Dedizione, passione, studio e ricerca. La Sicilia dell’olio perde uno dei suoi protagonisti, Nicola Titone.
Pubblicità

Nicola Titone, l’innovatore dell’olivicoltura siciliana

Si è spento questa notte all’età di 85 anni Nicola Titone, uno dei più importanti esponenti dell’olivicoltura siciliana e nazionale. Nato da una famiglia di farmacisti, anche lui ha proseguito questa tradizione familiare alla quale è stata sempre affiancata la passione per la terra e gli ulivi. Un percorso che lo ha portato a essere un instancabile ricercatore e attuatore di tecniche agronomiche votate alla sostenibilità ambientale fin dagli anni ’80 e che oggi vede protagonista la figlia Antonella nella gestione di un oliveto completamente in regime biologico certificato.

Leggi l'addio a Nicola Titone

Antonella è inoltre una straordinaria interprete delle tipiche varietà siciliane Biancolilla, Cerasuola e Nocellara. In particolar modo, fu il suo papà a valorizzare il metodo di concimazione tramite sovescio e inerbimento con leguminose, ma anche la lotta alla mosca con un mix di acqua e pesce azzurro.

Alla figlia e ai familiari le condoglianze della redazione.

Pubblicità