Da Perugia a Terni, passando per Bevagna e Corciano: ecco le migliori pizze da provare in Umbria quest’estate.
Pubblicità

Una cucina autentica, fatta di prodotti locali, grandi formaggi e salumi, carni e piatti robusti. Anche sul fronte dell’arte bianca l’Umbria sa riservare piacevoli sorprese ai buongustai in cerca di una tonda ben lievitata e condita a puntino. Ecco le pizzerie all’aperto migliori della regione.

Le pizzerie con posti all’aperto in Umbria

La Posta – Avigliano Umbro

Un locale eclettico, gestito dalla famiglia Venturini, con una proposta che fa leva sulla qualità della materia prima. La carta delle pizze – disponibili in mattinata nella versione “al taglio” – negli anni è cambiata, e oggi c’è la pizzaiola Giulia Venturini, autrice di una selezione di focacce (circa una decina in tutto) dai condimenti sempre degni di nota. L’impasto è consistente, soffice e ben idratato, merito delle farine biologiche, di una lenta lievitazione naturale di oltre 24 ore e della cottura nel forno elettrico. Tutte sono servite in tranci rettangolari, e condite con ingredienti di stagione e spesso di territorio.

La Posta – Avigliano Umbro (PG) – via G. Matteotti, 19 – facebook.com/Ristorante-La-Posta-105180089578180/

Pubblicità

La Chiacchiera – Bevagna

Locale dall’atmosfera accogliente e familiare, dove trovare pizze cotte in forno a legna e fatte con farine con germe di grano aggiunto. Impasti soffici e scioglievoli che maturano a lungo, leggeri e digeribili, conditi con ingredienti saporiti. C’è l’Elda, con fiordilatte, olive taggiasche e pomodori secchi, il calzone Lavinia con pomodoro, fiordilatte, prosciutto cotto e ricotta, e poi tanti antipasti gustosi, come le chiacchiere, pizza fritta con bufala a crudo. Servizio puntuale e attento.

La Chiacchiera – Bevagna (PG) – via V. Crescimbeni, 1 – facebook.com/pizzerialachiacchiera.it/

Meunier pizza e Champagne

Meunier Champagne&Pizza – Corciano (PG)

Insegna in continua evoluzione, che propone topping originali e impasti sempre più ricercati, da abbinare a oltre 70 etichette di Champagne: è la creatura di Annachiara Baiocchi, Daniele Marcucci e Pietro Marchi, tre amici sommelier che hanno deciso di creare questo format innovativo che abbina le bollicine alle tonde. La base delle pizze è fatta con un mix di farina integrale e semi-integrale macinata a pietra, lievitata lentamente e idratata al punto giusto. Le tonde vengono servite a spicchi, sia nelle versioni classiche che in quelle più creative, come la Tuorlo Marinato con fiordilatte, verdure di stagione e tuorlo marinato.

Meunier Champagne&Pizza – via Aldo Capitini – facebook.com/meunierquasar/

Pubblicità
Officine Bartolini

Officine Bartolini – Perugia

Punto di riferimento in città per gli amanti della buona pizza, quella lievitata lentamente, leggera, ariosa e cotta a puntino: Officine Bartolini è il luogo ideale per chi vuole assaporare impasti soffici e digeribili. Fra le specialità della casa, tante pizze con le verdure di stagione, e poi altri cavalli di battaglia irresistibili come la Sugar, con mozzarella, taleggio, patate, cotto e ricotta stagionata in uscita, o ancora l’Amatriciana con pomodoro, cipolla, guanciale, pecorino romano e pepe nero. Ottima anche la pizza in teglia, disponibile solo al banco fino al tardo pomeriggio.

Officine Bartolini – Perugia – via Settevalli, 548 – facebook.com/officinebartolini/

Filo d’Olio – Perugia

Una delle migliori versioni di pizza napoletana in zona: il merito è di due fratelli siciliani, Luigi, eccellente padrone di casa, e Rachele, cuoca appassionata e attenta alle tradizioni. L’impasto, croccante e ben alveolato, è a cura di Leonardi Cariati, autore di una base con cornicione alto, realizzata con farine selezionate, maturata dalle 24 alle 36 ore con una minima percentuale di lievito di birra e cotta in forno a legna a temperatura altissima. In menu si alternano i grandi classici partenopei e qualche indovinata variazione, come L’Oro di Napoli, con fiordilatte, pomodoro giallo Lucariello, bufala campana, olive nere di Gaeta e alici di Cetara.

Filo d’Olio – Perugia – via del Cipresso, 4 – facebook.com/filodolioumbria/

pizzeria Pompei

Pompei – Perugia

Aperto nel 2001, il locale di Marco Scisciola, ultima generazione di una famiglia impegnata nel settore della ristorazione dagli anni Sessanta, rende omaggio alla tradizione partenopea, sia per l’ambiente che per impasto. Farine campane, lievito di birra (e maturazione di circa 48 ore) e cottura nel forno a legna le caratteristiche della pizza (disponibile anche al metro), che presenta un invitante cornicione e una bella alveolatura interna. Il menu rispecchia le origini della ditta, con numerose varianti mediterranee e qualche riferimento alle tradizioni regionali.

Pompei – Perugia – b-go XX Giugno, 14 – facebook.com/pizzeriapompeiperugia/

Salefino Ristocafé – Terni

Piatti di carne, di pesce e anche pizze di ottima fattura: Salefino Ristocafé è un locale in grado di rispondere a qualsiasi esigenza, a cominciare dalla voglia di pizza buona. Gli impasti sono realizzati a regola d’arte, partendo da uno stile simile a quello partenopeo con cornicione pronunciato, fino ad arrivare a elaborazioni personali. Da non perdere la Salefino 2014, con mozzarella, datterino, cipolla fresca e ricotta salata, e la Gambero Rosso, con mozzarella, datterino confit, gambero rosso di Mazara e salsa di agrumi.

Salefino Ristocafé – Terni – via del Centenario, 23 – facebook.com/salefinoRistocafeterni/