

o sarracino viterbo

O’ Sarracino

Mario Di Dato e la moglie Rosita hanno portato nella Tuscia i sapori e i colori partenopei. Cucina di mare ben fatta e un’ottima pizza napoletana (non solo tradizionale) con cornicione ben sviluppato, fragrante e leggera, cotta in forno a legna. Il pomodoro San Marzano e la mozzarella fior d’Agerola abbinati a delizie locali e presidi Slow Food, declinano la pizza in decine di varianti, mai scontate, anche in versione panuozzo e pizza fritta. A condire i piatti, pluripremiati oli extravergine d’oliva locali, presenti in carta anche in degustazione, abbinati al pane di produzione propria. Molto piacevole il dehors dove degustare le specialità della cucina da accompagnare a un buon calice (fatevi consigliare dalla sommelier).

via Cavour, 39 – 3283667619 – Pagina Facebook

tre re viterbo

Ai Tre Re

Qui il tempo sembra essersi fermato in un’epoca remota: sono infatti 4 secoli che in questo locale si serve da mangiare. Il menu propone cavalli di battaglia di tradizione locale, con piatti saporiti, casalinghi, da pranzo domenicale viterbese: zuppe di legumi, acquacotta, e castagne, pasta fatta in casa, porchetta al forno con le patate. Tra i secondi, anche arrosti, melanzane alla parmigiana e quinto quarto, da abbinare a rossi della zona. Dolci maison e servizio gradevole.

via Macel Gattesco, 3 – 0761304619 – http://www.ristorantetrere.com/index2.html

13 gradi viterbo

Tredici Gradi

Fedeltà ai sapori delle radici, ma con cura e attenzioni totalmente contemporanee. Lavora così Tredici Gradi, attrazione gastronomica prodiga di tipicità e ben ubicata nel centro storico della “città dei Papi”. Zuppe di stagione (ceci e castagne, ad esempio), paste della casa (come i dolci) e carni ben scelte costituiscono la spina dorsale di un menu che gira con i giusti ritmi stagionali. All’altezza anche la cantina, assortita con misura e intelligenza. Accoglienza sobria ed efficace.

via Card. La Fontaine, 28 – 0761305596 

al vecchio orologio Viterbo

Al Vecchio Orologio

Un tipico locale in peperino, sito in una delle vie centrali. La cucina è casalinga, con piatti ben eseguiti che richiamano la tradizione dell’Alto Lazio. Le materie prime sono perlopiù locali, cosicché il menu si adatta alle stagioni. Buoni gli antipasti a base di verdure pastellate, salumi e formaggi del territorio e pesce affumicato del lago di Bolsena. Non mancano le zuppe a base di erbe o legumi, come l’acquacotta viterbese e la zuppa di ceci e castagne. Da provare anche i classici lombrichelli all’amatriciana o la pasta fresca al ragù di cinghiale. Buoni gli arrosti di carni bianche e il coniglio leprino ripieno. In carta anche una ampia proposta di pizze. Carta dei vini dedicata al territorio. Servizio informale. Poco distante, sulla stessa via, ha aperto anche La Bolla del Vecchio Orologio, wine bar con buona scelta di spumanti non solo italiani e piccoli piatti dedicati al vino.

via Orologio Vecchio, 25 – 0761305743 – 335.337754 – https://www.alvecchioorologio.it

Mangiare a Viterbo. Caffè, bar, aperitivi

 

chalet garbini viterbo

Chalet Garbini 1908

Di fronte all’entrata della Villa Comunale e a ridosso delle mura cittadine, un piccolo casaletto sapientemente ristrutturato ospita un locale di modeste dimensioni, ma che gode di un ampio e gradevole spazio esterno con tavolini e ombrelloni richiestissimi. Il servizio bar parte dalla prima colazione, a base di un buon caffè e cappuccini cremosi da accompagnare a lievitati con farciture personalizzabili. Segue poi la pausa pranzo, una proposta giornaliera di piccola ristorazione: primi con pasta fresca e ripiena, tartare e piatti unici. Per un break ricca scelta di panini, focacce ripiene e piadine. All’aperitivo, cocktail ben bilanciati e musica con dj set ogni sabato. Buona selezione di distillati per il dopocena e, nella bella stagione, gelato artigianale prodotto dal laboratorio Crema e Latte della vicina Vasanello.

piazzale Gramsci, 2 – 0761 321336 – Pagina Facebook

ciccarelli viterbo

Ciccarelli – Max Drink

Uno storico riferimento per i viterbesi, un indirizzo di riferimento in pieno centro, in zona pedonale, con una vasta scelta di prodotti da colazione: cornetti e brioche con farciture per tutti i gusti, ciambelle e bombe fritte, ma anche crostate, occhi di bue e ciambelloni. Il caffè è ben estratto ed equilibrato; corposo e ben montato il cappuccino, decorato per gli amanti della Latte Art. Dal fronte salato tramezzini, panini e pizzette, ma sono disponibili anche piatti unici del giorno, freddi o caldi, proposte per l’aperitivo. Per i salutisti frutta fresca e verdure estratte al momento. Struttura esterna chiusa e climatizzata, e sala per brunch o tè e al piano superiore. Valida la selezione di alcolici e superalcolici. Servizio vivace e veloce.

via Marconi, 79/83 – 0761 306013 – www.caffetteriaciccarelli.com

grandori viterbo

Grandori

Sotto i portici a ridosso di Porta Fiorentina, l’entrata nord della città, è una delle mete preferite dei viterbesi. Si parte dai lieviti di vario tipo da accompagnare a caffè intensi e cappuccini ben schiumati. A metà mattinata ci si può rinfrescare con salutari estratti e frullati di frutta fresca. L’offerta per il pranzo spazia da panini, tramezzini e pizzette farcite per una pausa veloce fino ai piatti del giorno più strutturati. Nel fine settimana il dehors pullula di giovani e meno giovani che lo scelgono per l’aperitivo. Nella bella stagione non manca il gelato, sempre di produzione propria. Personale attento e competente. Simile la gestione nel secondo punto vendita, di fronte la stazione ferroviaria di Porta Romana.

piazza della Rocca, 32 – 0761 092308 – https://www.grandori.it

tredici gradi slow bar viterbo

Tredici Gradi Slow Bar

Situato in una delle piazze più suggestive del quartiere medievale di San Pellegrino, è il posto perfetto per un break di buon mattino, lontano dal traffico della città. Lo spazio interno è molto piccolo, ma c’è un piacevolissimo dehors sotto gli ombrelloni, affollato specie nella bella stagione. Buono il caffè, da accompagnare a golosi biscotti, crostate e lievitati. Ma l’offerta è valida anche nel comparto salato: aperitivo con salumi e formaggi selezionati (perlopiù a km0), bruschette e crostate salate da abbinare ad un’ampia cantina di vini nazionali e birre artigianali. A pranzo e cena valido menu giornaliero a base di taglieri e piatti unici realizzati nel piccolo laboratorio con prodotti stagionali. Interessanti le degustazioni a tema organizzate durante tutto l’anno.

piazza del Gesù – 371 1817131 – Pagina Facebook