Asia's 50 Best Restaurants 2022: la classifica. La corsa di Gaggan e la presenza dell'Italia

28 Mar 2023, 18:52 | a cura di
I risultati dell'Asia's 50 Best Restaurants 2023: il ritorno di Gaggan, la presenza dell'Italia e i premi speciali

Un botta e risposta serrato, quello che vede fronteggiarsi Michelin e 50 Best, le due più influenti guide a livello internazionale si sfidano a colpi di presentazione. Se il 27 marzo è stato il turno della Michelin UK e Irlanda, il 28 è quello di Asia's 50 Best. La classifica dei migliori ristoranti (ovviamente secondo i voters) dell'estremo oriente: da Tokyo a Bali, da Nuova Delhi a Manila. Dopo la cerimonia in contemporanea in tre luoghi diversi dello scorso anno, la lista del 2023 – l'undicesima nella storia dei Cinquanta - è stata presentata al Resorts World Sentosa di Singapore dopo la consueta preview fatta di feste di inaugurazione e appuntamenti diffusi. Una classifica, questa del 2023, oggetto di un'altissima aspettativa, per il “ritorno del re” così è stato acclamato Gaggan Anand, fresco di apertura a Bangkok, che ha scalato la classifica fino a entrare nella top five, anche grazie al convinto incoming dei (potenziali?) votanti fatto negli ultimi mesi. Per il resto la lista firmata S.Pellegrino & Acqua Panna premia cucine diverse: mentre fanno sentire sempre più la loro voce, nel panorama internazionale, le tradizioni local, espressione di un'identità gastronomica, non mancano ai vertici proposte che rimandano alla cucina francese e italiana. Ma prima vediamo i premi speciali, che celebrano professionalità, volti nuovi e grandi nomi.

Asia-2023-Icon-Award-Header2

Asia 50 Best. I premi speciali

Partiamo con l'Icon Award, che quest'anno va a Shinobu Namae de L'Effervescence di Tokyo “per la sua infinita dedizione all'arte della cucina e per lo spirito contagioso”, come ben si addice alle figure capaci di essere da motivazione e traino per gli altri. Esperienze da Toya Japon a Hokkaido di Michel Bras, al The Fat Duck di Bray di Heston Blumenthal, da 13 anni ha trovata casa a Tojyo, con L'Effervescence dove unisce profonde radici nei prodotti e rispetto per le antiche tradizioni giapponesi, alle tecniche ispirate alla Francia e all'Europa. È uno dei pionieri della sostenibilità nel suo paese, dove ha contribuito a diffondere un approccio più consapevole alla cucina, con l'obiettivo di ridurre l'impatto ambientale e la carbon print dell'alta ristorazione. Il suo impegno per l'ambiente lo ha visto al fianco del WWF in Giappone nella lotta contro la pesca illegale e alle Nazioni Unite nella Giornata mondiale degli oceani. Jordy e May Navarra di Toyo Eater – miglior ristorante delle Filippine – vincono il Sustainable Restaurant Award.

Il premio Asia's Best Pastry Chef è andato a Louisa Lim di Da Odette – insegna tra le più note e premiate, miglior ristorante in Asia nel 2019 e 2020 oggi alla posizione numero 6 - mentre Asia's Best Female Chef è la filippina Johanne Siy di Lolla a Singapore (al numero 63), con una moderna cucina transnazionale, eredità degli studi al Culinary Institute of America (CIA) a New York e delle esperienze al Le Bernardin di New York, al Fäviken e al Noma in Scandinavia e da André a Singapore. Sempre molto interessante, per la capacità di intercettare i nuovi talenti, One To Watch Award di quest'anno va a August (new entry alla posizione 95), dello chef Hans Christian e del ristoratore Budi Cahyadi che stanno portando Giacarta nelle traiettorie gastronomiche asiatiche, grazie a un mix di sapori indonesiani tradotti con linguaggio e tecniche contemporanee in un'atmosfera rilassata. nell'edificio della Sequis Tower. Il premio per il miglior sommelier va a Della Tang di Ensue (n.31) a Shenzen, stella nascente nel mondo del vino cinese. L'Art of Hospitality Award va a Zén a Singapore (n.21), mentre l'ambito Chefs' Choice Award è andato a Hiroyasu Kawate del Florilège (n.7). La scalata più ripida l'ha fatta Labyrinth di Singapore che si posiziona al numero 11 aggiudicandosi l'Highest Climber Award mentre la new entry più alta è alla posizione n. 30: Avartana a Chennai, nell'hotel ITC Grand Chola.

Le Du

Asia's 50 Best. 1-50

Una rincorsa serrata che vede Thailandia e Giappone ad alternarsi sul podio un anno dopo l'altro - la classifica del 2022 vedeva in testa Den, seguito da Son e Florilège - con la cucina locale che si contende le posizioni di testa con la francese, ma anche l'Italia è ben rappresentata.

  • n. 1 Le Du (Bangkok, Thailandia)
  • n. 2 Sézanne (Tokyo, Giappone)
  • n.3 Nusara (Bangkok, Thailandia)
  • n. 4 Den (Tokyo, Giappone)
  • n.5 Gaggan Anand (Bangkok, Thailandia)
  • n. 6 Odette (Singapore) - Asia's Best Pastry Chef
  • n.7 Florilège (Tokyo, Giappone) - Chefs' Choice Award
  • n. 8 La Cime (Osaka, Giappone)
  • n. 9 Sorn (Bangkok, Thailandia)
  • n. 10 Narisawa (Tokyo, Giappone)
  • n.11 Labyrinth (Singapore) - Highest Climber Award
  • n. 12 Sazenka (Tokyo, Giappone)
  • n. 13 The Chairman (Hong Kong) - Miglior ristorante di Hong Kong
  • n. 14 Villa Aida (Wakayama, Giappone)
  • n. 15 Mosu (Seoul, Corea) - Miglior ristorante della Corea
  • n. 16 Masque (Mumbai, India) - Miglior ristorante dell'India
  • n. 17 Meta (Singapore)
  • n. 18 Fu He Hui (Shanghai, Cina) - Miglior ristorante della Cina continentale
  • n.19 Indian Accent (Nuova Delhi, India)
  • n.20 Ode (Tokyo, Giappone)
  • n. 21 Zén (Singapore) - Art of Hospitality Award 
  • n. 22 Sühring (Bangkok, Thailandia)
  • n. 23 Onjium (Seoul, Corea)
  • n. 24 Burnt Ends (Singapore)
  • n. 25 Euphoria (Singapore)
  • n. 26 Cloudstreet (Singapore)
  • n. 27 Les Amis (Singapore)
  • n. 28 Mingles (Seoul, Corea)
  • n.29 Mingles (Hong Kong)
  • n. 30 Avartana (Chennai) – New entry più alta
  • n. 31 Ensue (Shenzen, Cina) - Miglior sommelier
  • n. 32 Cenci (Kyoto, Giappone)3
  • n. 33 Ms. Maria & Mr. Singh (Bangkok, Thailandia)
  • n. 34 Da Vittorio (Shanghai)
  • n. 35 Potong (Bangkok, Thailandia)
  • n. 36 Born (Singapore)
  • n. 37 Wing (Hong Kong)
  • n. 38 Raan Jay Fai (Bangkok, Thailandia)
  • In. 39 Wing Lei Palace (Macao) - Miglior ristorante di Macao
  • n. 40 Anan Saigon (Ho Chi Minh City, Vietnam) - Miglior ristorante del Vietnam
  • n. 41 Mono (Hong Kong)
  • n. 42 Toyo Eatery (Manila, Filippine) - Miglior ristorante delle Filippine
  • n. 43 Sichuan Moon (Macao )
  • n. 44 L'Effervescence (Tokyo, Giappone) - Icon Award
  • n. 45 Mume (Taipei, Taiwan) - Miglior Ristorante di Taiwan
  • n. 46 Baan Tepa (Bangkok, Thailndia)
  • n. 47 Born & Bred (Seoul, Corea)
  • n. 48 Metiz (Makati, Filippine)
  • n. 49 Caprice (Hong Kong)
  • n. 50 è Refer (Pechino, Cina)
Joo Ok

Asia Best restaurant: 51-100

  • n. 51 Joo Ok (Seoul, Corea)
  • n. 52 Bukhara (New Delhi, India)
  • n. 53 Ta Vie (Hong Kong)
  • n. 54 Yong Fu (Hong Kong)
  • n. 55 7th Door (Seoul, Corea)
  • n. 56 Thevar (Singapore)
  • n. 57 Logy (Taipei, Taiwan)
  • n. 58 Jade Dragon (Macau)
  • n. 59 Jin Sha (Hangzhou, Cina)
  • n. 60 L'évo (Toyama, Giappone)
  • n. 61 Ando (Hong Kong)
  • n. 62 Estro (Hong Kong)
  • n. 63 Lolla (Singapore)
  • n. 64 Sugita (Tokyo, Giappone)
  • n. 65 Ultraviolet by Paul Pairet (Shanghai, Cina)
  • n. 66 Americano (Mumbai, India)
  • n. 67 Esquisse (Tokyo, Giappone)
  • n. 68 Eatanic Garden at Josun Palace (Seoul, Corea)
  • n. 69 Ministry of Crab (Colombo, Sri Lanca)
  • n. 70 8 1/2 Otto e Mezzo Bombana (Hong Kong)
  • n. 71 Côte by Mauro Colagreco (Bangkok, Thailandia)
  • n. 72 Wana Yook (Bangkok, Thailandia)
  • n. 73 Lerdtip Wanghin (Bangkok, Thailandia)
  • n. 74 Dewakan (Kuala Lumpur, Malaysia)
  • n. 75 Nihonryori RyuGin (Tokyo, Giappone)
  • n. 76 Fu1015 (Shanghai, Cina)
  • n. 77 Ling Long (Pechino, Cina)
  • n. 78 The Table (Mumbai, India)
  • n. 79 Eat and Cook (Kuala Lumpur, Malaysia)
  • n. 80 The Pizza Bar on 38th (Tokyo, Giappone)
  • n. 81 Gaa (Bangkok, Thailandia)
  • n. 82 Samrub Samrub Thai (Bangkok, Thailandia)
  • n. 83 Nae:Um (Singapore)
  • n. 84 Jaan by Kirk Westaway (Singapore)
  • n. 85 Claudine (Singapore)
  • n. 86 Summer Pavilion (Singapore)
  • n. 87 Adachi Sushi (Taipei, Taiwan)
  • n. 88 Obscura (Shanghai, Cina)
  • n. 89 Meet the Bund (Shanghai, Cina)
  • n. 90 Été (Tokyo, Giappone)
  • n. 91 Hommage (Tokyo, Giappone)
  • n. 92 Golden Flower (Macau)
  • n. 93 Ekaa (Mumbai, India)
  • n. 94 Nadodi (Kuala Lumpur, Malaysia)
  • n. 95 August( Giacarta, Indonesia) – One To Watch Award
  • n. 96 Liberte (Kaohsiung, Taiwan)
  • n. 97 Sushi Hare (Hong Kong)
  • n. 98 Nahm (Bangkok, Thailandia)
  • n. 99 Xin Rong Ji (Hong Kong)
  • n. 100 Vea (Hong Kong)

 

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram