Tra bacari e osterie tradizionali, Venezia offre tante opportunità a chi arriva in città per il Carnevale, la Mostra del Cinema o altri eventi. I nostri consigli per mangiare bene.
Pubblicità

Piatti genuini della tradizione abbinati ai vini locali: l’offerta dei bacari continua a richiamare turisti da ogni dove, che nelle tipiche osterie veneziane vogliono trovare il gusto dell’autentica cucina locale. Ma ci sono anche i bistrot e i ristoranti tipici per mangiare bene a Venezia.

I ristoranti tipici di Venezia

Amo

Nell’edificio che fu del Fondaco dei Tedeschi, che oggi ospita uno sfarzoso centro commerciale affacciato sul Canal Grande, i fratelli Alajmo hanno trovato un modo informale, e per tutta la giornata, di esprimere il loro pensiero gastronomico. Bar, pasticceria e bistrot (da Tre Cocotte), Amo è caffetteria con brioche per la colazione, cocktail bar per l’aperitivo, cucina che spazia dalle insalate ai classici della tradizione regionale italiana, alla pizza di casa Alajmo.

Amo – San Marco , 5556 – www.alajmo.it

Pubblicità

La Mascareta

Si beve bene con Mauro Lorenzon, vero oste d’altri tempi, che ama intrattenere i clienti mentre propone abbinamenti originali. Pochi tavoli ravvicinati, tante bottiglie e proposta alla mescita sempre interessante; la cucina parla tradizionale, tra sarde in saor e ravioli ripieni di ricotta e spinaci. Sempre presenti ostriche, e tanto buon gin.

La Mascareta – Castello, 51183 Santa Maria Formosa – www.ostemaurolorenzon.it

Da Mario alla Fava

Locale di lungo corso dall’ambiente caratteristico e con tavoli all’aperto, dove fermarsi per assaporare una cucina solida e prettamente a base di pesce. Presenti anche delle opzioni vegane, buoni i dolci fatti in casa e in linea la cantina.

Da Mario alla Fava – calle Stagneri, 5242 – www.ristorantemarioallafava.it

Pubblicità

DiMe Bistrot

In una zona per niente sviluppata dal punto di vista della ristorazione, finalmente un’insegna di qualità, con una cucina intrigante e di livello. Merito di Serena Bergamo, cuoca e ristoratrice che gestisce questa cattedrale nel deserto, proponendo piatti gustosi e a buon prezzo, dalla tartare di pomodori verdi, gamberi rossi crudi e gocce di erborinato alle capesante.

DiMe Bistrot – loc. Marghera via Colombara, 42 – www.dimebistrot.it

Vini da Gigio

Altro indirizzo valido per gli amanti del vino, ma il locale offre anche una buona opportunità per gustare specialità della Laguna, dall’anguilla alla griglia alle moeche fritte. Senza dimenticare un buon piatto di spaghetti con caparossoli (le vongole), per quando la fame si fa sentire davvero.

Vini da Gigio – Cannaregio, 3628a – www.vinidagigio.com

Danieli Bistro

Per arrivare al Danieli occorre salire fino al piano sotto la terrazza di Palazzo Dandolo, dove immergersi in un’atmosfera elegante e informale, con vista sul bacino di San Marco. Si comincia con salumi e formaggi di qualità, per passare a cicchetti come il biscotto e baccalà mantecato o il polpo scottato. Buoni anche i vini e le birre.

Danieli Bistro – Riva degli Schiavoni, 4196 – www.danielibistro.com

Estro

Estro – Vino e Cucina

Un ambiente a metà tra il wine bar di livello e il bistrot, dove un’attenta selezione di vini naturali si fonde a due menu degustazione e una carta essenziale ma carica di suggestioni. Ottima la seppia grigliata, la rapa bianca marinata, i paccheri alla parmigiana con carciofi e fonduta di Reggiano, e l’ombrina nostrana alla griglia. Curati e golosi i dolci, specialmente il classico tiramisù.

Estro – Vino e Cucina – Dorsoduro, 3778 – www.estrovenezia.com

Casa Cappellari

Apertura recente a cura di Massimo e Silvia, gli inventori di Impronta Caffè a San Pantalon, una cucina divertente e semplice, con cichetti a 3 euro al pezzo (5 i crudi) e tante proposte golose. Da provare i tagliolini aglio, olio e peperoncino con seppie al nero, insieme al fritto con maionese della casa.

Casa Cappellari – Calle Larga Della Donzella, San Polo 806 – www.casacappellaristorante.it

Vino Vero

Vino Vero

Ancora un consiglio per bere, un bacareto piccolo ma ben organizzato, che serve anche cicchetti creativi. Ma il plus della casa è la selezione di vini naturali e biodinamici, sempre ben raccontati dai titolari, prodighi di consigli.

Vino Vero – fondamenta de La Misericordia

Pizza, l'aciugheta

All’Aciugheta

Un amalgama di sapori per questo bacaro appena fuori piazza San Marco, dall’atmosfera elegante e raffinata e il servizio cortese e cordiale. Uovo e acciuga, baccalà mantecato e poi sfiziose polpettine di sarde, pecorino e menta compongono il menu del locale, insieme a crostini dal gusto esotico come quello con salmone e avocado, oppure quello al manzo thai. Presenti anche pizze e focacce gluten free e qualche proposta dalla cucina, da abbinare all’ottima carta dei vini.

All’Aciugheta – campo Santi Filippo e Giacomo – www.aciugheta.com

Cantine del Vino Già Schiavi

Cantine del Vino già Schiavi

Storico bacaro veneziano, chiamato affettuosamente “il bottegon” dai clienti di fiducia, luogo di ritrovo in città da oltre cent’anni. Tanti i cicheti fra cui scegliere, sfornati dalla talentuosa Alessandra De Respini, e altrettante le bottiglie in degustazione, da acquistare anche per l’asporto. Da provare la tartare di tonno e cacao amaro.

Cantine del Vino già Schiavi – Dorsoduro, 992 Fondamenta Nani – www.cantinaschiavi.com

Osteria La Vedova

Osteria semplice e curata dove trovare i sapori più sinceri della tradizione veneziana. Oltre al classico menu a base di pesce, qui si viene per stuzzicare qualcosa in piedi, dalla polpetta di carne ai crostini di baccalà mantecato, passando per le sarde in saor e i calamaretti. In abbinamento, il vino servito nella tipica caraffa in ceramica.

Osteria La Vedova – via Ramo del Cà d’oro

Al Timon, cicchetti

Al Timon

Vicino al Ghetto, una vivace osteria con una delle migliori offerte di cicchetti della zona: crostini farciti con porchetta, salsiccia cruda, lingua in salsa verde, formaggi e polpettine e tartare di carne. Da bere, calici di vino alla mescita e ottimi spritz, da gustare all’interno oppure nello spazio esterno con vista sul canale. Si può anche rimanere a cena, con fiorentine e filetti serviti con abbondanti contorni.

Al Timon – Fondamenta Ormesini, 2754 – facebook.com/timonbragozzo/

a cura di Michela Becchi