Aprirà già in primavera la pizzeria pop up sulla spiaggia di Pier Daniele Seu, affiancata dalla cucina di Molo Diciassette. L’esperimento estivo ospite dello stabilimento Il Capanno, però, sarà solo l’anteprima di un nuovo locale dedicato alla pizza romana pronto per l’autunno a Roma.
Pubblicità


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI
THE BEST IN ROME & LAZIO

Tac! Il pop up di Pier Daniele Seu a Ostia

Un pop up estivo, al mare, che anticipa l’inizio della stagione alla primavera. Del resto, con l’arrivo delle prime belle giornate, il litorale romano, nel weekend, è già diventato lo spazio all’aperto ideale per svagarsi a portata di città. E dalla fine di marzo, per gli amanti della pizza, sulla spiaggia d Ostia prenderà forma una bella novità.

Il logo di Tac!

Tac! è l’insegna che identifica la nuova avventura di Pier Daniele Seu, che a Ostia è nato e cresciuto e già qualche estate fa aveva portato sul litorale le sue pizze in versione pop up. Stavolta, però, Tac! rappresenterà il banco di prova per un progetto pronto a nascere il prossimo autunno, a Roma, in affiancamento alla già celebre e apprezzata pizzeria Seu Pizza Illuminati: un nuovo locale, probabilmente nello stesso quadrante della città, dedicato alla pizza romana, bassa e croccante. O, per dirla all’inglese, “thin and crunchy”, come le iniziali che compongono l’acronimo Tac.

Pubblicità
Fiori di Cotto, Pier Daniele Seu

La pizza romana di Seu. Da Ostia a Roma

Non una novità nella storia di Seu, che con la pizza romana ha iniziato il suo percorso davanti a un forno: “Proprio a Ostia, dodici anni fa, iniziai come aiuto pizzaiolo con la classica romana. E anche da Mastro Titta (noto pub del quartiere Ostiense, dove Pier Daniele ha iniziato a farsi conoscere, ndr), prima di sperimentare con l’impasto che poi ho personalizzato, all’inizio proponevo la tonda bassa e croccante”. Negli ultimi dieci anni molte cose sono cambiate: Pier Daniele ha visto ascrivere il suo nome tra quelli dei più apprezzati pizzaioli italiani, il locale romano lavora a buon ritmo nonostante le difficoltà dell’ultimo anno (“nel fine settimana, la sera, sforniamo anche 300 pizze per l’asporto; a pranzo lavoriamo bene e quasi tutti i ragazzi in squadra sono rientrati”), l’esperimento a Dubai – avviato proprio di questi tempi, un anno fa – sta ricevendo ottimi riscontri, ed è pronto a crescere. Per Seu, dunque, è tempo di riavvicinarsi alla pizza romana, forte dell’esperienza maturata, con un’energia nuova: “L’idea è quella di portare la mia visione sulla pizza romana. Iniziando col farla conoscere a chi verrà a trovarci a Ostia, dove partiremo con gusti semplici, proposte classiche come la marinara, la fiori e alici, la provola e pepe, ma anche cavalli di battaglia legati al mio percorso, dall’Assoluto di pomodoro al Fior di cotto, alla Tartare tutto su una base bassa e croccante”. Senza dimenticare le pizze dolci della casa, dalla Pizzacolada alla Fior di fragola.

Tac! e Molo Diciassette al Capanno. Il menu

Tac! sarà ospite dello stabilimento Il Capanno, insieme alla squadra di Molo Diciassette, ristorante di mare che Simone Curti guida non distante dal lungomare, nello spazio ereditato dal primo Tino di Lele Usai. Probabilmente intorno a Pasqua – ma la data ufficiale è ancora da confermare, anche in base ai movimenti delle fasce di rischio colorate – Tac! aprirà nello spazio fronte mare attrezzato per la ristorazione, dello stabilimento, condividendo in un primo momento l’ampia superficie a disposizione con la cucina di Molo Diciassette, che in estate si sposterà in terrazza, proponendo un menu serale esemplato su quello della casa madre.

Una fetta di pizza al padellino

La pizzeria, invece, vivrà di due anime distinte, a pranzo e cena (quando sarà possibile ripartire con la cena): a pranzo, accanto ai piatti della cucina e alla carta dei pokè, proporrà pizza al ruoto e panini (“fatti bene!”); la sera, la pizzeria romana nella sua forma più classica, con l’antipasto di fritti (crocchette, fiori di zucca, baccalà, chips, “un supplì di mare a rotazione studiato con Simone”) e la pizza tonda al piatto.

Pizza rossa al padellino

La pizza al ruoto di Pier Daniele Seu

Il progetto del ruoto, in realtà, avrà pari dignità: da Seu Pizza Illuminati, il ruoto– ribattezzato wheely, “ruotino”, perché cotto in un piccolo “ruoto”, nel forno a legna –  è in procinto di entrare in menu, tra gli antipasti, come proposta fissa. E da Tac! rispecchierà persino l’acronimo dell’insegna, sciolto però in maniera diversa: tall and crunchy. “Il nostro ruoto è bianco o rosso, perfetto per iniziare, da condividere. A Ostia si presterà anche per l’aperitivo, con l’ulteriore novità di puntare anche sulla miscelazione, con i cocktail di Valerio Mazziotti ed Elena Fabiani, che faranno parte del team, e ci permetteranno di proporre anche a pranzo e cena una carta dei drink da accompagnare alle pizze”. Nei primi tempi, con lo stabilimento ancora chiuso in attesa che inizi la stagione, Tac lavorerà su turni, per ottimizzare gli sforzi e tenere sotto controllo il flusso di persone. Lo spin off si protrarrà per tutta l’estate, con la speranza di poter presto tornare ad aprire per cena e dopocena. E in autunno la pizza romana di Pier Daniele Seu sarà pronta per presentarsi alla città.

Pubblicità

Tac! – Ostia (RM) – Stabilimento Il Capanno, piazzale Magellano, 41 – dalla fine di marzo 2021 – www.instagram.com/tacthinandcrunchy/

 

a cura di Livia Montagnoli

foto di Andrea Di Lorenzo