Siamo tutti un po' chef? Forse sì, per questo siamo così intransigenti quando vengono modificati alcuni piatti iconici della cucina italiana. L'approfondimento in questo numero del mensile.
Pubblicità

Carbonara. Breve storia dell’intransigenza culinaria in Italia, ma non solo

È sensibilissimo il tasto gastronomico nella polemica quotidiana, da giornale e da bar, in Italia più che altrove. Se per il calcio, diciamo che ci sentiamo tutti CT, per la cucina che diciamo? Siamo tutti chef? Un po’ forse sì. E cos’è la tradizione, se non il frutto di una cucina secolare collettiva? Ne parliamo con professori e storici, cuochi e antropologi: il quadro che ne esce è interessante e fa riflettere… “La cucina tradizionale – spiega il foodblogger Lorenzo Biagiarellirappresenta l’ultimo baluardo di italianità. Quando parliamo di gastronomia ci riferiamo al minimo comun denominatore della cultura italiana: tutti conoscono le ricette che hanno fatto o visto fare da una vita e sentono di potere esprimere un loro parere”. E non siamo solo noi italiani ad avere sviluppato questo tipo di disturbo ossessivo nazionale. Gli ultimi esempi saliti alla ribalta delle cronache riguardano la Spagna e il Vietnam, con la paella madrilena e la chicken pho, una zuppa molto popolare nel Paese del Sud-Est asiatico

Ne parliamo con decine di esperti – cuochi, studiosi, antropologi opinionisti, ristoratori – nel numero del Gambero Rosso di ottobre…

Per leggere l’articolo completo, potete trovare in edicola il numero di ottobre o in versione digitale, su App Store Play Store
Abbonamento qui

Pubblicità
parole di Luca Cesari