"Per il Trentodoc obiettivo 15 milioni di bottiglie e spinta all'estero". Intervista al neo presidente Stefano Fambri

3 Mar 2024, 17:14 | a cura di
Il mercato del 2023 ha tenuto in un contesto di generale difficoltà per la spumantistica. E l'obiettivo dei 15 milioni di bottiglie è raggiungibile, anche se la crescita attesa non può essere quella degli anni precedenti

L'Istituto del Trentodoc cambia i vertici e dopo 12 anni il testimone passa a Stefano Fambri, direttore di Nosio (Gruppo Mezzacorona). Il presidente uscente Enrico Zanoni lascia dopo quattro mandati, senza dare disponibilità per un nuovo incarico, ma resta in cda: «Dotare l’Istituto di un budget, costituito dal finanziamento degli associati unitamente alle risorse per la promozione del marchio - ha commentato Zanoni - ci ha permesso di implementare una struttura organizzativa». L'Istituto, che oggi conta 67 case spumantistiche trentine, ha il ruolo di promozione del marchio Trentodoc in Italia e all'estero. La strategia da seguire, secondo Fambri, sarà quella della continuità. Il neo presidente, nella sua prima intervista, ha parlato di consolidamento della crescita e del successo fin qui raggiunti.

Obiettivo 15 milioni di bottiglie

Rispetto al quadro economico generale, l'aumento dei prezzi e la riduzione del potere d'acquisto dei consumatori sono un’ulteriore sfida futura. Nonostante ciò, il mercato del 2023 per queste bollicine di montagna è stimato in tenuta, riferisce il neo presidente, dopo un 2022 a 13 milioni di bottiglie e un 2021 che è stato superiore al 2019 (pre pandemia): «La soglia dei 15 milioni di bottiglie è raggiungibile, ma siamo consapevoli che l'auspicata crescita dei prossimi anni non potrà essere della stessa intensità di quelli precedenti. Per ora ci riteniamo soddisfatti, in un contesto in cui un po' tutte le bollicine hanno venduto di meno».

Due bottiglie su dieci di Trentodoc passano i confini dell'Italia, che ancora vale l'80% di questo metodo classico trentino: «Da un lato, abbiamo ancora margini di crescita sul mercato interno e dall'altro lato siamo interessati all'estero. In particolare, UK, Giappone e Asia orientale stanno dimostrando interesse per bollicine di qualità come le nostre», spiega Fambri, ricordando le iniziative in corso, con fondi Ocm, nella East Coast statunitense e in Svizzera, definito mercato sensibile alla qualità e ai prodotti di fascia medio alta.

Trento Doc - Piana Rotaliana, Faedo, Pressano - Ph. Alice Russolo

Trento Doc - Piana Rotaliana, Faedo, Pressano - Ph. Alice Russolo

Aumentano gli spumanti di alta qualità ma per ora niente Uga

Se quello verso l'estero è un percorso di crescita in qualche modo obbligato, le imprese stanno rispondendo con un incremento della qualità proposta al consumatore: «L'attenzione delle cantine va verso prodotti superiori, con affinamenti che in larga misura partono da 36 mesi. Sono, infatti, cresciuti millesimati, riserve, selezioni, edizioni limitate», sottolinea Fambri, che per ora ritiene non necessaria (come, invece, ha fatto la Docg Francicorta) l'implementazione di unità geografiche aggiuntive (uga) per il Trentodoc: «Fatico a pensare che siano utili nei confronti dell'utente finale. Meglio concentrarci sul concetto di bollicine di montagna».

Trentodoc Festival a settembre

Meta turistica d'eccellenza, il Trentino è il terreno privilegiato delle iniziative dell'Istituto. Al di là delle grandi fiere, da Prowein a Vinitaly, il team guidato da Sabrina Schench è già al lavoro in vista del Trentodoc Festival, evento previsto a settembre: «Lo scorso anno - ricorda Fambri - abbiamo avuto un forte ritorno d'immagine, grazie anche a ben 80 eventi che sono stati gestiti dalle singole cantine, al di là del palinsesto comune. Gli enoturisti, quando sono in vacanza, privilegiano le esperienze. È questa la strada».

L'articolo completo è stato pubblicato sul Settimanale Tre Bicchieri del 29 febbraio 2024

Per riceverlo gratuitamente via e-mail ogni giovedì ed essere sempre aggiornato sui temi legali, istituzionali, economici attorno al vino Iscriviti alla Newsletter di Gambero Rosso

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram