Dove mangiare ai Castelli Romani, tra indirizzi di tradizione e nuove realtà. Una piccola guida per non perdersi e per non finire nelle trappole per turisti
Pubblicità

Mangiare ai Castelli Romani

Attorno la Via Appia, con una storia tanto antica quanto quella di Roma, nascono i Castelli Romani: territorio di borghi e tradizioni ben radicate che mutano di cittadina in cittadina. A pochi passi dalla metropoli eterna, sono da sempre meta della gita fuori porta dei romani che vogliono staccare dal ritmo frenetico, riconciliarsi con la campagna, respirare l’aria buona e mangiare bene. Oggi l’offerta ristorativa è più variegata rispetto a qualche anno fa, con sprazzi di alta cucina o – almeno – di cucina non tradizionale. L’immaginario collettivo, però, rimane ancora connesso alla trattoria popolare dove mangiare bene, spesso tanto, e spendere poco. Il nostro viaggio nelle tradizioni e nelle novità si sviluppa proprio lungo la via Appia, allontanandoci sempre di più dalla Capitale, passando per graziosi e storici comuni.

Albano Laziale

da charlie albano

Da Charlie Osteria

L’offerta culinaria è molto in linea con i piatti tradizionali della zona, con un’ottima cacio e pepe viene mantecata al tavolo, per far vivere al cliente un’esperienza gustativa prima con la vista e l’udito, e solo alla fine mangiandola. Il punto di forza del locale rimane però la struttura nel centro storico di Albano: elegante, ma allo stesso tempo informale e conviviale; con una grande attenzione al servizio e al racconto del piatto in tutte le sue componenti.

Da poco ha aperto anche una pizzeria in una location dall’atmosfera simpatica e briosa, con forno a vista e un’offerta di pizza in stile napoletano con topping ricercati.

Pubblicità

Da Charlie Osteria – Albano Laziale (RM) – via del Collegio Nazareno,14 – 06 9326 9686

Da Charlie Pizzeria – Albano Laziale (RM) – via Pompeo Magno, 40 – 348 305 8018

https://www.facebook.com/benvenutidacharlie/

galleria di sopra albano

La Galleria di Sopra

Locale dal grande fascino, scavato nella pietra, si trova negli spazi che nel XVII secolo ospitavano un convento di suore. Atmosfera romantica e formale, è uno dei primi ristoranti della zona ad aver elaborato una proposta gastronomica gourmet: piatti creativi, preparati con grande maestria e padronanza delle tecniche, con l’obiettivo di raccontare il territorio in maniera nuova. Forte ricerca sui prodotti rigorosamente del posto, selezioni di nicchia: si passa dal pesce del porto di Anzio, alle erbe spontanee della campagna romana. Servizio cucito sul cliente e grande cura della proposta enologica. Un’esperienza culinaria a 360 gradi per chi ha voglia di sperimentare.

Pubblicità

La Galleria di Sopra – Albano Laziale (RM) – via Leonaro Murialdo, 10 – 06 932 2791 – www.lagalleriadisopra.it

 

Ariccia

Porchetta-Ariccia

Fraschetta dar Vignarolo

Un locale rimasto fermo nel tempo perché così vuole essere. Le storiche fraschette nascono proprio ad Ariccia e Dar Vignarolo mantiene fede alle origini: i lunghi social table (tanto di moda adesso) con le panche al posto delle sedie qui ci sono sempre stati; la differenza col passato è che prima l’avventore portava da casa il fagotto con il cibo, mentre il locandiere vendeva il vino e qualche salume, montre oggi l’offerta si è ampliata. La forza del locale sono i primi di tradizione, tra cui non può mancare il quartetto di testa: carbonara, amatriciana, cacio e pepe e infine gricia. Si conclude il pasto con ciambelline al vino da inzuppare nella romanella, un vino frizzante e dolce, tipico della zona. Servizio che più informale non si può, tovaglie a quadrettoni di carta riciclabile e vino sfuso.

Fraschetta Dar Vignarolo – Ariccia (RM) – str. Nuova, 97- 06 933 2460 – http://www.darvignarolo.it/

ariacciaimbocca

Osteria Aricciainbocca

Rispetto alla miriade di osterie e fraschette di Ariccia questa si disigue per una maggiore attenzione nell’allestimento del locale, nell’apparecchiatura e alla carta dei vini. L’animo, però, resta sempre quello verace. Il punto di forza del locale è la lunghissima schiera di antipasti che vanno da piatti cucinati come fagioli e salsicce al sugo o il pollo con i peperoni, fino al tagliere di salumi dove non possono mancare la porchetta di Ariccia IGP e le coppiette. Altra nota di merito per la carne alla brace (sempre che riusciate a sopravvivere all’antipasto): tagli di scottona nazionale cotti alla perfezione su brace a fuoco vivo.

Osteria Aricciainbocca – Ariccia (RM) – via delle Cerquette 46-48 – 06 933 3525 – www.facebook.com/aricciainbocca

Frascati

cacciani

Cacciani

Non solo cucina, ma anche hotel, per un’insegna che si apprestaa festeggiare il secolo di vita, le origini risalgono infatti al 1922. La struttura si trova nel cuore di Frascati e offre un panorama della città eterna ammirevole. Arredamento classico, quasi vintage, e una proposta culinaria che oscilla tra le tradizioni romane e qualche piatto più nazional popolare come le lasagne o la guancia brasata. Da segnalare la sezione ricette sul loro sito e i corsi di cucina organizzati regolarmente.

Cacciani – Frascati (RM) – via Armando Diaz, 15 – 069401991 – www.cacciani.it

il torchio

Il Torchio

Pareti in pietra e tavoli di legno massiccio regalano a questo locale un’atmosfera suggestiva che rimanda a locali di tradizione. L’offerta culinaria, invece, è in controtendenza rispetto alla sala: nessun grande classico, ma molte pietanze che in parte li sfiorano. Sono un valido esempio nel menu invernale la cacio e pepe on carciofi e menta e il “er ramen de Roma” ossia una rivisitazione della minestra broccoli e arzilla.

Il Torchio – Frascati (RM) – via Goffredo Mameli, 3 – 06 9425520 – www.torchioristorante.com

f'orme

F’orme Osteria

Da un anno è iniziata l’avventura di questo ambizioso progetto, un’osteria contemporanea negli arredi, nella mise en place e nei piatti, dove ritroviamo sapori decisi, nitidi e semplici; pochi ingredienti lavorati con grande tecnica, senza accostamenti azzardati e senza stravolgere troppo la tradizione. Tra i piatti più rappresentativi, la classica carbonara e i tortelli di saltimbocca alla romana. Un inizio a piccoli passi per muoversi in una zona così affezionata alla cucina popolare.

F’orme Osteria – Frascati (RM) – via Michelangelo Gaetani, 8 – 06 9416990 – www.formeosteria.com

Grottaferrata

L’oste della Bon’ora

Quadri, scaffali pieni di libri, una collezione di vinili da consultare e un caminetto che scalda l’atmosfera di questo elegante locale che in circa 20 anni è diventato un punto di riferimento per i Castelli (e ha da poco bissato a Roma, con L’Oste Matto). Merito di Maria Luisa Zaia (in cucina) e del patron, il carismatico Massimo Pulicati. La cucina punta su prodotti locali di qualità, materie prime stagionali in menu ispirati ai sapori della tradizione, ma in cui trovano spazio anche proposte dal respiro non prettamente territoriale, da abbinare a una carta dei vini ben fornita, con etichette italiane e qualche referenza francese.

L’oste della Bon’Ora – Grottaferrata (RM) – v.le Vittorio Veneto, 133 – 069413778 –  www.lostedellabonora.com

taverna mari

Taverna Mari

In una villetta della campagna romana, curata e accogliente, un locale in cui si respira atenticità e genuinità. Gli stessi profumi e gusti si ritrovano nei piatti, confortevoli e legati a doppio nodo alle tradizioni romano-castellane: dal carciofo alla giudia, alle pappardelle al sugo di lepre fino alla coda alla vaccinara. Il servizio è familiare, così come la gestione.

Taverna Mari – Grottaferrata (RM) – via Piave, 29 – 0693668261 – www.tavernamari.it

Genzano

pietrino e renata

Pietrino e Renata

Nel paese dell’Infiorata e del Pane di Genzano IGP, un locale storico, che ha cambiato gestione lo scorso novembre; Pietrino e Renata non sono più alla guida della nave, ma il nome e lo stile sono stati mantenuti. In questi primi mesi di transizione abbiao ritrovato quell’autenticità e quella genuinità che li ha sempre contraddistinti. Tra i piatti da non perdere le zuppe di erbe spontanee della campagna romana e le varie elaborazioni del quinto quarto.

Pietrino e Renata – Genzano di Roma (RM) – via Generale Roberto Lodi, 70 – 06 9724 9478 – http://www.pietrinoerenata.com/

parlo bistrot

Parlo. Bistrò al7

Il progetto ambizioso di questo moderno locale sta nel voler portare la cucina fusion in una zona con radici gastronomiche così profonde. Il format è tutto incentrato su una ricca declinazione di hamburger: si passa dai classici di carne a quelli di pesce che variano in base alla stagionalità. Attenta ricerca ai prodotti locali mixati con tradizioni estere. Ad esempio dei “mini bao” pensati come antipasti o il katsobushi a condire un burger di seppie fritte.

Parlo. Bistrò al 7 – Genzano di Roma (RM) – via Nazario Sauro, 7 – 06 9364512 – https://www.facebook.com/Parlobistro/

Lanuvio

la torre

Ristorante La Torre

Nel paese probabilmente più antico tra quelli citati (le sue origini si fanno risalire a prima di Roma) dove il tempo sembra veramente essersi fermato enil traffico è ancora sconosciuto, aprire un ristorante con una proposta originale è una scommessa. Ancor più se lo si fa all’ingresso del centro storico. Un azzardo che sta dando risultati interessanti per un locale che punta, sì, sulla creativà, ma anche sulla semplicità dei piatti, sul rispetto della materia prima e soprattutto su un’offerta di qualità principalmente di mare.

Ristorante La Torre – Lanuvio (RM) – piazza Giuseppe Mazzini, 2 – 06 93780069 – https://ristorante-la-torre-restaurant.business.site/

Antico Borgo Pizzeria Trattoria

Nel cuore delle mura medievali troviamo questo piccolo locale, in quella che una volta era una delle tante cantine del centro storico. Oggi è una trattoria rodata, in cui si ritrovano profumi e sapori rustici e veraci. In menu anche piatti non fedelissimi alle tradizioni locali, ma la colonna portante rimane quella, in particolare la selvaggina, il quinto quarto e, se siete fortunati, le lumache; un prodotto che in passato si consumava molto più frequentemente di ora. Da segnalare anche una buona pizza in stile romano.

Antico Borgo Pizzeria Trattoria – Lanuvio (RM) – via Stampiglia, 10 – 06 3974 9479 www.facebook/anticoborgo.com

Monte Porzio Catone

barrique by oliver glowig

Epos Wine & Food – Barrique by Oliver Glowig

Unico indirizzo – la cantina di Poggio Le Volpi – doppia offerta: da una parte, al piano superiore, tanta carne (ben selezionata, frollata e lavorata) e griglia, insieme salumi formaggi e piatti del territorio da accompagnare alle etichette di proprietà. Dall’altra la cucina d’autore, quella di Oliver Glowig, che ha portato nella barricaia i suoi signature – immancabili le eliche con cacio e pepe con i ricci di mare – insieme ai nuovi piatti, legati all’andamento stagionale e alla creatività dello chef.

Barrique by Oliver Glowig – Monte Porzio Catone (RM) – via Fontana Candida, 3 – 06 9416641 – www.enotecapoggiolevolpi.it

 

Velletri

benito al bosco

Benito al Bosco

Un nome, una certezza da ormai oltre cinquant’anni. Un ristorante di livello, gestito sapientemente, che ha fatto della cucina di pesce il suo marchio di fabbrica. Punto di forza è una materia prima di qualità, lavorata il meno possibile affinchè nel piatto sia lei a emergere, cui si aggiunge una sala classica e lussuosa e uno spazio esterno molto curato (non a caso meta ideale per le cerimonie). Cantina importante e di grande profondità, altro fiore all’occhiello di un locale che negli anni ha raggiunto tanti traguardi e che continua il suo percorso.

Benito al Bosco – Velletri (RM) – via Morice, 96 – 06 963 2220 – www.benitoalbosco.com

up bistrot

Up bistrot enoteca

Enoteca nel pomeriggio, ristorante e wine/cocktail bar la sera. Un’idea frizzante, in un locale informale, ma molto curato, gestito da ragazzi preparati. Il menu è incentrato su piatti sempici, invitanti e molto ben realizzati anche grazie all’uso di materie prime di qualità. Il punto di forza, però, resta la carta dei vini che non manca di eccellenze non solo italiane. Ottima proposta anche di cocktail e distillati.

Up Bistrot Enoteca – Velletri (RM) – piazza Giuseppe Garibaldi, 10 – 06 9640141 – www.faceb

a cura di Lorenzo Farina

Allievo del Master in Giornalismo Comunicazione e Critica Enogastronomica del Gambero Rosso