Vini Rari da vitigni internazionali a bacca rossa in Toscana e in Romagna

2 Nov 2022, 16:11 | a cura di Gambero Rosso
Uno è toscano, l’altro romagnolo. I due vini rari che vi presentiamo sono italianissimi, molto autentici e territoriali. Nessun vitigno autoctono però. Uno è un blend di Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon e arriva dal pisano, l’altro è un Pinot Nero e arriva da una delle vigne più alte della Romagna.

Bordolesi o borgognoni o più semplicemente internazionali. Alcuni vitigni siamo abituati a chiamarli così, ma forse, assaggiando dei vini, varrebbe la pena cambiare appellativo. Provate ad assaggiare le etichette (rare, rarissime) che vi proponiamo oggi. Una arriva dal Pisano, è un rosso tirato in appena 700 bottiglie magnum ed è frutto di cabernet franc con saldo di cabernet sauvignon. Vitigni che ci portano a Bordeaux con la mente, ma profumi e sapori ci fanno ripiombare in una Toscana vera e mediterranea.

L’altro è un pinot nero, ma anziché a Beaune siamo a Modigliana, secondo noi uno dei Grand Cru della Romagna, dove regna il sangiovese. In questo caso però il territorio esce in tutta la sua integrità anche col grande vitigno di Borgogna, si sente il clima appenninico, la freschezza dell’altitudine e la sapidità dei suoli. Entrambi sono vini autentici, marcano forte il loro legame con la terra, sono prodotti con grande rispetto per l’ambiente e con lavori di alto e prezioso artigianato.

Vini Rari. Cabernet e pinot nero in Toscana e in Romagna

 

Essenzia di Caiarossa 2013

Caiarossa
Toscana
rosso
Valutazione: 
94
/100
LA VIGNA | Caiarossa vuol dire immergersi nella macchia mediterranea toscana. Siamo a Riparbella, tra Pisa e Volterra, in uno scenario puntellato da viti e olivi che guardano il mare. Essenzia è un vino che stacca completamente rispetto a tutti gli altri vini aziendali, una collezione speciale che conta poche centinaia di bottiglie, solo in formato in magnum, solo quando ritenuto all'altezza. L'uvaggio cambia di volta in volta in base alla sensibilità del millesimo, l'idea è di raccontarne la vera essenza tramite 2 o 3 barriques dal carattere unico. La prima annata prodotta è stata la 2009, poi 2011, 2012, e la 2013 che qui descriviamo. Si tratta di un blend di uve cabernet franc (80%) e cabernet sauvignon (20%)...

Pinot Nero Ecce Draco 2021

Mutiliana
Emilia Romagna
rosso
Valutazione: 
94
/100
LA VIGNA | Ci troviamo nella valle di Tramazo, una delle tre valli di Modigliana dove Giorgio Melandri coltiva le sue uve. In questo caso è una piccola vigna di circa vent'anni, a 600 metri slm. Fu piantata dall'enologo Francesco Bordini per conto di un altoatesino che decise di comprare della terra sull'Appenino, scomparso lo scorso anno. L'impianto fu fatto con barbatelle con genetica di Borgogna atte a dare vini sottili scarichi di colore, nonostante in quegli anni c'era ancora una ricerca opposta. I filari sono in mezzo ai boschi, i suoli sono ricchi di arenarie, l'escursione termica non manca (parliamo di una delle vigne più alte in tutta la Romagna): tutto ciò porta ad avere un microclima unico, che...
Scopri tutti i vini rari
selezionati da Gambero Rosso
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X