Nella provincia di Pesaro e Urbino, due grandi aziende olivicole conquistano i riconoscimenti della guida Oli d'Italia 2019: Il Conventino di Monteciccardo e Massimo Mosconi.
Pubblicità

Un calo produttivo che si aggira attorno al – 60%, dovuto soprattutto agli intensi attacchi di mosca nella regione. A prescindere dalle problematiche legate all’annata difficile, da anni ormai l’olio nelle Marche è conosciuto soprattutto per gli straordinari blend che raccontano in chiave moderna la tradizione del territorio.

Olio extravergine nelle Marche

Non mancano, poi, i pregiati monovarietali, che rappresentano l’avanguardia del luogo, in primis quelli di ascolana tenera, cultivar protagonista della regione. Ma ci sono anche la raggia, il piantone di Mogliano e la mignola, ognuno con il suo carattere unico e riconoscibile.

Le aziende migliori delle Marche

I migliori produttori? A distinguersi, quest’anno, due aziende speciali nella provincia di Pesaro e Urbino, che si sono aggiudicate i riconoscimenti della guida Oli d’Italia 2019.

Pubblicità
Il Conventino di Monteciccardo
Il Conventino di Monteciccardo

Il Conventino di Monteciccardo, frantoio dell’anno

Non c’è da stupirsi se Il Conventino di Monteciccardo della famiglia Marcantoni continui a mietere successi anno dopo anno: stiamo parlando di una realtà da sempre dedita alla produzione di qualità e alla valorizzazione delle cultivar locali. Nei 20 ettari di uliveto dimorano 7500 piante, a cui si uniscono oltre 500 quintali di drupe selezionate in zona. E lavorate con perizia in frantoio, dove nulla è lasciato al caso. Presente, inoltre, anche vino, distillati, miele e cioccolata all’extravergine.

Il Conventino di Monteciccardo
Il Conventino di Monteciccardo

Gli oli de Il Conventino di Monteciccardo

Un Tre Foglie (massimo riconoscimento) e due oli da Due Foglie Rosse (punteggio assegnato agli oli di ottima qualità): questi i riconoscimenti ottenuti dall’azienda, grazie a prodotti dal profilo aromatico elegante e intrigante. Il Frà Bernardo Monocultivar Ascolana Tenera è un fruttato intenso che sprigiona al naso le sue note di pomodoro, erbe aromatiche, fiori, mandorla e tutte le sensazioni balsamiche che le accompagnano. Il Frà Pasquale Monocultivar di Raggiola è un fruttato medio, ma dal piccante e l’amaro più pronunciati, con sentori di rucola, erba e noce. Infine, il Frà Giocondo Monocultivar Leccino Bio è un extravergine verde e persistente, caratterizzato da profumi di pomodoro, erba e nuance leggermente speziate.

Massimo Mosconi - Emozioneolio
Massimo Mosconi – Emozioneolio

Massimo Mosconi – Emozioneolio, qualità e comunicazione

Altra azienda di riferimento è quella di Massimo Mosconi, olivicoltore capace che propone oli complessi e di gran carattere. La tenuta sorge fra le colline che delimitano la sponda sinistra del basso Metauro, a poco più di due chilometri da Tavernelle, lungo la via Flaminia. Grazie alla visione avanguardista del team, la realtà si distingue anche per il sito web ben strutturato, con tanto di ricette stagionali che si propongono di valorizzare l’oro verde.

Massimo Mosconi - Emozioneolio
Massimo Mosconi – Emozioneolio

Gli oli di Massimo Mosconi – Emonzioneolio

Vince il premio come Miglior Fruttato Intenso il Risveglio Monocultivar Raggiola, perfettamente equilibrato tra amaro e piccante, giocato su sentori vegetali come la rucola, il carciofo e l’erba, che lasciano spazio anche a note più balsamiche. C’è poi il Respiro Monocultivar Moraiolo, altro fruttato intenso verde e persistente, che ricorda il profumo di erba e rucola, senza dimenticare l’Opus, olio dal fruttato medio ancora una volta vegetale e persistente.

Pubblicità
L'Arcade, Porto San Giorgio
L’Arcade, Porto San Giorgio

I ristoranti dell’olio

Fra i ristoranti che maggiormente valorizzano le materie prime, olio in primis, L’Arcade di Porto San Giorgio, insegna di Nikita Sergeev che offre un percorso di degustazione appagante, piacevole e divertente, da abbinare a una selezione di vini di livello. E poi Casa Rapisarda a Numana, novità dell’anno per la guida Ristoranti d’Italia 2019, locale aperto nel 2018 e che si è già inserito a pieno titolo fra i migliori della zona, grazie a un menu elaborato con rigore ed estro e che fa affidamento sui prodotti dell’orto. Ancora, Signore te ne ringrazi, spazio poliedrico dove sostare per delle ottime pizze e per i piatti originali, che pescano dalla tradizione ma con lo sguardo rivolto al futuro, e Il Tiglio in Vita a Porto Recanati, ristorante fronte mare con vista panoramica e una cucina ittica di qualità, firmata da Enrico Mazzaroni. Senza dimenticare le due stelle del firmamento gastronomico marchigiano, Moreno Cedroni (Madonnina del Pescatore) e Mauro Uliassi (Uliassi), entrambi a Senigallia.

Giorno per giorno Bio
Giorno per Giorno Bio

Le botteghe dell’olio

Non mancano, poi, le botteghe per acquistare del buon extravergine (qui la lista completa). Indirizzo sicuro è Giorno per Giorno Bio a San Benedetto del Tronto, negozio specializzato che offre una bella selezione di prodotti biologici, dagli ortaggi freschi al miele, dall’olio alla frutta secca.

a cura di Michela Becchi

GLI INDIRIZZI

Le aziende

Il Conventino di Monteciccardo – Monteciccardo (PU) – via Giulio Turcato, 4 – conventinomonteciccardo.bio/

Massimo Mosconi – Emozioneolio – Serrungarina, Colli al Metauro (PU) – emozioneolio.com/

I ristoranti

L’Arcade – Porto San Giorgio (FM) – via Giordano Bruno, 76 – ristorantelarcade.it/

Casa Rapisarda – Numana (AN) – via IV Novembre, 35 – ristorantecasarapisarda.it/

Singore te ne ringrazi – Montecosaro (MC) – via Bruscantini, 1 – signoreteneringrazi.it/

Il Tiglio in Vita – Porto Recanatai (MC) – viale Scarfiotti, 47 – facebook.com/IlTiglioInVita/

Madonnina del Pescatore – Senigallia (AN) – Lungomare Italia, 11 – morenocedroni.it/

Uliassi – Senigallia (AN) – Banchina di Levante, 6 – uliassi.com/

Le botteghe

Giorno per Giorno Bio – San Benedetto del Tronto (AP) – giornopergiornobio.com