Trastevere è ancora il cuore pulsante di piccoli negozi dai prodotti genuini (così come di librerie, liutai e falegnami). Molti di essi sono esempi di resistenza storica.
Pubblicità


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI
THE BEST IN ROME & LAZIO

Le botteghe di Trastevere sono ancora l’anima di un quartiere che non è solo turismo e movida, come negli ultimi tempi la cronaca ha spesso sottolineato. Questo rione è ancora il cuore pulsante di piccoli negozi dai prodotti genuini (così come di librerie, liutai e falegnami). Molte di esse sono esempi di resistenza storica, alcune altre sono di concezione più recente, ma il bottegaio è sempre quell’amico che consiglia i prodotti migliori per te, che impara a conoscerti e a salutarti la mattina quando passi davanti la sua soglia. Uno stile di vita e di acquisto che negli anni della grande distribuzione è venuto pericolosamente a mancare e che oggi, grazie a un ritorno dell’attenzione sulla qualità dei prodotti, è tornato a caratterizzare il fascino della spesa.

Nessuna classifica, ma una serie di segnalazioni che consigliamo di provare.

Pubblicità
Roma Trastevere Macelleria Signorini

Macelleria Signorini

La macelleria Signorini è nella Trastevere del Belli, quella che con le spalle al Tevere si snoda sulla sinistra, precisamente in Via S. Francesco a Ripa. Qui Giuliano Signorini ha tirato su la sua prima serranda a 24 anni e oggi ne porta sulle spalle quasi 70. La clientela che frequenta questo posto ha un palato molto sensibile, a suo dire, ed è per questo che il banco offre solo selezioni genuine. Abbacchio viterbese, pollame biologico allevato all’aperto in grandi spazi, chianina da pascolo e molto altro, compresi dei semi preparati fatti da lui. “Una volta si comprava a prezzo fissato, del tipo: ‘mi dia mille lire di maiale’, oggi vanno molto gli straccetti che facciamo noi a mano e gli hamburger. Questi ultimi se fatti con carne di qualità, magari cotti al pepe verde, hanno un risultato appagante quasi quanto un filetto, con meno della metà della spesa”. Giuliano è un bottegaio con il suo libro di ricette sempre consultabile, ed è pronto a rispondere al telefono per dare consigli sulle cotture e ricevere feedback sul risultato. Grande attenzione all’immagine e consegne delivery in molte zone della Capitale.

Macelleria Signorini – Via di S. Francesco a Ripa, 50 – 06 5812764 – www.macelleriasignorini.com[email protected]

Roma Trastevere Norcineria Iacozzilli

Norcineria Iacozzilli

Il norcino non è solo l’abitante di Norcia (PG), ma una figura artigianale che implica il saper lavorare le carni suine, fino a produrne tagli e salumi. Le due serrande aprono in Via Natale del Grande nel 1924 e la famiglia Iacozzilli ne prende possesso nel 1954. Questo negozio di generi alimentari che conserva l’atmosfera d’altri tempi, si caratterizza per la produzione artigianale di salumi e pasta fresca. Qui si possono acquistare prodotti che arrivano direttamente dal loro laboratorio: salsicce, guanciale, salami e un notevole prosciutto di montagna, tagliato a mano. “Anche la porchetta, un’altra nostra specialità che serviamo calda, viene lavorata da noi e poi preparata ad Ariccia da altri maestri artigiani. Con il nostro prosciutto facciamo confezionare dei tortellini fatti a mano. Per offrire sempre il meglio che possiamo, ci piace pensare di unire la nostra tradizione e professionalità, con quella di altri artigiani”. Così Piero Iacozzilli racconta il suo banco con orgoglio, rafforzando sempre di più l’idea di poter essere un bottegaio di fiducia “perché – guarda – tanto oggi anche i prodotti così detti di marca degli ipermercati, hanno i prezzi che abbiamo anche noi, solo che ne sai sempre meno. Non è vero che siamo cari. Sono convinto si tornerà a comprare cose buone in botteghe come questa, dove noi ci mettiamo la faccia nel garantire la qualità. Come per il nostro Cotechino, una ricercatezza che stiamo già preparando per il Natale”.

Norcineria Iacozzilli – Via Natale del Grande, 15/16 – 06 5812734 – [email protected]

Pubblicità

Roma Trastevere Antica_caciara-Roberto

Antica Caciara

L’Antica Caciara è uno degli storici negozi trasteverini. Un luogo che dal 1900 abita la base del palazzo e che attraverso tre generazioni, ancora oggi mantiene l’identità sulla quale è nato. Generi alimentari ricercati attraverso un rapporto diretto con i piccoli produttori. Dal ciauscolo al Pecorino Romano DOP, che è il loro prodotto di punta insieme a un’ampia selezione di formaggi nazionali ed esteri. Il Pecorino Romano qui arriva a forme intere da 50kg e si impila fino a formare un muro di due metri. Il buon odore di cacio invade gli ambienti e la strada, mentre Roberto racconta con orgoglio quello che nacque con suo nonno e che dopo suo padre è oggi tra le sue mani. Mentre indica tutti i suoi ritagli di giornale, spiega bene la differenza tra i pecorini romani e quello sardo, specificando che quest’ultimo nasce proprio dal consorzio laziale. L’accoglienza di Roberto e della moglie è restituisce l’immagine esatta di chi ha creato un mestiere imparando in bottega, arrivando a custodire un tesoro prezioso che rischia di svanire. “Noi resistiamo da decenni perché raccontiamo storie vere e vendiamo cose genuine, non possiamo dare fregature”.

Gastronomia Antica Caciara – Via di S. Francesco a Ripa, 140 a/b – 06 5812815 – www.anticacaciara.it[email protected]

Roma Trastevere Pasticceria Valzani_Michaela e sorella

Pasticceria Valzani

Neanche tanto nascosta in Via del Moro, la pasticceria Valzani offre al primo sguardo il suo respiro storico. Una vetrina decisamente retrò e un’esposizione di prodotti tradizionali, quasi persi nel tempo, ci dicono che siamo di fronte a un’insegna che racconta quasi cento anni di storia. Un laboratorio nato nel 1925 e che la famiglia Valzani, dopo 89 anni di lavoro, cede nel 2014 ai suoi dipendenti. La storia di un passaggio generazionale non strettamente familiare, ma legato a un principio di famiglia allargata. Quest’attività è da sempre conosciuta per le lavorazioni con il cioccolato, tra le quali la Sacher Torte e i Diavoletti, che sono un loro brevetto a base di cioccolata e peperoncino. Prodotti che rimangono la loro punta di diamante, come ci racconta Michaela, insieme alla pralineria e ai dolci tipici romaneschi come il Pangiallo, il Panpepato e i Mostaccioli. “Facciamo tutto artigianalmente secondo le ricette originali, lavoriamo molto con il cioccolato e non abbiamo prodotti da colazione, di espresso produciamo cannoli siciliani e meringhe con la panna”.

Pasticceria Valzani – Via del Moro 37 a/b – 06 5803792 – www.valzani.it[email protected]

 Roma Trastevere Drogheria Innocenzi

Drogheria Innocenzi

Questa bottega affaccia su Piazza san Cosimato nell’angolo con Via Natale del Grande. Qui si possono trovare delle vere rarità gastronomiche e molti prodotti di nicchia. L’ingresso, tra scaffali e sacchi di legumi e semi secchi, ci riporta ai mercati esotici di altre città e scavando nelle origini, è proprio nelle contaminazioni che troviamo la storia di questo posto. Raffaele Innocenzi è un ragazzo giovane e insieme a sua sorella, sono la terza generazione a portare avanti la drogheria che il nonno ha rilevato nel 1947. Un luogo con una storia ancora più antica e che apre le porte, come negozio di generi alimentari, nel 1884. Negli anni l’evoluzione è stata caratterizzata proprio dal nonno, che cercò di importare a Roma il maggior numero di prodotti possibili da ogni parte del mondo. È così che oggi la drogheria Innocenzi risulta conosciuta non solo dai romani, a caccia di genuine ricercatezze, ma anche da diversi continenti e dai molti stranieri, turisti o residenti, che vengono qui a scoprire il Made in Italy e a comprare i prodotti del loro paese. “Ricerchiamo prodotti ovunque, soprattutto sulla base di chi ce li richiede. Cerchiamo di avere qualsiasi tipo di ricercatezza da sempre” Così chiude Raffaele.

Drogheria Innocenzi – Via Natale del Grande, 31 – 06 5812725

Roma Trastevere Renella_2

La Renella

Per chi ha vissuto le notti trasteverine fino alle prime ore del mattino, non è un segreto l’odore del pane caldo che avvolge i vicoli tra Via del Politeama, Vicolo della Renella e Via del Moro. Questo forno rimane un presidio del quartiere e, nonostante un cambio di gestione di qualche anno fa, continua a sfornare con la stessa qualità sia pane che pizza alla pala. I suoi forni a legna vengono accesi per la prima volta nel 1848, e ancora oggi rimangono uno dei segreti del filone, simbolo di questo panificio. Un pane non sciapo dalla mollica morbida e dalla crosta dorata e croccante. Ma non è l’unico prodotto di questo panificio: qui possiamo trovare anche panificazioni a base di farine come kamut, segale, mais e cereali. Tutte frutto di lavorazioni manuali con un solo passaggio a macchina dell’impasto.

Forno La Renella – Via del Moro 15 – 06 5817265 – www.larenella.com[email protected]

Roma Trastevere Pasta all’uovo Sorelle Piras

Pasta all’uovo Sorelle Piras

Tre sorelle sarde nel 1986 hanno visto in Trastevere un sogno, e hanno deciso di inseguirlo. Pina, Simona e Caterina producono ogni pasta fresca e la loro clientela è quasi totalmente romana, ma anche gli stranieri non disdegnano di riportare in patria la loro pasta. Fanno tutto orgogliosamente a mano nel loro piccolo laboratorio semi-interrato, dalla pasta ripiena come gli agnolotti, i tortellini e i ravioli, fino agli gnocchi di patate. Immancabili sono le specialità sarde, dagli gnocchetti ai culurgiones e alle seadas. “Mio fratello aveva un ristorante in piazza, all’epoca, e abbiamo deciso di trasferirci qui e aprire un nostro laboratorio, facciamo tutto artigianalmente”.

Pasta all’uovo Sorelle Piras – Via del Moro 32 – 06 5803759

Roma Trastevere Er_Cimotto(1)

Frutteria Er Cimotto

Questa frutteria apre le porte circa dieci anni fa, ed è la prima insegna delle meno storiche. Un negozio di nicchia però, che è frutto di una storia comunque antica e legata al quartiere. Michela Buccilli, la titolare, fa parte della grande famiglia che abita Via Benedetta da sempre, con la trattoria storica Checco er Carrettiere. Così, in Piazza S. Giovanni della Malva, nasce una frutteria che punta tutto sul contatto diretto coi produttori, dal chilometro zero ai frutti esotici, con uno spazio dedicato al bio. Un punto di riferimento per i trasteverini a caccia di primizie, ma anche per chi cerca prodotti che hanno origini più lontane. Non solo frutta ma anche latte fresco in bottiglia di vetro, yogurt biologici e pane di Lariano, insieme a castagne viterbesi e bergamotto calabrese. “Puntiamo alle persone e alla qualità, selezioniamo le nostre aziende agricole con grande cura e ci piace instaurare con loro non solo rapporti di lavoro, ma anche di amicizia”.

Frutteria Er Cimotto – Piazza S. Giovanni della Malva 6 – 06 5806460 – www.frutteriaercimotto.it[email protected]

Roma Trastevere Otaleg_Radicioni

Gelateria Otaleg!

Marco Radicioni è una persona a cui piacciono i quartieri. Tra i grandi maestri del gelato italiani, dopo la sua prima apertura a Monteverde, qualche anno fa ha scelto Trastevereperché questo è il quartiere simbolo di questa città, c’è storia, c’è turismo, c’è gioventù, ma soprattutto c’è il popolo”. Qui vengono molti stranieri che vivono a Roma e che magari abitano proprio in questa zona, ma la clientela è molto romana. Marco ha puntato su un gelato realizzato artigianalmente con materie prime molto selezionate e che spesso compra proprio qui, dai suoi amici negozianti. Un lavoro apprezzato da subito e che fortunatamente lo porta a fidelizzare i suoi clienti. I suoi sono gelati dal sapore intenso e dalla consistenza piena e avvolgente. Oltre ai classici stagionali, troviamo tantissimi gusti, frutto di creatività e grandissima tecnica, come cioccolato Madagascar 70%, crema mammona, mascarpone, vaniglia, mandarino e biscotti, orzo e miele o arachidi salate con cioccolato e arachidi croccanti. “Qualcuno il gelato lo mangia tutto l’anno, ma ancora non è vero che si vende sempre, sui grandi numeri che fanno aprire la serranda a una bottega come questa, rimane un prodotto stagionale”.

Gelateria Otaleg! – Via di San Cosimato 14a – 338 6515450 – www.otaleg.com[email protected]

Roma Trastevere Le-levain-Solfrizzi

Boulangerie e pasticceria Le Levain

Un altro laboratorio di nuova concezione, aperta da Giuseppe Solfrizzi nel 2014. Levain significa lievito madre in francese, e questa boulangerie e pasticceria di stile francese è diventata in breve tempo il tempio della lievitazione trasteverina, un luogo in cui si coniuga grande tecnica e continua ricerca, formazione e attenzione al dettaglio. Giuseppe è un maestro pasticcere e un bottegaio che non nasconde i numerosi sacrifici per essere arrivato – oggi – a far valere il proprio talento e la propria passione, ma senza mai cedere sulla qualità: in laboratorio si lavorano solo materie prime d’eccellenza, senza alcun tipo di prodotto lavorato o semi-lavorato, nessun additivo, aroma o conservante. Nel piccolo bancone dolci come tarte citron, macaron, eclair e sablè breton, ma anche baguette, pane di solina, integrale e di segale. Per la boulangerie, imperdibili i croissant dolci e salati, il pain au choccolat, la madeleine, le brioche e la chausson.

Boulangerie e Pasticceria Le Levain – Via Luigi Santini 22/23 – 06 47543834 – www.lelevainroma.it[email protected]

Roma Trastevere Antonio_Marino-Le-Vignerons

Enoteca Le Vignerons

Dieci anni di storia per questa insegna, sei passati nel quartiere Tor Pignattara e altri quattro a Trastevere, in Via Goffredo Mameli. Siamo negli spazi di Antonio Marino e Les Vignerons è un angolo di mondo dedicato principalmente ai vini naturali di piccoli produttori e ai microbirrifici artigianali. “Non c’è niente di innovativo nei vini naturali, non c’è nessuna scoperta e forse non dovrebbero neanche chiamarsi così. Il vino deve essere sempre ‘naturale’ e quando parliamo di questo metodi di produzione, parliamo di come il vino si è sempre fatto. Credo sia solo un ritorno, come per altre cose, all’artigianalità di una produzione vinicola”. Antonio sta lontano dalle mode e spera che l’avvicinamento verso questo tipo di vino sia un processo culturale, invece che una tendenza. Nel mentre, sui suoi scaffali troviamo numerose etichette, alcune introvabili altrove, frutto di un lavoro di ricerca cominciato dieci anni fa, quando decise di investire con la sua compagna in questo settore. All’epoca era davvero una scommessa e, oggi, Trastevere rappresenta per loro il giusto crocevia tra cultura e turismo enogastronomici.

Enoteca Le Vignerons – Via Goffredo Mameli 61/62 – 06 64771439 – www.levignerons.it[email protected]

Roma Trastevere Door-to-Door

Door To Door – Zia pasticceria

L’ultima bottega arrivata a Trastevere, in ordine di tempo, è in realtà un piccolo laboratorio ricavato in tempi di Covid da Zia, blasonato ristorante dello chef Antonio Ziantoni. Door to Door non ha serranda, ma una porticina verde di legno che affaccia su via Luigi Santini al civico 7a, un dolce speakeasy da dove fuoriesce qualcosa di più delle preziose monoporzioni del talentuoso pasticcere Christian Marasca. Qui si lavora su ordinazione, in attesa di una vera e propria sala degustazione, e in carta si trovano diverse tipologie di dolce e salato disponibili anche in delivery. Millefoglie ai lamponi e tourbillon (anche maxi) tra le monoporzioni, cake di carote e al limone per la prima colazione, gelato ai mirtilli e acquavite e alla robiola di capra, queste alcune primizie insieme alla biscotteria, alle torte e ai barattoli di creme spalmabili come il caramello salato.

Door to Door – Zia Pasticceria – Via Luigi Santini 7a – 342 1736030 – www.ziarestaurant.com[email protected]

A sentire questi negozianti, ovviamente pesa la mancanza del turismo in questa fase, e in tanti lamentano la scomparsa di quei tour gastronomici che qualche guida faceva con gli stranieri. Per molti non era solo un’occasione per la vendita, ma anche per far conoscere prodotti e sapori grazie al proprio mestiere, un momento di vera soddisfazione. Accogliere, far degustare, far scoprire, raccontare una storia: questi sono fattori importanti, venuti a mancare a questi artigiani anche a causa di un sostanziale disinteresse della cittadinanza indigena. Un atteggiamento di sufficienza che speriamo cambi presto.

a cura di Andrea Febo