Aglio Rosso di Sulmona, Broccolo riccio, Ventricina del Vastese, miele e molto altro: ecco cosa assaggiare nel Parco Nazionale della Majella
Pubblicità

Nella nuova guida Italia all’Aria Aperta, realizzata con Enel Green Power, abbiamo voluto raccontare lo straordinario patrimonio ambientale del Paese, valorizzandone le produzioni agroalimentari. Qui vi sveliamo i vini e i prodotti tipici del Parco Nazionale della Majella.

Concentrato di spiritualità, luogo di eremi, conventi e abbazie, ma anche e soprattutto area di incredibile bellezza naturalistica, entrato a far parte della lista dei geoparchi Unesco, il Parco Nazionale della Majella è un unicum sul territorio abruzzese. Il Parco, nei suoi 75 000 ettari, ospita il secondo massiccio più alto del gruppo montuoso – la “Maiella Madre” – 6 aree faunistiche dedicate alle specie di maggiore importanza e 2 giardini botanici, a Sant’Eufemia a Maiella e Lama dei Peligni. Nel suo territorio, che si estende su 39 comuni, trovano sede oltre 2300 specie floristiche e il 45% dei mammiferi italiani. Un concentrato di biodiversità che si esprime anche a tavola, nei prodotti che nascono dentro il Parco Nazionale della Majella e nelle zone limitrofe.

La Majella in 9 prodotti

Il Maiale Nero d’Abruzzo

Originario della Campania, è giunto in Abruzzo nei secoli antichi e ha rappresentato, negli anni, il punto fermo del territorio che lo ha gelosamente custodito come risorsa di ogni famiglia e simbolo di riti e tradizioni ancora vive.

Pubblicità
  • Costantini Slow – Mosciano Sant’Angelo (TE) – via Rovano, 21 – 3351307238 – costantinislow.com
  • Nero Peligno – Vittorito (AQ) – via Colle della Fonte, 319a – 3297349322 – neropeligno.com

Salsicciotto Frentano

Salame storico realizzato con i tagli magri e pregiati del maiale conciati con sale e pepe, unica spezia impiegata.

  • Travaglini Salumi – Casoli (CH) – c.da Laroscia, 9 – 0872985365 – travaglinisalumi.it
  • Le Tre Casette – Gessopalena (CH) – 3381659269 – @letrecasette

Mele, pere, pesche

Sono tante le varietà di mele e pere antiche e particolari presenti alle pendici della Majella: mela gelata, limoncella, mela mangione, mela paradiso, mela piana (o casolana o di Altino), mela tinella. Diverse anche le pere: de Vièrne, di San Giovanni e trentatré once. Poi, la pesca pomo di Renzo e la testa rosce.

Aglio rosso di Sulmona
Aglio rosso di Sulmona

Aglio Rosso di Sulmona

Appartiene al gruppo degli agli rosa. È l’unico in Italia a emettere gli scapi floreali (i cosiddetti talli) tutti gli anni: si usa conservarli sott’olio.

Broccolo riccio

Ha foglie arricciate con margine notevolmente seghettato e dalla colorazione intensa verde scuro.

Pubblicità

Fagioli, fave e pomodori

Sono tantissime le varietà antiche: Fagiolo suocere e Nore, fagiolo a caffè, l’aquilano, il borlotto antico, il cannellino e il gentile (o minutillo o monachelle), il fagiolo dei quaranta giorni e il tondino. Poi, la mezzafava, moto corta, e il pomodoro a pera dalla polpa abbondante.

Grani e cereali

Sono diversi i cereali tradizionali ancora prodotti in zona. Il farro, ideale in situazioni marginali; il grano tenero Casorella e il Solina; la segale.

  • Info sui produttori: parks.it
ventricina-vastese

Ventricina del Vastese

Salume nobile, realizzato con le carni più pregiate del maiale condite e pressate nello stomaco del maiale. Le prime citazioni sono dell’inizio del 1800, ma è Giuseppe Iezzi che nel suo La Maiella e l’Abruzzo Citeriore” del 1919 la studia a fondo. Rimane ancor oggi un salume pregiato. Può essere piccante o meno, condito con finocchio. È tradizionale della parte di Abruzzo che dalla Majella scende verso il mare e il Molise.

  • Fattorie del Tratturo – Scerni (CH) – ventricina.com
  • Racciatti – Furci (CH) – ventricineracciatti.it
  • Verdebios – Celenza sul Trigno (CH) – verdebios.it
  • La Genuina – Carunchio (CH) – laventricina.it

Miele della Majella

È un’arte produrre miele alle pendici della Majella. Occorre conoscere alla perfezione le essenze e seguire il ritmo delle stagioni. Ci sono almeno due apicoltori che sono dei veri maestri in questo. Ma verso Vasto, a Tornareccio, è il vero tempio del miele monofora: è qui che storicamente gli apicoltori si sono specializzati nel seguire la biodiversità nella gestione delle api e nella produzione di miele. Da questi loghi vengono alcuni tra i migliori mieli d’Italia.

  • Bianco – Guardiagrele (CH) – apicolturabianco.it
  • Colle Salera – Pratola Peligna (AQ) – apicolturacollesalera.com
  • Adi Apicoltura – Tornareccio (CH) – adiapicoltura.it
  • Delizie dell’Alveare – Tornareccio (CH) – apicolturadeliziedellalveare.it
  • Luca Finocchio – Tornareccio (CH) – apicolturalucafinocchio.it

Italia all’Aria Aperta. La sezione web

Alla guida Italia all’Aria Aperta abbiamo dedicato anche un’intera sezione sul nostro sito,
www.gamberorosso.it/italia-all-aria-aperta/, dove potete navigare tra i Parchi Nazionali con le mappe interattive e scoprire tutti gli indirizzi consigliati da Gambero Rosso per mangiare e dormire, oltre a una serie di approfondimenti per visitare le principali centrali idroelettriche.

Italia all’Aria Aperta – 352 pp. – 14.90 € – Acquistabile in edicola, libreria e on line