Rispetto della natura, ospitalità, energie rinnovabili: questa fattoria biologica nel cuore dell'Umbria è un posto da visitare al più presto (anche solo per gli squisiti formaggi).
Pubblicità

Fattoria Ma’ Falda: l’azienda biologica in Umbria

È il 2006: su un altopiano fra Orvieto e Todi, il milanese Flavio insieme a sua moglie Anne Line e alla cognata Aste (entrambe norvegesi) decidono che è tempo di mettere radici e ritrovare il contatto con la natura. Vivere dei prodotti della terra, far crescere i figli in campagna – con tutte le gioie ma anche le difficoltà del caso – e realizzare finalmente il sogno di aprire una fattoria in cui lavorare seguendo i valori della sostenibilità, il rispetto dell’ambiente e delle stagioni. Prendono così in mano una piccola azienda agricola abbandonata, cominciano i lavori, la ristrutturazione, e poi la trasformazione in fattoria biologica con tanto di agriturismo ecosostenibile, alimentato da energia rinnovabile e a basso impatto ambientale.

stalla con capre

Gli allevamenti di Ma’ Falda

Un sogno che sembrava irrealizzabile e che invece è divenuto realtà: si chiama Fattoria Ma’ Falda e oggi è un’azienda di nicchia che produce formaggi di altissimo livello, oltre a offrire esperienze uniche, corsi, laboratori e ospitalità ai visitatori in cerca di un weekend in pieno relax, immersi nella natura più incontaminata, fra boschi e uliveti. Nonostante Ma’ Falda sia molto più di una “semplice” azienda agricola, la produzione resta il cuore del progetto: gli animali qui vengono nutriti in maniera naturale e allevati con cura. Le capre di razza Camosciata delle Alpi pascolano allo stato semi-brado e le mamme vengono lasciate partorire rispettando il loro ciclo biologico (da gennaio producono latte per circa 9 mesi, per riposare poi a novembre e dicembre e prepararsi a un nuovo ciclo). Ci sono poi i maiali di cinta senese, che vivono all’aperto tutto l’anno e si nutrono di siero di latte e scarti dell’orto, e le pecore di Ouessant, razza antica originaria dell’omonima isola francese, oltre alle api e diversi animali da cortile come galline e oche.

I formaggi e l’orto

Dal latte di capra, naturalmente, si ricavano i formaggi, lavorati subito dopo la mungitura e solo con il latte crudo. Molli, semi-molli, stagionati, da cagliata acida o dolce: tante le tipologie presenti, tutte in stile francese e disponibili per la vendita diretta nello spaccio aziendale adiacente al caseificio (oltre a essere state nel tempo selezionate da botteghe e ristoranti di livello anche al di fuori dell’Umbria). Fattoria Ma’ Falda ha poi anche un piccolo giardino felice, terra fertile da cui nascono frutti biologici e coltivati in maniera responsabile. Piante aromatiche, ornamentali, un orto ricchissimo e tanti alberi da frutto, fra cui molti di varietà antiche, punteggiano il terreno, dotato di una struttura con impianto fotovoltaico e di pannelli solari per la produzione di acqua calda.

Pubblicità
lavorazione dei formaggi

L’agriturismo e i laboratori

Altra parte fondamentale della fattoria, l’agriturismo, con 5 diversi appartamenti per le vacanze, per un totale di 20 posti letto. Spazi arredati in maniera semplice ma raffinata, essenziale e curata nei minimi dettagli, in perfetta armonia con l’ambiente circostante: è infatti il legno a dominare la scena, insieme al pavimento in cotto e i mobili dal fascino d’antan che contribuiscono a creare un’atmosfera rilassata e accogliente. Oltre a godere del panorama sulla campagna umbra e dei prodotti genuini della terra, gli ospiti (e tutti i visitatori in generale) possono fare visita agli animali in fattoria, prendere parte a degustazioni o laboratori organizzati. In tempi migliori – che ci auguriamo possano tornare il prima possibile – il team ha anche organizzato corsi di caseificazione e workshop originali, come quello sulla paperclay (metodo di lavorazione della ceramica con la cellulosa), oltre ad assaggi guidati in compagnia.

Fattoria Ma’ Falda – loc. Prodo, Orvieto (TR) – fattoriamafalda.com/

a cura di Michela Becchi