La presentazione della guida Berebene andrà in scena, il live streaming, venerdì 18 dicembre, sul canale Facebook di Gambero Rosso. Ecco com’è andata quest’anno.
Pubblicità

Berebene 2021. La presentazione

La trentesima edizione del Berebene è arrivata in un momento davvero molto particolare: la pandemia, che durante l’estate sembrava aver allentato la presa, con l’entrata dell’autunno e l’avvicinarsi dell’inverno è divenuta nuovamente motivo di preoccupazione. Ma non demordiamo: la nostra parola d’ordine in questi mesi è stata “resistere”. E siamo certi che anche i vignaioli, gli artigiani, le grandi cantine da milioni di bottiglie che troverete nelle pagine di questa che è tra le pubblicazioni più longeve del Gambero Rosso la pensino come noi. E così venerdì 18 dicembre sul nostro canale Facebook è andata in onda la presentazione del Berebene 2021, uscito nelle librerie e nelle edicole già alla fine dello scorso novembre.

Qualche considerazione può essere interessante per capire l’importanza del Berebene in un periodo come questo: durante il lockdown i vini che hanno dimostrato più appetibilità per il consumatore sono stati proprio quelli che vanno a posizionarsi su una fascia di prezzo media, al di sotto dei 20 euro a bottiglia. Inoltre, a causa delle restrizioni in cui sono incappati esercizi e locali, sono stati GDO e e-commerce i protagonisti degli acquisti, canali di vendita nei quali spesso è molto facile imbattersi in bottiglie dai costi contenuti. Quindi, il nostro compito – ma lo è da oltre trent’anni – è aiutare il consumatore a muoversi con sicurezza nelle tante etichette che il comparto vinicolo italiano offre, indirizzandolo verso una scelta di qualità anche senza spendere cifre folli: gli oltre 850 Premi Qualità Prezzo che segnaliamo nella nostra pubblicazione servono proprio a ciò. Troverete questi vini nelle enoteche – che ora hanno riaperto e alle quali abbiamo dedicato una nutrita sezione alla fine di ogni regione -, sugli scaffali dei supermercati e nelle vetrine degli shop-on line (anche a questi abbiamo dedicato una piccola appendice); ma soprattutto li troverete nelle cantine stesse, in vendita diretta, un modo di acquistare vino che, quando possibile, consigliamo vivamente: visitando le cantine e i territori del vino italiano e comprando dal produttore ci si arricchisce di un’esperienza in più, spendendo qualche euro in meno.

Berebene 2021. Le foto della degustazione a Roma

L’evento degustazione si è tenuto il 28 maggio dalle ore 18 alle 21 nei bellissimi giardini di Villa Miani a Roma Una location favolosa sulla collina di Monte Mario dove è stato possibile degustare molti dei vini premiati nella nuova edizione della guida.
> GUARDA LA PHOTOGALLERY

Pubblicità

 

I premi qualità/prezzo nazionali. Vini Bianchi

Nord:

Cornarea
via Valentino, 150 | Canale (CN) | www.cornarea. com

Roero Arneis ’19 – 13.00 euro

L’azienda della famiglia Bovone campeggia in cima alla collina Cornarea alle porte di Canale e conta su 14 ettari vitati in un corpo unico disposti tutt’intorno alla cantina piantati tra il 1975 e il 1978, situati su di un suolo calcareo argilloso con una forte componente di magnesio. Il Roero Arneis ‘19 al naso evidenzia profumi di pera kaiser con sfumature floreali, è sapido, scorrevole e di facile beva.

Pubblicità

Centro:

Pievalta
via Monteschiavo, 18 | Maiolati Spontini (AN) | www.pievalta.it

Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Tre Ripe ’19 – 9.60 euro

Il Tre Ripe di Pievalta, azienda biodinamica marchigiana di proprietà della Barone Pizzini, prende il nome dal fatto che è un assemblaggio delle uve verdicchio allevate nei tre areali dei Castelli di Jesi in cui insistono le vigne aziendali (Maiolati, Montecarotto, San Paolo): nella versione 2019 offre carattere spigliato, succosità agrumata e progressione gustativa incline a un piacevole bevibilità.

Sud:

Masseria Falvo
loc. Garga | s.da prov.le Piana | Saracena (CS) | www.masseriafalvo.com

Terre di Cosenza Bianco Pircoca ’18 – 10.80 euro

Per i Falvo ristrutturare la settecentesca masseria di famiglia, dotarla di una moderna cantina e di 30 ettari di vigneto coltivati in biologico, non è stata né un’operazione nostalgica e neanche commerciale, ma un vero e proprio ritorno alle origini di famiglia che per generazioni ha vissuto di agricoltura. Vi suggeriamo il Pircoca ’18 dai profumi complessi e profondi di frutta esotica, rosa ed erbe aromatiche, spesso ma ben vitalizzato da una fresca e sapida vena acida in bocca.

 

I premi qualità/prezzo nazionali. Vini Rossi

Nord:

Santi
via Ungheria, 33 | Illasi (VR) | www.cantinasanti.it

Valpolicella Sup. Ventale ’18 – 11.00 euro

L’azienda di Illasi sta approfondendo un percorso molto interessante sul Valpolicella Superiore, inseguendo uno stile che lo discosti dall’Amarone, mettendo in luce la finezza e l’articolazione che le uve storiche possono donare. Il Ventale si presenta con profumi che spaziano dai frutti di bosco alle erbe officinali, lasciando sullo sfondo una gustosa nota pepata. In bocca non gioca con la potenza quanto con la finezza e il vino si allunga con decisione sul finale.

Centro:

Torre a Cona
loc. San Donato in Collina | via Torre a Cona, 49 | Rignano sull’Arno (FI) | www.torreacona.com

Chianti Colli Fiorentini ’18 – 10.10 euro

I Colli Fiorentini, area ancora non sufficientemente conosciuta della Toscana enologica, possono riservare sorprese molto interessanti. È il caso di Torre a Cona, ubicata in un tratto collinare dalla bellezza mozzafiato, con vigne che subiscono una forte escursione termica che permette di disegnare vini freschi e vibranti, dove il sangiovese riesce a esprimere una vitalità unica. Tutto questo è racchiuso nel Chianti Colli Fiorentini ’18, vero archetipo di una Toscana differente e tutta da scoprire.

Sud:

Alberto Loi
s.s. 125 Km 124,1 | Cardedu (OG) | www.albertoloi.it

Cannonau di Sardegna Sa Mola ’18 – 12.80 euro

È dedicata al fondatore Alberto l’azienda tutt’ora gestita dalla famiglia Loi. Ci troviamo a Jerzu, grande zona per il Cannonau di Sardegna e i Loi hanno saputo valorizzare questo vitigno attuando un lavoro in vigna esemplare e pratiche di cantina semplici ed essenziali. Sa Mola è il più giovane del gruppo dei rossi aziendali, ma non per questo meno affascinante. Profuma di rosa e prugna, la bocca è fresca e vitale. Il finale, pulitissimo, è tutto giocato sui toni olfattivi. In più spunta un prezzo a scaffale davvero sorprendente.

I premi qualità/prezzo nazionali. Vini rosati

Nord:

Le Sincette
loc. Picedo | via Rosario, 44 | Polpenazze del Garda (BS) | www.lesincette.it

Valtènesi Chiaretto ’19 – 12.30 euro

Ruggero Brunori, imprenditore di successo, alcuni anni fa ha deciso di creare un’azienda agricola per produrre vino secondo la sua filosofia, ovvero con sistemi naturali, a basso impatto ambientale. Nel corso degli anni, grazie anche al prezioso apporto di Andrea Salvetti, che la dirige, si è sempre più affermata questa tendenza, ed ora le vigne della Cascina, circa 14 ettari impiantati sulle colline moreniche che guardano il Lago di Garda, sono coltivate secondo le regole della biodinamica. Davvero un grande exploit per il Chiaretto, vinificato in anfora, bellissimo da vedere col suo colore rosa pallido e brillante, buonissimo da gustare.

Centro:

Giampaolo Tabarrini
fraz. Turrita | Montefalco (PG) | www.tabarrini.com

Bocca di Rosa ’19 – 8.80 euro

Giampaolo Tabarrini è un istrionico vignaiolo, grande appassionato di vini di territorio, soprattutto Sagrantino, proposto in tre versioni a seconda delle diverse vigne. Ma il vitigno non viene usato solo per i rossi: provate il Bocca di Rosa, superbo rosato ottenuto con l’uva più importante di Montefalco: è strutturato e definito da un tannino puntuto ma mai invadente, l’acidità non manca e il finale è lungo e pulito. Da provare con pasta alla Norma.

Sud:

Leone de Castris
via Senatore De Castris, 26 | Salice Salentino (LE) | www.leonedecastris.com

Five Roses 76° Anniversario ’19 – 12.00 euro

La Leone de Castris è una delle aziende più note di Puglia. Fondata nel 1665 dal Conte di Lemos, può vantare il primo imbottigliamento di un vino rosato in Italia, realizzato nel 1943. Il Five Roses 76° Anniversario ha questo nome proprio in ricordo di quella “prima edizione”. La versione 2019 è di grande eleganza nelle sue note floreali e di frutti di bosco, di bella lunghezza, fresca e piacevole.

 

Premi regionali

VALLE D’AOSTA

Cave Mont Blanc de Morgex et La Salle
fraz. La Ruine| Chemin des Iles, 31 | Morgex (AO) | www.caveduvinblanc.com

Valle d’Aosta Blanc de Morgex et de La Salle ’19 – 13.00 euro

Questa cooperativa segue passo per passo i vignaioli della zona che si prendono cura delle loro parcelle microscopiche per produrre il famoso Blanc de Morgex e La Salle da uve priè blanc, un vitigno molto particolare le cui vigne, a piede franco, sono allevate con pergole molto basse e godono di un ciclo vegetativo piuttosto corto, caratteristica che permette alla pianta di sopravvivere e dare ottime uve anche nel clima estremo del nord della regione. Il vino che abbiamo scelto è luminoso nel calice, ha un profilo minerale già al naso, con sentori di fieno e fiori bianchi. Poi una nota di cedro e pompelmo apre a una bocca fresca, sapida ed equilibrata.

PIEMONTE

Abbona
b.go San Luigi, 40 | Dogliani (CN) | www.abbona.com

Dogliani San Luigi ’19 – 10.80 euro

Marziano Abbona, con il prezioso aiuto della moglie e delle figlie, conduce con piglio sicuro un’azienda importante e articolata, all’interno della quale il Dolcetto ha da sempre costituito un tratto distintivo che non ha mai conosciuto ripensamenti. Tra le diverse versioni, il San Luigi spicca per freschezza e agilità di beva, caratterizzato da note di frutta rossa, tabacco dolce e cuoio, sostenute da una spinta gustativa succosa e piacevole.

LIGURIA

Fontanacota
fraz. Ponti | via Provinciale, 137 | Pornassio (IM) | www.fontanacota.it

Riviera Ligure di Ponente Pigato ’19 – 12.30 euro

La sede aziendale è nel comune di Pornassio, ma Marina e il fratello Fabio si stanno espandendo in altri paesi limitrofi implementando la proposta firmata Fontanacota. Nel frattempo ci godiamo il Pigato ’19 che spicca per le belle note di agrumi e albicocca, arricchite da sentori di clorofilla e macchia mediterranea: complessità e classe contraddistinguono il sorso, sorretto da una buona acidità e un finale aristocratico.

LOMBARDIA

Lazzari
via Mella, 49 | Capriano del Colle (BS) | www.lazzarivini.it

Capriano del Colle Marzemino Berzamì ’19 – 9.20 euro

Pensi a Marzemino e subito ti viene in mente il Trentino; eppure pochi sanno che intorno al XV secolo questo vitigno è stato individuato anche nel bresciano. E proprio in provincia di Brescia, sui dolci pendii del Monte Netto, a sud del capoluogo, Davide Lazzari realizza un Marzemino in purezza davvero molto piacevole, riconoscibilissimo fin dai profumi di marasca e ribes, armonico e beverino, semplice e molto gustoso.

TRENTINO

Cantina Rotaliana
via Trento, 65b | Mezzolombardo (TN) | www.cantinarotaliana.it

Teroldego Rotaliano Et. Rossa ’18 – 11.30 euro

Lo dice il nome stesso di questa corposa – per numero soci e consistente produzione – cantina cooperativa, vera custode del Teroldego. Ne vinifica diverse versioni, comprese alcune pregiatissime riserve, ma continua a dedicare minuziose cure al suo Etichetta Rossa, un Teroldego assolutamente coinvolgente, variegato in ogni suo aspetto, per un bere senza tentennamenti, immediato, franco. La sua forza è pure nel prezzo, assolutamente conveniente.

ALTO ADIGE

Cantina Produttori San Michele Appiano
via Circonvallazione, 17/19 | Appiano/Eppan (BZ) | www.stmichael.it

  1. A. Pinot Bianco Schulthauser ’19 – 12.00 euro

Tradizione ed esperienza caratterizzano la storia della Cantina di San Michele Appiano, fondata nel 1907. Il grado di affidabilità e il valore assoluto dei prodotti di questa cantina cooperativa sotto la guida del mitico kellermeister Hans Terzer ormai sono fuori discussione. Quì si sposano quantità e qualità in un modo davvero felicissimo. Anche quest’anno il Pinot Bianco Schulthauser si presenta completo, finemente fruttato e fresco, in grado di sedurre il palato sia per la cremosa morbidezza sia per l’acidità di razza.

VENETO

Graziano Prà
via della Fontana, 31 | Monteforte d’Alpone (VR) | www.vinipra.it

Soave Cl. Otto ’19 – 11.50 euro

Una specie di istituzione nella nostra Guida, un vino che anno dopo anno strappa l’applauso e porta valore a tutta la denominazione. Il Soave è un vino eclettico: ottimo aperitivo nelle versioni più semplici, affronta piatti leggeri e profumati in giovane età per confrontarsi a viso aperto con le carni bianche dopo qualche anno di affinamento. Otto ’19 racchiude in sé tutte queste anime, risultando uno degli acquisti più interessanti da fare in questo territorio.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Cantina Produttori Cormòns
via Vino della Pace, 31 | Cormòns (GO) | www.cormons.com

Collio Bianco Territorio ’18 – 11.40 euro

Il vino che recensiamo è la bella novità di quest’anno presentata dalla cooperativa di Cormòns, nata negli anni ’60 quando un manipolo di viticoltori decise di unire le proprie forze. È denominato “Territorio” proprio perché composto da sole uve autoctone (tocai friulano, malvasia istriana e ribolla gialla). All’olfatto è molto fruttato ma ricorda anche nocciole tostate, finocchietto selvatico e zucchero filato; al palato è molto saporito e persistente.

EMILIA ROMAGNA

Gallegati
via Lugo, 182 | Faenza [RA] | www.aziendaagricolagall egati.it

Romagna Sangiovese Brisighella Corallo Rosso ‘18 – 10.90 euro

Due poderi, un frutteto, una vigna e un oliveto, un’idea forte legata al sangiovese. Tutto questo e molto altro è Gallegati, realtà gioiello gestita da due fratelli competenti e appassionati. Il Corallo Rosso ‘18 è semplicemente delizioso: ha profumi sussurrati ed eleganti che richiamano le ciliegie e la frutta rossa in genere, con delicati accenni floreali a corredo. La bocca è anche meglio, affusolata e scattante, affatto semplice ma immediatamente godibile.

TOSCANA

Antonio Camillo
loc. Pianetti di Montemerano | Manciano (GR)

Ciligiolo ’19 – 12.10 euro

Che Antonio Camillo sia il produttore che meglio ha saputo declinare il ciliegiolo di Maremma, ormai è un fatto assodato. Resta ancora sorprendente, invece, come, annata dopo annata, questo vitigno trovi nella declinazione della cantina con sede a Manciano un’espressività sempre vitale e rinnovata. Il Ciliegiolo ’19 è a dir poco delizioso. Nella sua dimensione di rosso “base” probabilmente non trova eguali nel suo areale. I profumi sono un incrocio tra pepe, ciliegia e terra e anticipano una bocca fragrante, schietta e rilassata, dalla beva incalzante e irresistibile.

MARCHE

Colli Ripani
c.da Tosciano, 28 | Ripatransone (AP) | www.colliripani.it

Rosso Piceno Sup. Castellano ’17 – 9.70 euro

Colli Ripani è una delle più grandi cantine cooperative delle Marche e rappresenta un porto sicuro per i tanti conferitori delle colline picene che sanno di trovare nell’azienda un valido sbocco per le loro fatiche. In una gamma che propone i tipici vini del territorio spicca per il vantaggioso rapporto qualità prezzo il Castellano ’17, Rosso Piceno Superiore che evoca ricordi di frutti rossi su cui si innestano sfumature selvatiche e vegetali; in bocca offre un sorso sapido e autentico, reso complesso da incipienti note terziarie.

UMBRIA

F.lli Pardi
via G. Pascoli, 7/9 | Montefalco (PG) | www.cantinapardi.it

Colle di Giove ’19 – 8.20 euro

Bellissima azienda di Montefalco, di proprietà della famiglia Pardi, storici imprenditori nel reparto del tessile. I risultati degli ultimi anni sono lusinghieri per la qualità dei vini che si distinguono sempre per finezza, eleganza e grande bevibilità. Buonissimi i rossi, sia i Sagrantino, sia i Montefalco Rosso, ma convincenti, a partire dal prezzo, anche i bianchi. Il Colle di Giove è un uvaggio a base di grechetto (60% circa) con saldo di trebbiano spoletino e chardonnay. Corposo e di ottima struttura, regala profumi di frutto esotico e fiori gialli.

LAZIO

Casale Marchese
via di Vermicino, 68 | Frascati (RM) | www.casalemarchese.it

Frascati Sup. ’19 – 9.20 euro

Sono diversi anni che il Frascati Superiore della famiglia Carletti è considerato una pietra di paragone per i vini della denominazione, per classicità, aderenza al territorio e qualità. La versione 2019 non fa che confermare questa ormai consolidata “tradizione”: al naso si esprime con sentori di erbe aromatiche, agrumi e spezie, mentre al palato è grintoso, scorrevole e con un lungo e tipico finale ammandorlato.

ABRUZZO

Ciccio Zaccagnini
c.da Pozzo | Bolognano (PE) | www.cantinazaccagnini.it

Abruzzo Pecorino Chronicon ’19 – 10.10 euro

Essere sempre sulla cresta dell’onda nel competitivo mondo del vino abruzzese non è semplice. Eppure la Zaccagnini, guidata da Marcello (figlio del fondatore Ciccio) insieme al cugino Concezio Marulli, è tra le aziende che sembra riuscirci meglio grazie anche a prodotti come il Pecorino Chronicon: erbe aromatiche, lime e pompelmo ne disegnano il profilo aromatico mentre in bocca sprigiona tutta la carica nervosa del vitigno in un sorso solido per struttura e sapidità.

MOLISE

Tenimenti Grieco
c.da Difensola | Portocannone (CB) | www.tenimentigrieco.it

Molise Tintilia 200 Metri ’19 – 10.40 euro

Non è la prima volta che assegniamo alla Tintilia 200 metri il Premio Regionale, ma non possiamo esimerci dal conferire certi riconoscimenti a vini che dimostrano tanta bontà e soprattutto una grande continuità. Tenimenti Grieco è frutto di un’importante lavoro di rinnovamento dei vigneti della ex-Masseria Flocco, rilevata nel 2013 da Antonio Grieco. I vitigni messi a dimora spaziano dagli autoctoni falanghina, montepulciano, tintilia agli internazionali sauvignon, pinot bianco, chardonnay, cabernet, merlot e syrah. La Tintilia 200 Metri si apre su aromi di bacche di ginepro, pepe nero, macchia mediterranea e ciliegie nere per poi concedersi con un sorso succoso, fragrante, disteso, scorrevole e leggiadro.

CAMPANIA

Ettore Sammarco
via Civita, 9 | Ravello (SA) | www.ettoresammarco.it

Costa d’Amalfi Ravello Bianco Selva delle Monache ’19 – 12.60 euro

Adagiato a più di 300 metri d’altitudine, Ravello è uno splendido borgo al centro della Costiera Amalfitana che marchia vini con profumi di mare e macchia mediterranea. Ettore Sammarco, ormai ottuagenario, è il genius loci indiscusso della viticoltura del luogo, già dal 1962, quando fondò l’omonima casa vinicola. Oggi la parte enologica è curata da Bartolo, suo figlio. Il Ravello Bianco Selva delle Monache ’19, dai dolci profumi di frutta gialla e macchia mediterranea, in bocca è cremoso, lungo e disteso nei richiami di cedro.

BASILICATA

Cantina di Venosa
loc. Vignali | via Appia | Venosa (PZ) | www.cantinadivenosa.it

Aglianico del Vulture Verbo ’18 – 13.00 euro

La Cantina di Venosa è al primo posto fra i grandi della viticultura lucana perché ha dato un contributo fondamentale nella costituzione di questo piccolo grande distretto vitivinicolo sin dal 1957. Protagonista assoluto di una gamma attentissima ai prezzi è l’Aglianico, declinato con diverse maturazioni e utilizzi del rovere. Carattere e vigore per l’Aglianico Il Verbo. L’annata 2018 è ricca di note boisé e frutti neri. Conquista per il suo bel finale di frutto.

PUGLIA

Mottura Vini del Salento
p.zza Melica, 4 | Tuglie (LE) | www.motturavini.it

I Classici Rosato ’19 – 9.70 euro

L’azienda della famiglia Mottura è stata fondata nel 1927 e oggi è guidata dalla quarta generazione, le sorelle Barbara e Marta. I vigneti di proprietà sono situati tra Cellino San Marco, Campi Salentina, Salice Salentino e Squinzano, principalmente sulle cosiddette terre rosse. I Classici Rosato ’19, da uve negroamaro con un saldo del 10% di malvasia nera, evidenzia sentori di frutti rossi e di rosa, ha un palato di buona tannicità, è sapido, lungo e teso.

CALABRIA

Casa Comerci
fraz. Badia di Nicotera | c.da Comerci 6 | Nicotera (VV) | www.casacomerci.it

Rèfulu ’19 – 10.40 euro

30 ettari di cui una metà a vigneto, tutti biologici certificati: questo il patrimonio agricolo di questa cantina di Nicotera con un’antica storia alle spalle, ma che è stata completamente rifondata una decina di anni fa da Domenicantonio Silipo con i figli Francesco e Federico. Buonissimo il Greco Bianco Refulu ’19, floreale e iodato al naso anche se non mancano rimandi ai frutti bianchi, coerente il sorso, sapido, dotato di un bel nerbo acido, nitido e lungo anche il finale.

 

SICILIA

Fondo Antico
fraz. Rilievo | s.da Fiorame, 54a | Trapani | www.fondoantico.it

Per Te Perricone ’18 – 10.80 euro

Sino alla fine degli anni Sessanta il perricone era di gran lunga il vitigno a bacca rossa più diffuso nelle province di Palermo e Trapani, mentre il nero d’Avola, poco diffuso, era ancora chiamato “calabrese”. Solo di recente qualche cantina ha ripreso a produrre il perricone imbottigliandolo in purezza, tra cui quella della famiglia Polizzotti. Il Per Te Perricone ’18 è un vino elegante dai profumi raffinati di gelsi e ribes, molto piacevole il sorso, teso, succoso, sapido e persistente.

SARDEGNA

U Tabarka Tanca Gioia
loc. Gioia | Carloforte (SU) | www.u-tabarka.it

Vermentino di Sardegna Giancu ’19 – 11.80 euro

Anche la piccola Isola di San Pietro ha le sue cantine. Una è U Tabarka, azienda dedita alla produzione di vini da vitigni da sempre presenti da queste parti, come il carignano e il vermentino. Il Giancu (bianco in carlofortino) è frutto di quest’ultima varietà, ha profumi di frutto giallo, scorza di limone, erbe di campo e fiori selvatici, la bocca non pecca in sapidità come è giusto che sia da queste parti e la struttura regala un sorso molto profondo.

a cura di Stefania Annese e William Pregentelli