Ricominciare dopo un fallimento: lo chef John DeLucie, americano di origini italiane, ci prova a Brooklyn, con un nuovo ristorante ispirato alla tradizione tricolore.
Pubblicità

Un vero impero della ristorazione, anni di esperienza costellati di successi, una popolarità ottenuta grazie a una cucina semplice, senza fronzoli, fatta di materie prime di alta qualità e in grado di coniugare la tecnica italiana allo stile americano. Poi, nel 2015, il fallimento, la resa dei conti, la fine di un’epoca che ora apre le porte a una nuova strada.

Ristoranti italiani a New York: Ainslie

Lo chef John DeLucie torna a Brooklyn con un nuovo locale stile italiano, Ainslie, creato insieme ai soci AJ Bontempo e Sergio e Mario Riva. Uno spazio con 340 coperti e un beer garden, oltre a un wine bar con etichette internazionali e birre artigianali in bottiglia e alla spina, la cui apertura è prevista per i primi di ottobre.

Ainslie, format e design

Nasce in un ex magazzino ristrutturato di Williamsburg, Ainslie, e propone un menu ispirato alla tradizione italiana, dalla pizza a legna alla pasta fatta a mano, piatti simbolo del made in Italy ma interpretati con un tocco newyorkese. Lo spazio è arredato con gusto, con mobili in legno recuperato dalla vecchia fabbrica, e l’imponente porta di aviorimessa all’ingresso del beer garden.

Pubblicità

DeLucie, dopo il fallimento

Un vero punto di svolta per DeLucie, un tempo alla guida di una serie nutrita di ristoranti di successo, dall’Upper East Side al West Village, insieme all’ex partner Sean Largotta, i cui rapporti finanziari rappresentarono una delle principali cause del fallimento. Senza contare i 575mila dollari che DeLucie dovette pagare ai dipendenti che avevano vinto la causa contro uno dei suoi ristoranti, a quel tempo in mano a Largotta. Oggi, lo chef ha ancora il Bedford&Co e l’Empire Diner a Chelsea, e si prepara ad aprire i battenti del ristorante e lounge bar dell’hotel HGU.

Ainslie: cucina italiana a New York

Ma torniamo ad Ainslie e al nuovo ristorante italiano di Brooklyn: si comincia con gli antipasti, fra salumi e formaggi, bruschette, calamari fritti e burrata, per proseguire poi con la pasta, dalle orecchiette con cime di rapa e salsiccia alle linguine alle vongole. Fra i secondi, branzino alla griglia ma anche bistecca con patatine al tartufo, con verdure arrosto e grigliate per contorno. Tra i dessert spiccano ingredienti classici della tradizione, come il mascarpone, qui servito con fragole e mandorle, ma non può mancare una tipica cheesecake americana, a ricordare l’ormai indissolubile e vincente connubio tra cultura italiana e stile stellestrisce.

ainsliebk.com/

a cura di Michela Becchi

Pubblicità