Codificare una ricetta del ragù, in Italia, è praticamente impossibile. Perché ogni famiglia custodisce gelosamente la sua. Qui la versione di Giuseppe Iannotti, che per l’occasione diventa valido assistente della mamma.
Pubblicità

Il ragù della domenica in casa Iannotti

Domenica in molte casa italiane significa ragù. E ogni famiglia custodisce gelosamente la propria ricetta. Non a caso, Giuseppe Iannotti, chef del Kresios di Telese Terme (Benevento), ha scelto di farsi affiancare in cucina dalla mamma, “che ha le sue tecniche e non mi lascia mettere mano”, racconta sornione mentre si riprende nella cucina di casa. E infatti per #Iocucinoacasa si ribaltano i ruoli: Giuseppe valido assistente e la mamma a dettare le regole, pronta a condividere i suoi trucchi. Si inizia dalla preparazione del trito di verdure, poi la carne di cinghiale e la salsa di pomodoro. Almeno 3-4 ore di cottura e il ragù sarà pronto per condire la pasta, mentre la carne rimasta in pentola, com’è consuetudine nel Sud Italia, arriverà in tavola dopo il primo.

#Iocucinoacasa. La riscoperta delle ricette di famiglia

Perché cucinare in casa è un rito di famiglia, e il ragù della domenica è un ottimo momento per ritrovarsi, prima ai fornelli, poi intorno al tavolo. Se volete condividere con noi le vostre ricette della domenica, la pagina Instagram di Gambero Rosso è aperta (per vedere tutte le ricette degli chef, invece, visitate il canale YouTube). Ma ricordate l’hashtag #Iocucinoacasa. Voi come lo preparate il ragù? E con che pasta lo abbinate?

Pubblicità

Scopri tutte le ricette da fare in casa