RICETTE

Sabadoni

In sintesi

Chef: Vito Stefano Bicocchi
Difficoltà: Facile
Portata: Dolci
Piatto regionale: Emilia Romagna

Ingredienti

Per la sfoglia: 3 uova, 300 g farina, 175 g di zucchero a velo, 40 g di burro ammorbidito, 1 cucchiaino di lievito, 1 bicchierino di brandy; Per il ripieno: 300 g di castagne secche, 200 g di mostarda bolognese di pere e mele cotogne, 75 g di cacao amaro, 150 g di uva sultanina; Per la bagna: acqua di cottura delle castagne, saba, Alchermes o misto per dolci; olio di semi di arachidi per friggere

Preparazione

I sabadoni si fanno a Natale e vanno preparati da una mano esperta: da noi la mamma è la depositaria unica della ricetta. Ci sono delle preparazioni preliminari da fare: le castagne vanno ammollate per 8 ore e bollite, messa da parte l’acqua di cottura, vanno poi frullate in una composta; l’uvetta deve essere ammollata in acqua e poi irrorata con il liquore misto per dolci. Su una spianatoia di legno facciamo una fontana con la farina, al centro mettiamo le uova e lo zucchero a velo e mescoliamo con la forchetta. Incorporiamo il burro e lo amalgamiamo bene, quindi il lievito e il brandy. Continuiamo a lavorare gli ingredienti con le mani fino a quando l’impasto sarà liscio e omogeneo. Lo lasciamo riposare per una ventina di minuti mentre prepariamo il ripieno dei sabadoni. In una terrina mescoliamo le castagne frullate, l’uva sultanina, il cacao e la mostarda. Man mano che la farcia si rapprende mescoliamo con le mani. Tiriamo la sfoglia con la macchinetta, deve essere abbastanza sottile. Dividiamo l’impasto in piccoli panetti, li schiacciamo con le mani e li passiamo nei rulli. Con un tagliapasta facciamo dei quadrati e al centro mettiamo una noce di impasto, chiudiamo a fazzoletto, sovrapponendo i lembi, e premiamo ai lati con i rebbi della forchetta. Friggiamo i sabadoni in olio ben caldo fino a doratura, li scoliamo e li passiamo in una bagna mista di saba, acqua di cottura delle castagne e Alchermes (o misto per dolci). La bellezze dei sabadoni è proprio la macerazione, che ha bisogno di tempi lenti: una volta bagnati, li scoliamo e li immergiamo nella saba pura. Li lasciamo riposare un po’, quindi li mettiamo in un piatto e li spolveriamo con lo zucchero. Ancora riposo, poi facciamo un secondo passaggio nella saba, rivoltandoli bene. A questo punto li posiamo in una ciotola e li lasciamo riposare al fresco. Il giorno dopo li rigiriamo di nuovo nella saba. Mi raccomando: se mai rifarete i sabadoni come mia madre (e ne dubito!) utilizzate le mani per tutti questi passaggi, altrimenti rischiate di forarli o romperli. Il sabadone è delizioso e sostanzioso, uno a testa e siam tutti contenti.I sabadoni si fanno a Natale e vanno preparati da una mano esperta: da noi la mamma è la depositaria unica della ricetta. Ci sono delle preparazioni preliminari da fare: le castagne vanno ammollate per 8 ore e bollite, messa da parte l’acqua di cottura, vanno poi frullate in una composta; l’uvetta deve essere ammollata in acqua e poi irrorata con il liquore misto per dolci. Su una spianatoia di legno facciamo una fontana con la farina, al centro mettiamo le uova e lo zucchero a velo e mescoliamo con la forchetta. Incorporiamo il burro e lo amalgamiamo bene, quindi il lievito e il brandy. Continuiamo a lavorare gli ingredienti con le mani fino a quando l’impasto sarà liscio e omogeneo. Lo lasciamo riposare per una ventina di minuti mentre prepariamo il ripieno dei sabadoni. In una terrina mescoliamo le castagne frullate, l’uva sultanina, il cacao e la mostarda. Man mano che la farcia si rapprende mescoliamo con le mani. Tiriamo la sfoglia con la macchinetta, deve essere abbastanza sottile. Dividiamo l’impasto in piccoli panetti, li schiacciamo con le mani e li passiamo nei rulli. Con un tagliapasta facciamo dei quadrati e al centro mettiamo una noce di impasto, chiudiamo a fazzoletto, sovrapponendo i lembi, e premiamo ai lati con i rebbi della forchetta. Friggiamo i sabadoni in olio ben caldo fino a doratura, li scoliamo e li passiamo in una bagna mista di saba, acqua di cottura delle castagne e Alchermes (o misto per dolci). La bellezze dei sabadoni è proprio la macerazione, che ha bisogno di tempi lenti: una volta bagnati, li scoliamo e li immergiamo nella saba pura. Li lasciamo riposare un po’, quindi li mettiamo in un piatto e li spolveriamo con lo zucchero. Ancora riposo, poi facciamo un secondo passaggio nella saba, rivoltandoli bene. A questo punto li posiamo in una ciotola e li lasciamo riposare al fresco. Il giorno dopo li rigiriamo di nuovo nella saba. Mi raccomando: se mai rifarete i sabadoni come mia madre (e ne dubito!) utilizzate le mani per tutti questi passaggi, altrimenti rischiate di forarli o romperli. Il sabadone è delizioso e sostanzioso, uno a testa e siam tutti contenti.

  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X