Si può “giocare” con il cibo? Trasformare un’esperienza di gusto in uno spettacolo teatrale? Play with food. La scena del cibo scommette di sì, per l’ottava volta.
Pubblicità

È arrivato all’ottava edizione il primo festival di teatro interamente dedicato al cibo che inizia domenica 29 settembre e andrà avanti fino al 6 ottobre. Nato da un’idea di Davide Barbato per i Cuochivolanti, creato da Davide Barbato e Chiara Cardea, Play with Food è un evento artistico diffuso e inclusivo, per un confronto creativo e innovativo con il tema del cibo. Un rovesciamento perfetto di quel che ci dicevano da bambini “non si gioca con il cibo”: qui artisti e pubblico con il cibo ci giocano, recitano, suonano, creano. Il risultato è un ricco calendario di spettacoli, performance e momenti conviviali, dalle cene segrete alle colazioni cinematografiche.

Play with food 2019. Non solo a Torino

Quest’anno il festival si allarga fuori Torino: a Moncalieri e ad Asti. Novità in prima assoluta il Pranzo e la Cena in silenzio, idea di Fabio Castello, un’esperienza immersiva e originale per 70 spettatori/ commensali, guidati da 8 performer in un vero e proprio rito del silenzio (2 performance, a pranzo, domenica 29 settembre al Giardino delle Rose del Castello di Moncalieri, a cena, martedì 1 settembre alle 21 sul palco del Teatro Astra di Torino). Altra novità la serata dedicata al vincitore del primo premio di drammaturgia indetto da Play with Food nel 2018: La fauna batterica, opera grottesca-pop del giovane autore pugliese Antonio Casto, che sarà messa in scena in prima assoluta lunedì 30 settembre alle 19, nell’inconsueto scenario dell’Osteria Enoteca Rabezzana, storico locale torinese.

Commensali a cena intorno allo stesso tavolo

Play with food 2019. Cene teatrali e segrete

Tornano le Undeground Dinner, cene teatrali per piccoli gruppi di spettatori, programmate in luoghi segreti il cui indirizzo viene svelato solo ai partecipanti, poche ore prima dell’evento. Inizia Mariella Fabbris, mercoledì 2 ottobre alle 20, in un luogo segreto di Torino, con il suo Cibo Angelico, spettacolo di narrazione in cui l’attrice, armata di una valigia carica di patate e una borsa piena di farina, pomodori, formaggi, pesto e cannella, preparerà gli gnocchi per 30 spettatori, dando vita al racconto I volatili del Beato Angelico di Antonio Tabucchi, affidatole dall’autore stesso in cambio di una promessa: non stancarsi mai di raccontare storie, di “infilare parole come collane”.

Pubblicità
Due ragazze in cucina davanti ai fornelli, annusano pomodoro e basilico

È poi il turno di Terre Spezzate con la prima assoluta di Marinara, performance e cucina attraverso la pratica del LARP, acronimo per Live Action Role-Playing, ovvero gioco di ruolo dal vivo. Dodici giocatori-spettatori-commensali, invitati a calarsi nei panni dei membri di una famiglia di emigrati italiani che vive negli Stati Uniti, cucineranno e poi mangeranno insieme, esplorando, attraverso il potere evocativo del cibo, temi come l’identità e l’appartenenza culturale, la difficoltà di vivere lontano dalle proprie radici, i rapporti familiari (mercoledì 2 e giovedì 3 ottobre alle 20 ad Asti, repliche a Torino, venerdì 4 e sabato 5 ottobre sempre alle 20). Terza Underground Dinner avrà protagonista Mali Weil, con Amare Alcibiade, una performance fra convivialità, filosofia e food design, con dieci commensali invitati a rievocare un simposio greco attraverso il dialogo filosofico alimentato dalla condivisione del cibo.

Un musicista suona il clarinetto

Musica, aperitivi e cinema

Accanto al teatro e alle cene teatrali, la musica: il musicista Fabio Bonelli con il suggestivo concerto di Musica da cucina, ovvero pentole, grattugie e mestoli accompagnati da chitarra, clarinetto e fisarmonica,un progetto che ha girato l’Europa ed è arrivato fino in Australia. Gran finale domenica 6 ottobre alle 21 al Teatro Vittoria, con Pasticceri, spettacolo ispirato al Cyrano de Bergerac di Rostand, trasferito all’interno di un laboratorio di pasticceria tra cioccolata, pan di Spagna, meringhe, torta russa, biscotto alle mandorle e bavarese… Delizie da condividere con il pubblico alla fine dello spettacolo. E poi l’aperitivo comico di giovedì 3 ottobre, dalle 18.30, al Caffè Moderno, la caffetteria del Tomato Backpackers Hotel, ogni sera l’Aperitivo speciale di Play with Food, sempre al Caffè Moderno, più la tradizionale Cinecolazione della domenica mattina, in una versione nuova, in collaborazione con Les Petites Madeleines (che organizza la Piccola Rassegna di Cinema di Buon nelle bocciofile della città): un brunch dedicato alla commedia all’italiana, domenica 6 ottobre alle 11 alla Bocciofila della Tesoriera. Una grande giocosa abbuffata.

www.playwithfood.it

 

Pubblicità

a cura di Rosalba Graglia