Il 9 giugno c'è l'open day per conoscere i corsi di Gambero Rosso University, la prima università online rivolta al settore enogastronomico.
Pubblicità

Appuntamento online il 9 giugno con l’Open day di Gambero Rosso University: la prima università online rivolta al settore enogastronomico, che mira a formare i professionisti del mondo del turismo, dell’ospitalità e della ristorazione.

Un settore strategico

Lavorare nel mondo dell’ospitalità? È il sogno di molti, ma – lo abbiamo visto proprio in quest’anno così difficile – è un sogno che per realizzarsi e reggere agli urti degli imprevisti, deve poggiare su basi solide. Non basta saper cucinare bene per aprire un ristorante, dunque, come non basta amare il buon vino per gestire un’azienda vitivinicola e accompagnarla nell’espansione all’estero. Occorre infatti avere a disposizione tutti gli strumenti tecnici, pratici e teorici per affrontare le incombenze delle professioni di questo settore. Un settore complesso, che riguarda l’agroalimentare, il turismo, la ristorazione e gli indotti annessi, che da solo vale circa il 20% del Pil e dell’export nazionale, in cui le potenzialità sono enormi. Soprattutto in questo periodo, in cui ci si avvia verso una rinascita.

Il momento della ricostruzione

Come in altre epoche storiche, è questo il momento di ricostruire e di farlo senza improvvisazioni, ma partendo da competenze certe, per potersi inserire in un mercato competitivo e pieno di insidie, come pure di prospettive. Parola chiave, dunque, formazione. È in questa ottica che il Gambero Rosso ha sviluppato un percorso di studi con la formula di e-learning, in collaborazione con l’Università Mercatorum e Ateneo Telematico delle Camere di Commercio.

Pubblicità

L’offerta formativa di Gambero Rosso University

Quattro corsi di alta formazione, sei corsi di laurea e due master: è questa l’offerta didattica messa in campo da Gambero Rosso University, che coinvolge professionisti del settore dell’ospitalità e non solo, toccando diversi aspetti: sociologici, giuridici, amministrativi, manageriali, economici, di comunicazione. Il tutto per comporre un mosaico di percorsi diversi, tutti riconosciuti dal MIUR e che riconoscono CFU: si tratti di lauree triennali (in Gastronomia, ospitalità e territori; Scienze del turismo; Gestione d’impresa; Lingue e mercati) o magistrali, (in Relazioni Internazionali e Management), di corsi di alta formazione che approfondiscono La filiera enogastronomica dal produttore al consumatore, La gestione sostenibile dell’impresa agroalimentare e vitivinicola, La progettazione e gestione delle attività di ristorazione, Strategie e gestione del turismo enogastronomico, fino ai master in Turismo agroalimentare e Food and Wine Export Management.

Come orientarsi nella scelta

Un programma ricchissimo di insegnamenti per approcciare a uno degli asset più importanti del nostro paese e più strettamente legati al nostro territorio e alla nostra identità, e farlo in modo nuovo, più completo e sistematico. Il mondo che ruota intorno alla filiera agroalimentare e a quella dell’ospitalità è ancora – per certi versi – tutto da costruire: ci sono degli esempi che fungono da stella polare, certo, ma la quotidianità è ancora in gran parte fatta di aziende e persone che si sono fatte sul campo, come accadeva un tempo e come ormai, di fronte a un settore che si deve confrontare con un mercato internazionale, non è più possibile fare. Il mondo del lavoro richiede competenze e professionalizzazione.

Scegliere il percorso formativo più adeguato, oggi, è fondamentale. E per farlo è necessario andare a fondo per comprendere quali siano i possibili sbocchi professionali di ogni corso, per capire come – ad esempio – anche all’interno di attività ristorative o agricole debbono esserci competenze nella gestione d’impresa, mentre le aziende turistiche non possono più ignorare le dinamiche che guidano relazioni internazionali se vogliono guardare ai mercati esteri, e persino nelle nelle istituzioni saper promuovere il territorio con le sue eccellenze anche enogastronomiche diventa cruciale. Quale corso si addice a queste esigenze? Come capire se gli studi intrapresi sono quelli più adatti? In che modo completare la propria formazione?

Gambero Rosso University open day: appuntamento al 9 giugno

Per aiutare a orientarsi nella scelta Gambero Rosso University ha dato appuntamento online la mattina del 9 di giugno, con un open day virtuale – sulla piattaforma Zoom (l’iscrizione all’open day è obbligatoria e gratuita) – che consente di guardare dall’interno ogni corso e avere un assaggio di quel che sarà.

Pubblicità

A partire dalle 10, con una introduzione all’offerta formativa nel suo complesso, si affronteranno poi – uno dopo l’altro – i vari percorsi: si parte con quelli di alta formazione per passare alle 10.50 alle triennali, seguono le lauree magistrali e i master (alle 11.30) per concludere alle 12,10 con la presentazione della piattaforma telematica.

> Segui l’open day