Giornate della cucina Alpe Adria. A Klagenfurt, in Austria, per scoprire la cucina di Carinzia, Slovenia e Friuli

8 Set 2022, 10:54 | a cura di Dario Bragaglia
Dal 9 al 25 settembre in Carinzia, a Klagenfurt, le Giornate della cucina Alpe Adria consentono di scoprire la cucina di Carinzia, Slovenia e Friuli e le loro intersezioni grazie a un programma ricco di eventi.
Pubblicità

Dal 9 al 25 settembre Klagenfurt ospita la quinta edizione delle Giornate della cucina Alpe Adria. Il capoluogo della Carinzia è ancora una volta il luogo di incontro di cibi, personaggi, storie, prodotti provenienti dalla macro regione che riunisce Slovenia, Stiria, Veneto, Friuli e la Carinzia austriaca. Le Alpi e l'Adriatico sono i limiti geografici di territori che per storia, lingua, cultura sono apparentemente distanti ma che, nel corso dei secoli, hanno continuato a mantenere forti legami. E continuano ad avere un fervido scambio con le aree confinanti per andare oltre le barriere politiche e amministrative, anche attraverso il linguaggio universale del cibo.

Ristorante Dermuth-2

Ristorante Dermuth

Giornate della cucina Alpe Adria

In programma ci sono circa 50 eventi, dagli incontri agli show cooking con cuochi di fama internazionale, dalla prima edizione dei Dialoghi dell'Alpe Adria - un think tank con noti conoscitori della regione sulle tendenze attuali del food - alla Festa della vendemmia (15-17 settembre) che va ad arricchire il palinsesto sui temi enologici. Helmuth Micheler, direttore della manifestazione, sintetizza i temi affrontati: "la combinazione della cucina tradizionale austriaca con la cultura gastronomica del Mediterraneo nell'uso degli ingredienti è sempre più evidente. Si cercano meno carni e più 'contorni' o piatti che vivono di verdure, cereali, radici, bacche ed erbe. A fare tendenza sono personaggi come Manuel Ressi del ristorante Bärenwirt a Hermagor, ma anche Fabian Kautz di Vogelhaus che è uno degli chef emergenti della Carinzia".

Pubblicità

Gli appuntamenti clou delle Giornate della cucina Alpe Adria

Fra gli appuntamenti più interessanti del primo fine settimana (10/9) c'è l'intera serata che il talentuoso chef Abnoub Shenouda e l'allevatore Thomas Koch dedicano al tema dell'agnello. Luogo dell'incontro è il ristorante Okto Dining, uno dei migliori di Klagenfurt, dove dal 2021 lo chef (enfant prodige, premiato con la stella Michelin a soli 23 anni quando lavorava in Svizzera) propone quotidianamente la sua cucina fusion di ispirazione arabo-asiatica.

Lo chef Abnoub Shenouda IMG-20220616-WA0009-2

Abnoub Shenouda

Altro momento da annotare è il corso di cucina sul tema del sushi carinziano che Anna Nicklas propone (17/9) presso il ristorante Leiten, qualche chilometro a nord di Klagenfurt. La Carinzia è una regione ricca di laghi dalle acque purissime e piuttosto calde, sono infatti balneabili in estate. Quasi inevitabile che si sia puntato anche sui pesci di acqua dolce per preparare una variante local del classico giapponese, con l'aggiunta di granchi e gamberi, anch'essi provenienti da laghi e torrenti carinziani.

© Photo Dario Bragaglia Il Wörthersee nei pressi di Klagenfurt è uno dei tanti limpidissimi laghi della Carinzia DSC_0749

Il Wörthersee nei pressi di Klagenfurt, uno dei tanti limpidissimi laghi della Carinzia. Foto: Dario Bragaglia

Pubblicità

Anche in questa edizione il parterre è ricco di cuochi pluripremiati. Dall'Italia il 18 settembre arriva Davide de Pra dell'Harry's Piccolo di Trieste che incontra il pubblico dalle 17,30 all'Hotel Dermuth. Il giorno successivo al ristorante Oscar, dalle 19, è la volta di Fabrizia Meroi del ristorante Laite. La cuoca di Sappada, protagonista della nuova cucina italiana alpina, fatta di erbe aromatiche, essenze, licheni e tutto ciò che l'ambiente montano è in grado di offrire è una delle stelle di questa edizione. Senza dimenticare altri cuochi premiati da guide internazionali come gli sloveni Uroš Fakuč (DAM, Nova Gorica) o Tomaž Kavčič (Pri Lojzetu, Zemono). L’élite dei cuochi locali è rappresentata fra gli altri da Walter Triebl (Lilli di Fehring) e dai due chef del Tirolo orientale Tom Mascher e Clemens Gesser.

Miglio del gusto_c-lukas_duernegger_1_png-web-1

Miglio del gusto. Foto: Lukas Duernegger

Il Miglio del Gusto conclude Giornate della cucina Alpe Adria

È il Miglio del gusto, in programma dal 23 al 25 settembre, a concludere le Giornate. Un'ottantina di espositori provenienti da Austria, Slovenia e Italia invadono il centro storico, quest'anno in collaborazione con Bio Austria e Genussland Kärnten, quindi con un'attenzione particolare ai produttori biologici presenti nella Neuer Platz dando vita a una vera e propria Festa bio dell'Alpe Adria. La Neuer Platz è il vero punto nevralgico della città con al centro la statua del Lindwurm, il drago simbolo di Klagenfurt scolpito in un unico blocco di pietra. Altri stand e bancarelle sono nella Alter Platz, nel cortile della Landhaus e nei cortili interni dell'Altes Rathaus (Vecchio Municipio), dell' Ossiacher Hof e Bambergerhof.

© Photo Dario Bragaglia Benediktiner Markt DSC_0739

Benediktiner Markt. Foto: Dario Bragaglia

Il Benediktiner Markt

L'incontro fra Carinzia, Slovenia e Friuli non si esaurisce con le Giornate della cucina Alpe Adria. Ogni giovedì e sabato (dalle 6,30 del mattino e fino alle 13,30) bancarelle provenienti dai tre paesi animano il Benediktiner Markt, in pieno centro. Dai pesci e crostacei provenienti dall'Adriatico, all'insalata e ai frutti raccolti dai coltivatori locali appena fuori città, dagli insaccati affumicati della tradizione germanica al pane casereccio, sugli stand del mercato si può trovare un po' di tutto. Sono i giorni di mercato grande ma i due padiglioni coperti sono aperti tutti i giorni (tranne la domenica), con il venerdì dedicato ai prodotti biologici.

Christian-Cabalier_Portrait

Christian Cabalier

E sotto i padiglioni, con tavoli all'aperto nella bella stagione, si incontrano diversi punti dove fare una sosta a tavola e bere un bicchiere, o fare colazione con un dolce casalingo. Da provare il Kochwerkstatt, ristorante (ma l'ambiente è molto informale) di Christian Cabalier, uno degli chef protagonisti alle Giornate della cucina Alpe Adria. Dopo trent'anni trascorsi in ristoranti di rango all'estero, fra i quali il Bistro Apetit, premiato come miglior ristorante della Croazia, Christian è tornato a Klagenfurt per proporre nel contesto popolare del mercato una cucina con un tocco carinziano-mediterraneo fatta di piatti leggeri accompagnati da una bella selezione di vini.

Giornate della cucina Alpe Adria. Info pratiche

Dove mangiare

Gasthaus zu Pumpe, Lidmanskygasse 2; www.beim-pumpe.at

La classica birreria popolare, ancora molto frequentata dai locali, con semplici piatti della tradizione austriaca.

Gasthaus im Landhaushof, Landaushof 1; https://gut-essen-trinken.at/der-landhaushof/

Si pranza e si cena al cospetto della storica e monumentale sede del Parlamento Regionale con l'interno decorato da affreschi. Non bisogna lasciarsi intimidire dal contesto: si mangia (a prezzi molto contenuti, soprattutto a pranzo) la cucina tradizionale di Klagenfurt preparata con cura.

Bierhaus zum Augustin, Pfarrgasse 2; https://gut-essen-trinken.at/das-augustin

Altro locale molto popolare e frequentato nel cuore storico della città. La protagonista è ovviamente la birra accompagnata da piatti sostanziosi.

Dove dormire

Select Hotel Moser Verdino, Domgasse; www.select-hotels.com

Centralissimo, in uno splendido edificio in stile Liberty, ha una bella terrazza con vista panoramica sulla città e dintorni. La sera, il rooftop si trasforma nel Bar 19null7, location ideale per sorseggiare un aperitivo godendosi il tramonto.

Il programma 

Giornate della cucina Alpe Adria – Austria – Klagenfurt – dal 9 al 25 settembre - Info

 

a cura di Dario Bragaglia

 

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X