Un menu inedito, disponibile solo dal 25 al 29 febbraio, in concomitanza con la chiusura del Carnevale. È il progetto Abbinamenti Insoliti dei ragazzi di DistrEat, giovane realtà del Naviglio Pavese, a Milano.
Pubblicità

DistrEat a Milano. Un giovane progetto di ristorazione

Lungo un Naviglio Pavese che oggi concentra diversi validi indirizzi gastronomici, DistrEat è bistrot giovane, per apertura ed età media della squadra di lavoro. Nella Milano della girandola continua di inaugurazioni e chiusure premature, individuare una formula originale per comunicare la propria identità ristorativa non è semplice. DistrEat – che dalle prime ore del mattino e per tutta la giornata è anche bar, per colazione, merenda, aperitivo – punta nella direzione di una cucina moderna, competente ma scevra da formalismi. Sulla qualità del prodotto e sul divertimento dell’ospite. E in questo contesto nasce l’iniziativa degli Abbinamenti insoliti (ma non impossibili), menu speciale proposto ai clienti dal 25 al 29 febbraio, come prima “sfida” di un ciclo di appuntamenti intitolato Distrazioni possibili, che andrà in scena dalla prossima primavera presso il ristorante di via Imperia.

Al lavoro nella cucina di Distreat a Milano

Il menu degli Abbinamenti Insoliti

Ma si comincia con la proposta di quattro portate inedite, abbinate ad altrettante bevande fuori dal comune, per un menu degustazione da 50 euro (che non necessariamente dev’essere condiviso da tutto il tavolo). L’elaborazione delle idee ha richiesto un confronto a cinque, tra i tre giovani cuochi e i due responsabili di sala, tutti soci nella gestione dell’attività. E l’obiettivo è stato quello di procedere per accostamenti curiosi, capaci però di esaltare i prodotti lavorati in cucina, tutti in arrivo da realtà sostenibili. Lo sforzo creativo, però, si è concentrato pure nella ricerca di bevande alternative al vino da integrare in modo armonioso con il percorso di degustazione nel piatto.

Polenta fritta con baccalà mantecato e prezzemolo da DistrEat

Niente vino. Ma cosa si beve?

Ed è così che nel corso della serata, chi sceglierà di affidarsi al menu degli Abbinamenti insoliti assaggerà, in sequenza, un estratto di mela verde e zenzero, un mezcal sour, un bicchiere di ayran (tipica bevanda turca a base di yogurt, sale, acqua e menta, abitualmente accompagnata ai piatti di carne sulle tavole mediorientali, per rinfrescare il palato), una birra APA, scelta per le note agrumate dei luppoli utilizzati. Il motto dell’iniziativa? A Carnevale ogni abbinamento vale! A patto di incrociare la strada di buongustai curiosi. In cucina, come sempre, si muoveranno Federico Sordo e Andrea Tirelli, entrambi in arrivo dall’esperienza di Ratanà, e Gabriel Urgese (il più giovane del team, con i suoi 24 anni), con il suo curriculum di respiro internazionale. In sala, invece, l’accoglienza degli ospiti e il servizio sono affidati a Guido Dossena e Davide Aru. Ma passiamo al menu:

Pubblicità

Baccalà mantecato, polenta fritta e olio al prezzemolo

Estratto di mela verde e zenzero

Risotto con porri stufati, cotechino, paprika dolce e limone

Mezcal sour

Pubblicità

Terrina di agnello, verza e pompelmo rosa

Ayran

Tarte tatin con fiordilatte al pepe bianco

Birra APA di Hibu

DistrEat – Milano – via Imperia, 3 – Prenotazione consigliata: 339 6778204