A Ponte Gardena, nell'Alto Adige della Valle Isarco, Manna ha inaugurato nel mese di agosto. E offre una cinquantina di prodotti sempre diversi, appena raccolti nei campi di sei piccoli produttori che hanno scelto di mettersi insieme. Guidati da Harald Gasser, il contadino degli chef.
Pubblicità

Manna Organic. Una bottega contadina per la comunità

Il costo d’iscrizione, per sostenere la causa, è pari a 5 euro. Una piccola somma d’ingresso per fare acquisti alla bottega di Manna, che già a voler interpretare in senso biblico l’insegna si preannuncia un’esperienza gratificante. Del resto Manna Organic non è una bottega come tutte le altre, ma un punto di incontro tra produttori altoatesini che condividono un’etica e una filosofia di produzione precisa. Li ha messi insieme da qualche settimana l’intraprendente Harald Gasser, già balzato agli onori della cronaca nel ruolo di fornitore di fiducia di tanti chef italiani, tedeschi e austriaci, Norbert Niederkofler (che alla bottega ha già fatto visita) in prima linea.

L'orto di Harald Gasser a Barbiano, sulle montagne della Valle Isarco

Harald Gasser. Il custode delle varietà antiche

La storia di Harald, infatti, è ben nota. Ma lui è sempre rimasto fedele alle sue abitudini, e da quando, quasi 20 anni fa, ha ereditato il maso di famiglia tra le montagne della Valle Isarco ha scelto di essere custode di ortaggi rari e varietà antiche del territorio altoatesino, che rischiavano di sparire. Non certo un compito facile, specie nel contesto alpino in cui Harald si muove, a 700 metri d’altitudine nella fattoria Aspinger di Barbiano, piccolo paese di montagna non distante da Chiusa. Eppure, partendo con 200 varietà di frutta e ortaggi rari richiesti a una onlus austriaca che custodisce semi antichi, ha  iniziato con pazienza a coltivare il suo orto, nel piccolo appezzamento di 16 metri quadri a disposizione. Risultato? Oggi coltiva in permacultura circa 400 varietà di verdure (18 sono solo le differenti varietà di carote che il suo orto può fornire a chi è in cerca di rarità), programmando rotazioni rapide e rifiutando l’uso di chimica in campo, che nel frattempo si è esteso a comprendere 3mila metri quadri di terreno. E i suoi prodotti sani, buoni e particolari piacciono a tal punto da aver trovato un fiorente mercato di riferimento, che è appunto quello dei numerosi ristoranti gourmet della zona e dei negozi di gastronomia specializzati in primizie.

Patate in assaggio da Manna Organic

Manna Organic a Ponte Gardena. L’offerta

Ma l’obiettivo di Harald è sempre stato quello di raggiungere un pubblico più ampio, condividendo la missione con altri piccoli produttori di qualità come lui. E il negozio di Manna, operativo a Ponte Gardena (Bolzano) dal mese di agosto, è un primo passo per rispondere a questa esigenza. I piccoli, dunque, si riuniscono per costruire reti di qualità in grado di sopravvivere alle leggi della grande distribuzione, e insieme di ricreare un senso di comunità legato alla riscoperta di un sistema alimentare sano e rispettoso dell’ambiente (ne abbiamo scritto lungamente sul numero di settembre del Gambero Rosso).

Pubblicità
Una cassetta di rape bianche da Manna Organic

Al momento sono sei i produttori riuniti nel progetto e tra i primi prodotti di stagione i clienti possono scegliere tra ravanelli e finocchi baby, spinaci Malabar e amaranto verde o rosso; ma anche carote, rape e cetrioli di diverse varietà, e gli ultimi pomodori dell’anno. Circa una cinquantina di proposte che ruotano secondo disponibilità, raccolte poco prima della consegna in negozio, nelle aziende agricole dislocate nel raggio di pochi chilometri da Ponte Gardena. Tutto coltivato in regime organico, tutto venduto a un prezzo equo e rispettoso del lavoro che c’è dietro.

Tisane pronte sugli scaffali di Manna Organic

Dare il buon esempio

Il negozio ha preso forma nel centro di Ponte Gardena, nell’ex caffetteria della piazza più importante del paese, grazie alla partnership con Armin Pardatscher. A occuparsi materialmente della gestione sono tre soci, guidati dal responsabile di Manna Andreas Hofer. E tutti sono prodighi di consigli per l’uso e informazioni sui prodotti in vendita. Aperto al pubblico dal lunedì al venerdì, Manna accoglie i clienti anche il sabato mattina, quando non è raro imbattersi in incontri speciali organizzati con cuochi e produttori del territorio. C’è tanta voglia di raccontare che un futuro migliore, per l’agricoltura, è possibile. Per questo il progetto Manna Organic si prefigge l’obiettivo di replicare altrove, fornendo l’esempio ad altre comunità agricole fondate sul valore dei più piccoli.

 

a cura di Livia Montagnoli

Pubblicità