Un Natale vissuto nell'intimità delle proprie case, quello del 2020, dove non si potranno celebrare le grandi riunioni familiari. Non per questo, però, dobbiamo rinunciare a un pranzo delle feste speciale
Pubblicità

Natale con i tuoi. Mai come quest’anno il detto è veritiero. Perché le nuove restrizioni anti Covid impongono festeggiamenti vissuti nell’intimità del proprio nucleo familiare. Ma questo non significa rinunciare a godere dei piaceri della buona tavola, perché se non possiamo raggiungere il nostro ristorante preferito, stavolta è lui che può raggiungere noi, con piatti pensati appositamente per i giorni di festa. Tradizionali o meno, vegetariani, elaborati o più semplici, pronti da mettere in tavola o da terminare in pochi passaggi illustrati passo passo: sono i menu di queste feste targati 2020. Ecco quelli di Torino. Sarà un Natale diverso, ma sarà comunque un Natale buonissimo.

Il panettone del Cambio

Il Natale di Matteo Baronetto. Del Cambio

Un monumento della ristorazione sulle cui tavole è passata la storia grande e piccola. Oggi saldamente in mano a Matteo Baronetto – che cura anche la proposta informale della Farmacia del Cambio – che continua a tessere una trama elegantissima che intreccia in modo personale la grande tradizione piemontese e gli spunti attuali. Per i giorni di festa – la cena della Vigilia e il pranzo di Natale – una proposta (fino esaurimento disponibilità) che parte con ricchissimo assortimento di piccola pasticceria salata (rocher di ricotta e pistacchi, craqueline con mousse di prosciutto cotto, babà ripieno di olive, bignè con crème fraîche, gianduiotto di carne, tartelletta con spinaci, quiche ai carciofi, tramezzino al salmone, tartufo di crudo, tramezzino con salsa tonnata) e continua con fusilli di pasta fresca, nero di seppia e calamari e il filetto di vitello alla Rossini con sformato di spinaci, pinoli e uvetta. In chiusura l’albero di Natale 2020. 70€ a persona. Consegne a Torino e prima cintura.

Del Cambio – 011 546690 – 366 8219929 – https://delcambio.it/it/gruppo/home

Pubblicità

Il Natale di Lorenzo Careggio. EraGoffi

Disponibile per tre giorni (dal 24 al 26) il delivery natalizio di EraGoffi, ristorante torinese guidato dallo chef Lorenzo Careggio. Mentre continuano le formule delivery quotidiane, per queste feste si è stato studiato un menu più tradizionale e basato suisapori tipici del Natale in famiglia. Si apre con i crostini di benvenuto (pan brioche, burro e acciughe, salsiccia di Bra e tartufo nero, radicchio e mandorle); il cotechino toma e miele (ovvero una fonduta di toma Az. Agr. Ceresa, cotechino glassato al miele d’abete di Mieli Thun) gli agnolotti, con jus e nocciole e il brasato Piemonte, “come da ricetta di famiglia”, speziato, cipolline in agrodolce e crema di patate alla curcuma). Si chiude in dolcezza con creme e panettone bianco, Un grande lievitato senza canditi e uvetta ma accompagnato dalle creme Chantilly, cioccolato e zabaione. 70€ (bottiglia di Alberto Massucco Champagne in abbinamento a 30 euro):

EraGoffi – 011 4273450 – 389.6667293 – www.eragoffi.it

Il Natale di Fabrizio Telese. Carlo e Camillo del Grand Hotel Sitea

Si chiama Carlo e Camillo il bistrot del Grand Hotel Sitea a via Carlo Alberto, nel cuore della città. Proprio di fronte all’albergo ci sono l’american bar, il ristorante gourmet, e questo locale più informale, che porta sempre la firma di Fabrizio Telese. È con questa insegna che lo chef vuole raggiungere i suoi clienti nei giorni di festa e lo fa con una golosa proposta che va terminata a casa. Niente paura: il menu sarà accompagnato da un breve fumetto dove lo Tesse illustrerà come terminare la preparazione. La proposta, per la cena del 24 e il pranzo del 25, prevede: vitello tonnato alla Carlo e Camillo, plin al Castelmagno e tartufo nero, guancia di manzo brasata al vermouth rosso, verza e scorzonera e in chiusura Mont Blanc. 50€ a persona

Grand hotel Sitea – 011 5170171 – www.ristorantecarignano.it

Pubblicità

razzo e gaudenzio menu natale

Il Natale di Razzo + Gaudenzio

Uniscono le forze due giovani realtà che sotto la Mole stanno facendo parlare di sé. Per il giorno di Natale un delivery da completare a casa, corredato di tutte le istruzioni indispensabili per una perfetta riuscita. SI comincia con la capasanta con blu del Moncenisio e caffè di zucca e poi si prosegue: fegato d’oca di Mortara con vermouth e panettone; plin di pernice selvatica con tartufo nero, cioccolato e ginepro; guancia di manzo con zucca, carciofi e olive; e per finire frolla con mandarino e nocciole; pane e piccola pasticceria. 55 € a persona

Razzo: 346 376 1473 – www.vadoarazzo.it –  https://www.facebook.com/RAZZO-268593107156234/ – Gaudenzio https://gaudenziovinoecucina.it 

rambaldi torino

Il Natale di Giuseppe Rambaldi. Gastronomi(a)tipica

Non manca Giuseppe Rambaldi, storico ex di Savide Scabin, all’appuntamento con il Natale con la sua nuova Gastronomi(a)tipica Rambaldi. Due menu per due giorni, il 24 e 25 dicembre, da asporto o con consegna a domicilio. Il primo comincia con tacos e prosegue poi con insalata russa; budino di verdura; quiche di spinaci; cappellacci di zucca burro e salvia; Caesar salad; cardi in crosta con fonduta di parmigiano; zuppa inglese. La seconda opzione invece include: insalata russa; anguilla in carpione; vitello tonnato alle due maniere; budino di verdure; cappelletti in brodo di cappone; cotechino con purè di patate; filetto in crosta; zuppa inglese. 65€ a persona.

Gastronomi(a)tipica – 011 19172795 –  – https://www.rambalditorino.com/ – https://www.facebook.com/rambalditorino/

Il Natale di Marc Lanteri. Al Castello

Il castello di Grinzane Cavour è un palcoscenico unico. Ma purtroppo per questo Natale bisognerà rinunciare alla sua quiete e all’eleganza degli ambienti. Si può però godere almeno della cucina, quella firmata da Marc Lanteri, che per i giorni di Natale ha studiato un menu alla carta di grande impatto disponibile per il delivery gratuito fino ad Alba e dintorni – su richiesta e a pagamento per distanze maggiori. In menu: foie gras di anatra al torcione, pane brioche multicereali e fichi bianchi confit (minimo due persone; 150 gr), zuppa di pesce del Mar Ligure, crostoni agliati e salsa rouille (minimo due persone; 550ml), cappone di Morozzo della Signora Tarditi, arrostito al forno con farcia di castagne e patate biodinamiche (per minimo 4 persone), zuppa inglese al panettone artigianale (minimo due persone); tartufi al cioccolato Michel Cluizel Vanuari noir 65% (100 gr); marrons glacés al rhumc(5 cad) – 12. Prezzi da 8 euro (per i tartufi al cioccolato, a 45, per la zuppa di pesce).

Marc Lanteri al Castello – 0173262172 – www.marclanteri.it

Il menu di Stefano Sforza. Opera

Solo 20 box disponibili per il menu firmato da Stefano Sforza che accompagna tutto il pasto, dall’aperitivo – insalata russa, Rocher di Fassona e nocciole, chips di farinata e pane – al menu vero e proprio che comprende tartare di trota con misticanza invernale, al carciofo con sgombro e menta, al capunet di cotechino e lenticchie nere, ai tortellini in brodo di cappone e zenzero, alla guancia di vitello allo Champagne, tartufo nero, sedano rapa, Pand’oro. 60€ a persona, 5€ per le spedizioni fuori Torino.

Opera – 011 1950 7972 – https://operatorino.ithttps://www.facebook.com/OPERAINGEGNOECREATIVITA

Il Natale di Tre Galline

A tutta tradizione il delivery firmato Tre Galline propone un menu da completare a casa, con poche semplici mosse: nella ricotta fatta in casa con misticanza di verdure di stagione, per esempio, basta aggiungere olio e sale, per cominciare un menu che continua con patè di carni all’armagnac in crosta di pane, cotechino del ‘Salumificio del Castello’ e lenticchie di Norcia, tortelli di cappone in brodo, guancia brasata al nebbiolo e rosti di patate e si chiude con un bonet classico con castagne, amaretto, e meringa. Disponibile fino al 6 gennaio. 58€ a persona.

Tre Galline – 3314347522 – https://delivery.ristorantecarlina.it