Una buona selezione di vini e un menu stagionale, semplice e caratteristico: le trattorie da non perdere a Verona.
Pubblicità

Una cucina ricca e saporita, basata sugli ingredienti locali, da gustare nelle tradizionali osterie della città, caratterizzate da un’atmosfera informale e rilassata. Ecco i ristoranti tipici di Verona dove provare i piatti della tradizione.

Ristoranti tipici di Verona

Pasta con tuorlod'uovo e tartufo, Alcova del Frate

Alcova del Frate

Uno dei locali più gettonati di Verona, grazie a una formula che offre apertura continua dalla tarda mattinata a notte fonda, un ambiente caldo e accogliente e tantissime bottiglie fra cui scegliere. Vasta la selezione di specialità regionali, con un occhio di riguardo soprattutto alle carni. Da provare i bigoli alla sardella o al ragù all’Amarone, la tartare di Manzetta con tuorlo crudo o i tentacoli di piovra arrosto. Proposte simili anche alla Locanda dell’Alcova, apertura recente che offre un menu stagionale che cambia di continuo.

Pubblicità

Alcova del Frate – via Ponte Pietra, 19a – www.alcovadelfrate.it

Primo piatto e calice di vino, Antica Bottega del Vino

Antica Bottega del Vino

Un’istituzione in città, acquisita da qualche anno dall’associazione delle Famiglie dell’Amarone, che ha mantenuto il rito dell’aperitivo che avevo reso l’insegna famosa nel tempo. Si viene all’Antica Bottega del Vino, infatti, per gustare un buon calice immersi in un’atmosfera retrò, con arredi d’antan e stuzzichini della casa. Sono almeno 30 le etichette a girare, da accompagnare a una solida cucina territoriale, con qualche spunto creativo che affianca i classici come il baccalà mantecato o il risotto all’Amarone. Servizio rodato e puntuale.

Antica Bottega del Vino – v.lo Scudo di Francia, 3 – www.bottegavini.it

Pubblicità

Carne e patate, Al Bersagliere

Al Bersagliere

Sfilacci di cavallo, stortina veronese e sopressa casalinga con polenta, bigoli fatti in casa al ragù d’anatra, stracotto de musso o baccalà del Bersagliere: la trattoria di Leo Ramponi è il luogo perfetto dove scoprire l’autentica tradizione veronese. Lo chef, infatti, è un cultore della cucina locale, tanto da aver pubblicato un corposo volume a tema con dovizia di ricette e foto. Buona anche la carta dei vini, che dà spazio a piccole aziende ed etichette bio e biodinamiche.

Al Bersagliere – via Dietro Palone, 1 – www.trattoriaalbersagliere.it

Primo piatto e calice di vino all'Osteria All'Organetto

Osteria all’Organetto

Una giovane e motivata nuova gestione sta rilanciando questa storica insegna di San Zeno. La cucina è incentrata sulla valorizzazione di prodotti autoctoni, carni e verdure in primis: da non perdere i risotti, il crudo di scottona, la cipolla in saor e nocciole e gli spaghetti al salmerino alpino in salsa muddicata. Ottime le proposte al bicchiere in abbinamento, frutto della passione e competenza del titolare sommelier.

Osteria all’Organetto – p.zza Corrubbio, 30a – www.osteriaorganetto.it

Osteria Sottoriva

Tappa imperdibile per chi ha voglia di condividere un pasto in compagnia, all’insegna della convivialità e della buona tavola. Nel cuore del centro storico, Osteria Sottoriva offre un ambiente caldo e informale, con una cantina territoriale e una cucina semplice e golosa. Si comincia con taglieri di salumi e formaggi locali, pastissada de caval con polenta e si prosegue con battuta di manzo al coltello, tagliata di cavallo affumicata e crespelle, concludendo con i dolci della casa.

Osteria Sottoriva – via Sottoriva, 9a

a cura di Michela Becchi