Ecco dove mangiare se siete nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, dalla parte del Piemonte. Ce n'è per tutte le tasche.
Pubblicità

Nella nostra nuova guida Italia all’Aria Aperta, realizzata con Enel Green Power, abbiamo voluto raccontare lo straordinario patrimonio ambientale del Paese, valorizzarne le produzioni agroalimentari. A cominciare dal Parco Nazionale del Gran Paradiso, situato a cavallo della Valle d’Aosta e del Piemonte. Qui vi sveliamo dove mangiare nella parte piemontese.

Dove mangiare nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, dalla parte del Piemonte

Trattoria Lo Sciatore

Sulla strada che porta al Colle del Nivolet, a 1.650 metri di altitudine, è un grazioso chalet immerso nel verde, con un ameno dehors e il bar caffetteria. Quella che si gusta è una cucina casereccia e saporita, semplice e generosa, a partire dagli antipasti di immancabili salumi e formaggi (che vanno bene anche per uno spuntino), lardo con le castagne, acciughe al verde. A seguire pasta fresca fatta a mano con sugo di cacciagione o ragù, polenta in tanti modi, stinco di maiale, torta di mele e bonet.

Ceresole Reale (TO) – s.da prov.le 50 – 347 9601880 – www.losciatore.it

Pubblicità

Panetteria Lou Forn

Con farine e materie prime da agricoltura biologica del territorio qui la famiglia Rapalino produce prodotti da forno dolci e salati della tradizione piemontese, pane di farine integrali con pasta madre, pizze e focacce, i golosi biscotti al brenges. Troverete inoltre una selezione di salumi e formaggi con il marchio di qualità Parco Nazionale Gran Paradiso.

Ceresole Reale (TO) – borgata Capoluogo, 19 – 392 9998097

Pizzeria Da Tiziano

Farine e materie prime di qualità, lunga lievitazione da lievito madre, cottura nel forno a legna: ecco spiegato il perché le pizze qui spopolano. Tante sono le varianti, dalle superclassiche a quelle un pochino più fantasiose, ad esempio la Gran Paradiso, con toma, funghi porcini e mocetta. Non mancano primi, carni alla griglia e dessert casalinghi, come il gelato accompagnato da frutti di bosco caldi. C’è anche il bar caffetteria.

Locana (TO) – fraz. Roncaglia, 7 – 0124 83165 – www.pizzeriadatiziano.com

Pubblicità

Trattoria Osteria dei Viaggiatori

In un piccolo borgo di poche case accanto al torrente Orco, un locale piacevole, legno e mattoni, camino, tavoli ben sistemati, alcuni all’aperto. La proposta culinaria è fortemente radicata al territorio, pane e pasta fresca sono fatti in casa, così come i dolci. Come secondo, va per la maggiore la carne cotta sulla losa, pietra scaldata a 300 gradi e portata direttamente davanti al cliente; in alternativa carni di selvaggina, brasato, trippa. Si consiglia la prenotazione.

Noasca (TO) – fraz. Frera Superiore – 0124 901031 – www.osteriaviaggiatori.it

Trattoria Grisolano

Solido riferimento per chi si dovesse trovare da queste parti. Si viene qui con la certezza di mangiare in modo genuino e casereccio, a prezzi onestissimi, in un clima rilassato e informale. Affettati e salumi vari, formaggi, bagna cauda, polenta concia, pasta fatta in casa con condimenti saporiti, salsicce in umido, selvaggina, trote cotte sulla losa (pietra rovente). Dolce finale con tiramisù e torte casalinghe.

Ribordone (TO) – fraz. Talosio, 46 – 0124 818015

Panetteria Anna e Franco Lauri

In questo storico forno da anni si mantengono vivi i sapori e le tradizioni della Valle Soana, selezionando ingredienti genuini per produrre diversi tipi di pane (noci, mais, cereali, soia, integrale, segale), ciabatta, focaccia, grissini stirati a mano. Ottima anche la pasticceria, con paste di meliga, torcettoni, torte e crostate. Inoltre troverete molti formaggi tipici degli alpeggi come la toma, la fontina e i tomini di capra.

Ronco Canavese (TO) – p.zza Vittorio Emanuele, 7 – 0124 817286

Trattoria Alpina

Si respira un’atmosfera d’altri tempi in questo locale semplice e familiare, uno di quei posti “tutta sostanza” che accontenta anche i palati più scettici. La cucina è genuina, casereccia e schietta, che più non si può, e arriva in tavola sotto forma di porzioni generose dei tipici antipasti misti, di pasta fresca fatta in casa (tajarin, agnolotti, lasagne…), di polenta ben condita, di carni cucinate a puntino, di dolci che sanno di buono. Prenotare sempre.

Valprato Soana (TO) – via Roma, 22 – 0124 812929

Italia all’Aria Aperta. La sezione web

Alla guida Italia all’Aria Aperta abbiamo dedicato anche un’intera sezione sul nostro sito,
www.gamberorosso.it/italia-all-aria-aperta/, dove potete navigare tra i Parchi Nazionali con le mappe interattive e scoprire tutti gli indirizzi consigliati da Gambero Rosso per mangiare e dormire, oltre a una serie di approfondimenti per visitare le principali centrali idroelettriche.

Italia all’Aria Aperta – 352 pp. – 14.90 € – Acquistabile in edicola e libreria dal 5 agosto e on line