Seconda puntata della nostra rubrica sui migliori indirizzi per mangiare velocemente, ma con qualità, quando c'è un treno da prendere che non aspetta. Ecco dove mangiare a pochi minuti dalla stazione di Bologna.
Pubblicità

Dove mangiare alla stazione di Bologna? Abbiamo iniziato con Milano, suggerendo dieci indirizzi per non rinunciare a una pausa golosa anche quando c’è un treno che aspetta in stazione. Ora ci spostiamo a Bologna, dove mangiare all’interno della stazione, in mancanza di alternative originali, può essere ancora un problema. Ma niente paura: a pochi minuti di cammino, sono numerose (e varie) le buone alternative per colazione, pranzo, aperitivo, merenda.

Per praticità, abbiamo suddiviso gli indirizzi proprio in base al tempo a disposizione di chi viaggia. Limitando la scelta a un perimetro d’azione facilmente raggiungibile a piedi.

Mangiare a 5 minuti dalla stazione di Bologna

Yuzuya

Nella piccola gastronomia con cucina giapponese della Bolognina, la proposta è quella fin quasi casalinga della tradizione nipponica. A pranzo è disponibile anche il Teishoku, sorta di lunch box giapponese, che propone un pasto bilanciato e salutare: portata principale, zuppa di miso, una ciotola di riso e due contorni a base di verdure e sottaceti. Dalla carta: cotoletta di maiale, melanzane in salsa di miso e tofu, filetto di sgombro marinato, sashimi misto.

Pubblicità

via Nicolò dall’Arca, 1 – www.yuzuya.it

Bottega Portici

In via Indipendenza, accanto all’omonimo hotel, è nato diversi anni fa il progetto ora esportato nel grande locale di Palazzo Bega e in altre città. L’offerta è incentrata sulla pasta fresca ripiena, con i mitici tortellini da passeggio della Bottega.

via Indipendenza, 69 – www.bottegaportici.it

Mangiare a 10 minuti dalla stazione di Bologna

Forno Brisa

I ragazzi di Forno Brisa sono ormai famosissimi in città (e in tutta Italia), e il punto vendita di via Galliera offre un’ottima occasione per una colazione o uno spuntino prima di ripartire (magari con un quadrato di pizza in teglia), ma anche per fare scorta di bontà da portare con sé. Pane, croissant, biscotti… Non c’è limite alla golosità.

Pubblicità

via Galliera, 34/d – www.fornobrisa.it

Sbando

Il mercato della Bolognina, in via Albani, è rinato negli ultimi anni attirando progetti gastronomici di qualità, come Sbando, cucinotto e cantina. Un box trasformato in punto di ritrovo per fare cultura del cibo e del vino, e tavoli per fermarsi a bere un bicchiere o mangiare una delle proposte del giorno. Anche per l’aperitivo, con i cicheti della casa.

via Francesco Albani, box del mercato 31-32 – Pagina Fb

Trattoria via Serra

È consigliabile prenotare per non rischiare di dover rinunciare a un pranzo in trattoria come quelle di una volta, solo 35 coperti nel locale della Bolognina per valorizzare con una cucina originale nella sua semplicità i prodotti del territorio. A pranzo solo dal giovedì al sabato.

via Luigi Serra, 9/b – www.trattoriadiviaserra.it

Mangiare a 15 minuti dalla stazione di Bologna

 

Sentaku Ramen Bar

Il ramen dei ragazzi di Oltre è quello di chi ha studiato con cura la tradizione nipponica prima di portarla sotto i portici di Bologna. 5 le proposte sulla carta dei ramen, altrettanti gli sfizi ideati per divertirsi a tavola, tra panini al vapore, tofu fritto e pollo karaage. Aperto anche a pranzo.

via delle Lame, 47/c – www.sentakuramen.com

Welldone

Fast food d’invenzione bolognese, Welldone ha fatto parlare di sé come primo distributore del Beyond Burger in Italia. Ma dietro c’è una solida offerta da hamburgeria di qualità, con carne da allevamenti locali e certificati, verdure di stagione, pane e salse homemade. Il locale di via Fioravanti, in Bolognina, si raggiunge facilmente dalla stazione.

via Aristotile Fioravanti, 37/c – www.welldoneburger.com

Mangiare a 20 minuti dalla stazione di Bologna

Casa Merlò

Vale la pena segnalare una delle novità più interessanti in città. Non un nuovo indirizzo, perché il ristorante di via de’ Gombruti è un’istituzione della buona tavola bolognese. Ma un cambio della guardia (e di insegna), che ha portato a Bologna Dario Picchiotti (Antica Trattoria di Sacerno) e Francesco Tonelli, rispettivamente alla supervisione di cucina (dove ora si muove Lorenzo Isidoro, già a Sacerno) e sala. Tre i macrotemi in menu: la tradizione (Amo Bologna), Quello che piace a noi, Da Sacerno (cucina di pesce). Aperto anche pranzo, anche di domenica.

via de’ Gombruti, 2/d