Cinque origini diverse, come il numero della smorfia napoletana che simboleggia la mano, a sottolineare l'importanza della collaborazione: ecco il nuovo blend firmato Kimbo e Gennaro Esposito.
Pubblicità

Kimbo: il blend 5 Origini

È buono pure accussì”, recita Serena Autieri nell’ultimo spot televisivo della Kimbo, sottolineando il gusto rotondo e piacevole della bevanda, così morbida da poter essere assaporata in purezza, senza zucchero. Consiglio fornito anche da Gennaro Esposito, chef autore del nuovo Kimbo 5 Origini, blend 100% arabica composto da Etiopia, Guatemala, Brasile, Colombia e Costa Rica, che invita il pubblico a lasciare da parte zuccheri e dolcificanti per dare spazio all’aromaticità dell’oro nero.

Miscela Kimbo 100% arabica

Kimbo e Gennaro Esposito

Sono stati proprio loro due, l’attrice e lo chef della Torre del Saracino a Vico Equense, a presentare il progetto lo scorso lunedì 25 novembre a Milano presso It, locale nato grazie proprio alla consulenza e supervisione di Esposito in via Fiori Chiari, zona Brera. Una miscela ideata dal cuoco e i mastri torrefattori di Kimbo, da oltre 50 anni punto di riferimento per il caffè italiano ma soprattutto quello napoletano. È stato Esposito a selezionare le cinque origini del blend, numero non casuale ma legato alla smorfia napoletana, in cui rappresenta la mano: “Volevamo simboleggiare la stretta di mano fra due realtà campane”, ha spiegato lo chef.

Il blend 5 Origini di Kimbo

Un caffè moderno, contemporaneo, diverso da quello a cui la torrefazione ci ha abituati negli anni: tostato più chiaro, con note leggermente più acidule, ma sempre equilibrato, morbido e dai toni caldi, in pieno stile italiano. Un blend “che può essere compreso e apprezzato da tutti, amatori e non”, e che si propone di avvicinare gradualmente il pubblico a un concetto diverso di caffè, distante dalla tradizione classica partenopea che impone una tostatura scura e una buona percentuale di robusta.

Pubblicità

Dove comprare il nuovo blend di Kimbo

Diverse le opzioni della linea: c’è il macinato per moka, “che esprime al meglio le sue qualità se fatto con la cuccumella napoletana”, ci sono le capsule compatibili con macchine Nespresso e le cialde compostabili. Curioso anche il packaging con valvola “svela-aroma”, da premere leggermente con le dita per avere un’anteprima degli aromi e i profumi del prodotto. Per acquistarlo, si può far riferimento all’e-shop di Kimbo, lo store su Amazon oppure lo si può gustare in oltre 100 Autogrill, oltre che nei ristoranti di Gennaro Esposito.

Il progetto “Made in Scampia”

Kimbo ha sviluppato poi dal 2016 anche un progetto a sostegno della comunità del quartiere di Scampia: si chiama “Made in Scampia” e si propone di promuovere opportunità culturali e lavorative per i ragazzi del luogo, con l’obiettivo di sensibilizzare il territorio verso un cambiamento socio-culturale positivo. L’azienda ha deciso di donare i propri sacchi di caffè crudo dismessi, così da poter essere lavorati e trasformati in borse di juta: un prodotto originale, utile e anche di recupero. Una volta realizzate, le borse vengono acquistate da Kimbo e rivendute presso il proprio store all’Aeroporto Internazionale di Napoli-Capodichino (non distante da Scampia stessa) e in altri bar selezionati.

kimbo.it/