Una malattia feroce ha vinto sulla sua energia, quella di una donna instancabile e appassionata, sempre al fianco di Peppe Guida, nella vita e sul lavoro, da perfetta padrona di casa dell'Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense.
Pubblicità

Semplicemente grazie a mia moglie Lella, fedele e preziosa compagna di vita e di lavoro, che condividendo tutte le mie scelte mi ha dato la forza, con tanti sacrifici, di raggiungere traguardi importanti”.

Sono queste le parole che Peppe Guida dedica a sua moglie Lella Granito, compagna nella vita e instancabile patronne dell’Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense, a conclusione del libro Questa terra è la mia terra (Gambero Rosso, 2018). Un libro che racconta la storia di una famiglia unita che sul valore dell’accoglienza ha fondato la sua forza, di un cuoco che ama il suo mestiere – Peppe Guida – e di tutte le persone che ama e lavorano con lui. Come Lella, sua moglie, scomparsa dopo una breve e feroce malattia, che l’ha portata via nel giro di pochi mesi. La ricordiamo con le foto e le parole di Lido Vannucchi, che l’ha ritratta per il libro. A Peppe Guida, ai figli Rossella e Francesco e a tutta la famiglia, esprimiamo la nostra vicinanza.

Lella per tutti, per me incarnava Gianna, la Gianna Rockstar. Una donna travolgente, sempre pronta a un sorriso, sempre pronta ad apparecchiare una tavola, dove portava un numero infinito di prelibatezze; un cuore infinito, una donna generosa, elargiva affetto e restavi ammaliato dalla sua forza. Ho voluto ritrarla per come la vedevo, “non la vedevo tutta e le foto lo raccontano”

Pubblicità

Lido Vannucchi