Adotta un pomodoro: il progetto dello chef Centofanti in Abruzzo

4 Apr 2022, 14:58 | a cura di Michela Becchi
Un pomodoro pregiato e gustosissimo, che dà vita a passate deliziose: il Pera d’Abruzzo è il protagonista del progetto dello chef Valerio Centofanti, che dà la possibilità di adottare a distanza delle piantine. In cambio, cinque bottiglie di passata.
Pubblicità

Adotta un pomodoro, il progetto dello chef Centofanti

Adottare una piantina di pomodoro per ricevere in cambio 5 bottiglie di ottima passata, ma prima di tutto sostenere la coltivazione e la produzione agroalimentare abruzzese. Sono sempre più i progetti di questo genere nel mondo gastronomico, pensati per promuovere l’agricoltura e contribuire al lavoro di contadini e allevatori. A creare l’ultimo nato è lo chef Valerio Centofanti de L’Angolo d’Abruzzo di Carsoli, L’Aquila, un vero tempio della cucina abruzzese più autentica, fatta di sapori e profumi veraci, materie prime di stagione e ricette della tradizione. La sua voglia di tornare alle origini è profonda, sincera… il suo obiettivo? Far riscoprire sapori di un tempo ai consumatori, a cominciare dall’odore più inebriante di sempre, quello che accomuna l’infanzia di ogni italiano: la passata fatta in casa. Per la precisione, quella con pomodoro Pera d’Abruzzo, una varietà certificata SAAB-CRA, Sapore Antico Abruzzo, chiamata così per la sua forma particolare, dalle molte proprietà nutraceutiche.

Scopri il progetto Adotta un pomodoro in Abruzzo

Il pomodoro Pera d’Abruzzo

Coltivato in piccoli appezzamenti delle fasce costiere e collinari, da Chieti a Teramo, passando per Pescara, il pomodoro Pera d’Abruzzo si presenta con un colore rosso intenso e una consistenza media quando è a piena maturazione. Leggermente verdognolo nella parte superiore, viene piantato tra la fine di marzo e l’inizio di aprile e, quando le piante raggiungono la giusta altezza, vengono incannate a mano, ovvero fissate a quattro canne di bambù, arrivando anche a due metri. Una volta maturi, i pomodori vengono raccolti a mano per essere poi trasformati in deliziose passate. Una varietà considerata preziosa, perché povera di acqua e di semi, dolcissima: la sua espressione migliore è nella passata, ma si tratta in realtà di un prodotto piuttosto versatile. È, infatti, ideale per insalate e piatti freddi, ma risulta buono anche da solo, con un pizzico di sale e un giro di olio buono.

Pubblicità

Come funziona Adotta un pomodoro

Adotta un pomodoro è un progetto pilota, per questo alcuni dettagli sono ancora in fase di definizione: lo chef si impegna a garantire almeno 5 bottiglie di passata da 700 grammi l’una, ma nel caso di eccedenze altre salse verranno distribuite in parti uguali tra i partecipanti. Adottando una piantina (al costo di 40 Euro), si riceveranno le bottiglie direttamente a casa, con spedizione gratuita se si acquistano 2 o più piante. Si può prendere parte al progetto fino al 30 aprile 2022 e tutti coloro che sceglieranno di partecipare riceveranno del materiale fotografico e dei video che raccontano le diverse fasi di crescita dei pomodori.

langolodabruzzo.com/adotta-un-pomodoro/

a cura di Michela Becchi

 

Pubblicità
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X