Dalle vinerie con cucina tradizionale alle insegne più recenti e dinamiche, dalle enoteche dedicate ai vini naturali a quelle incentrate sulle bollicine: i wine bar da non perdere a Milano.
Pubblicità

Le enoteche si sono evolute, hanno cambiato pelle, ampliato la propria offerta, e oggi sono fra i luoghi più gettonati per l’aperitivo o una cena sfiziosa. Dopo aver analizzato il fenomeno nella Capitale (leggi anche I migliori wine bar di Roma), siamo andati alla ricerca delle insegne meneghine. Ecco i migliori wine bar di Milano.

I migliori wine bar di Milano

72100

Si chiama così in omaggio al codice di avviamento postale di Brindisi, e i sapori, infatti, sono quelli tipici pugliesi, dalle orecchiette con cime di rapa ai cavatelli con le cozze. Un locale arredato con gusto, accogliente e informale, dove assaggiare la fagiolata con salsiccia di Martina Franca o il polpo alla pignata, in abbinamento alle tante etichette regionali a disposizione, con valide opzioni alla mescita.

Pubblicità

72100 – via Solferino, 46 – facebook.com/riatorantepugliese/

Bicerin

Quasi novecento etichette per questa enoteca elegante e raffinata, con selezioni di piccoli vignaioli e grandi nomi, raccontati anche nello spazio “libreria del vino”, che raccoglie le storie dei vari produttori. Ma nel locale di Silvia, Lorenzo e Alberto, amici con la passione in comune per il buon bere, si viene anche per mangiare: piatti espressi, taglieri e specialità sfiziose per l’aperitivo e qualche stuzzichino per il dopocena. Si organizzano incontri con produttori.

Bicerin – via P. Castaldi, 24 – bicerinmilano.com

Pubblicità

La Bottega del Vino

Un caveau dei vini stracolmo di bottiglie di nicchia e un’offerta di bollicine che non smette di sorprendere: l’insegna si inserisce perfettamente nell’atmosfera vivace della zona Moscova, senza rinunciare a uno stile sofisticato. Ad accompagnare il vino, salumi di prima scelta (il Pata Negra di Blazquez, per esempio), cicchetti d’autore (baccalà mantecato, battuta di scottona, acciughe del Cantabrico) e tanti piatti cucinati che cambiano di continuo.

La Bottega del Vino – p.zza Lega Lombarda, 1 – labottegadelvinomilano.com

La Cantina di Franco
La Cantina di Franco

La Cantina di Franco

Un ex boxer che ha deciso di dedicarsi al buon vino, creando uno spazio con oltre 2000 possibilità di scelta, fra vini di pregio e distillati di valore. La proposta gastronomica è basata su una selezione accorta e sapiente di materie prime, quasi tutte in vendita nel comparto specialità del negozio, gustoso complemento alla carta dei vini. Salumi, formaggi, tartare e carpaccio, ma anche proposte calde, dall’ossobuco all’acquapazza, da assaporare insieme a bottiglie o vini alla mescita.

La Cantina di Franco – via Raffaello Sanzio, 16 – lacantinadifranco.it/

La Cantina di Manuela

Due indirizzi per una sosta all’insegna del relax, in spazi accoglienti dai toni caldi, circondati dagli scaffali colmi di bottiglie. Tante etichette italiane e una valida selezione di produzioni dall’estero, in particolare dalla Francia, da sorseggiare insieme a salumi e formaggi di pregio. Presenti anche proposte più strutturate in arrivo dalla cucina, come i tortelloni ripieni di coratella di agnello su vellutata di patate o le cotolette alle tre panature.

La Cantina di Manuela – via C. Poerio, 3/ via G.C. Procaccini, 41 – lacantinadimanuela.it

Il Cavallante

Un approdo sicuro a Porta Romana per un buon bicchiere di vino, tra le pareti color vinaccia e i tavoli in ferro battuto. La carta dei vini dimostra un bel lavoro di ricerca, con assortimento incentrato sulla produzione italiana, che lascia però spazio anche alle referenze più valide dall’estero. Il luogo ideale per un aperitivo di qualità, con carpacci, tartare, salumi e qualche piatto del giorno. Ottima l’offerta alla mescita.

Il Cavallante – via L.A. Muratori, 3 – facebook.com/pages/Enoteca-Il-Cavallante/

Champagne Socialist

Porta la firma di Alessandro Longhin e Davide Martelli, team ormai collaudato e noto agli amanti della miscelazione (sono sempre loro gli ideatori di The Botanical Club e Ideal), il progetto pensato per far conoscere meglio il mondo dei vini naturali, con oltre 400 etichette, molte delle quali di piccoli artigiani che non utilizzano sofisticazioni in cantina e credono nei vini vivi. L’offerta è ampia e variegata, accessibile a tutti, con possibilità alla mescita (nell’ultima edizione della guida Milano si erano aggiudicati il premio Miglior Proposta al Bicchiere) e proposte dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Per mangiare: formaggi di malga, salumi, crostini e conservas, piccole scatole di latta dalla grafica vintage con conserve di pesce in arrivo dal Portogallo e la Galizia.

Champagne Socialist – via Lecco, 1a – socialist.wine

Cibo Eno’

È il grande assortimento enologico il fiore all’occhiello del locale, grazie a una carta ben strutturata e ricca di etichette interessanti in arrivo da tutte le regioni italiane, ma non è da meno la proposta gastronomica. In menu si trovano piatti di buona fattura che cambiano a seconda della stagione e la disponibilità dei prodotti (da provare l’insalatina di nervi e gli gnocchi con guanciale e spinaci), e poi taglieri di salumi e formaggi di livello.

Cibo Eno’ – via S. Schiaffino, 21 – ciboeno.it

E/N Enoteca Naturale

Lo scorso febbraio, il cancello di Casa Emergency (progetto nato per diffondere la cultura della solidaietà alla fine dell’estate 2017 in una ex scuola abbandonata anni ’40) si è aperto anche su una nuova realtà commerciale, un luogo dove ci si incontra, si fa cultura, si aiutano gli altri, ma si beve anche. E lo si fa bene, grazie al lavoro di Guido Cerretani, Marta Gianotti e Francesca Agnello, che in società gestiscono Enoteca Naturale, una vineria che sul senso di convivialità e condivisione ha deciso di scommettere tutto, offrendo etichette italiane, francesi, tedesche, greche, spagnole, per un totale di oltre 150 referenze. Con possibilità di acquistare a scaffale, stappare una bottiglia o ordinare alla mescita, gustando un po’ di mortadella bolognese di Galliani, capocollo di Martina Franca, salame de La Castagnola o tonno in conserva delle Azzorre. E poi ribollita, caponata, crema di carciofi e farro e spezzatino.

Enoteca Naturale – via Santa Croce, 19 – enotecanaturale.it

Gran Cru

Una piccola enoteca dall’atmosfera calda e coinvolgente – merito dei titolari appassionati e del personale preparato – dove trovare un ricco assortimento di bottiglie spesso fuori dal coro. Si spazia tra territori trascurati, maison inconsuete e annate speciali, ma non mancano grandi classici enologici per i più tradizionalisti. Dalla cucina, piatti semplici e senza fronzoli, che non deludono: ribollita toscana, ravioli cacio e pepe, zuppa di cicerchie e altre specialità della cucina italiana. Per un aperitivo, via libera a crostini con acciughe del Cantabrico o foie gras di anatra del Perigord.

Gran Cru – c.so Magenta, 32 – grancrumilano.com

Hic

Progetto nato nel 2011 e che oggi conta due sedi: un successo ottenuto grazie a diversi punti di forza, tra cui l’invenzione dell’HiCellar, sistema di consultazione dei prodotti che l’enoteca offre ai suoi clienti. Seguendo i consigli dell’applicazione, chiunque può individuare l’etichetta che più gli si addice, scegliendo in base al costo, al cibo da abbinare o alla situazione in cui la si vuole gustare. Una matrice tecnologica che non toglie però anima al locale, un indirizzo perfetto per aperitivi e degustazioni. Per la bella stagione, poi, c’è anche la possibilità di fermarsi al dehors di via Spallanzani, mentre in via Sidoli gli spazi più grandi consentono di organizzare serate con musica dal vivo.

Hic – via L. Spallanzani, 11/ via Sidoli – hicenoteche.com

Huaxia

Enoteca della Chinatown milanese che spopola in zona, con la sua selezione attenta di bottiglie da degustare in loco o portare a casa. Una scelta ampia e valorizzata dalla gestione giovane e dinamica, in grado di offrire i propri consigli a ogni cliente. Aperta anche a pranzo, l’insegna propone gustosi piatti freddi: carpacci, tartare, club sandwich, e poi tapas e vino per l’aperitivo serale.

Huaxia – via M. Quadrio, 23 – facebook.com/huaxiaenoteca/

Osteria Ricerca Vini
Osteria Ricerca Vini

Osteria Ricerca Vini

Uno degli indirizzi di riferimento in città per gli eno-appassionati, insegna di lunga tradizione presente sul mercato milanese fin dal 1948, e che nel tempo ha saputo mantenere alti i suoi standard qualitativi. Lo spazio dedicato alla vendita è il cuore del locale, con bottiglie da ogni angolo d’Italia e dall’estero, ma chi viene qui sa di poter contare anche su una semplice ma solida proposta di cucina, fatta di taglieri, hamburger, insalate e qualche piatto del giorno.

Osteria Ricerca Vini – via V. Monti, 33 – ricercavini.it

Rosée

Aperto nel 2017, questo locale curato e ben arredato non ha tardato a riscuotere il successo del pubblico. La regia è quella tutta al femminile di Ida e Monica, esperte conoscitrici e amanti del vino che hanno saputo mettere in piedi una bella cantina. Naturalmente, ampio spazio è riservato ai rosati, ma non solo: qui si trovano, rossi, bianchi e bollicine di qualità di provenienza italiana o straniera, oltre a valide produzioni biologiche e biodinamiche. Il menu è costruito con accortezza, fra bruschette con pesti siciliani e taglieri.

Rosée – corso di Porta Romana, 123 – roseewinebar.com/

Signorvino
Signorvino

Signorvino

Marchio di fama nazionale dedicato alla cultura enologica, ideato dal gruppo Calzedonia e ormai diffuso in varie città del Centro Nord, specialmente in Lombardia. Due sedi centrali a Milano, una in piazza del Duomo e l’altra in via Dante, dove recarsi per scegliere tra una carta di vini ampia e adatta a tutte le tasche. Sul fronte gastronomico, selezioni di salumi e formaggi e piatti golosi come le pappardelle al vino rosso con ragù di anatra e nocciole tostate.

Signorvino – p.zza Del Duomo (ang. c.so Vittorio Emanuele II)/via Dante, 15 – signorvino.it

Vinodromo

Il servizio sempre attento e cordiale, la proposta gastronomica curata, i toni caldi degli arredi in legno che rendono l’atmosfera piacevole e rilassata continuano a garantire il successo di quest’insegna in zona Porta Romana. La cantina è in grado di accontentare anche il più esigente degli appassionati, con bottiglie provenienti da ogni angolo d’Italia e dall’estero, con un occhio di riguardo per le referenze francesi. Da provare il risotto al pomodoro con burrata e acciughe, gli spaghetti alla chitarra con crema di fave e pecorino oppure il guazzetto di calamari con patate e olive taggiasche.

Vinodromo – via Salasco, 21 – vinodromo.com

Vinoir

Un’enoteca che non si limita alla vendita, ma racconta il lavoro in vigna e il mondo enologico in ogni sua sfumatura, attraverso riviste e libri a tema da consultare bevendo un buon calice. Un locale che si distingue anche per la qualità dell’offerta gastronomica, con piatti studiati in ogni minimo dettaglio, come la pasta all’uovo con pesto ligure, coniglio e profumo d’aglio. Non mancano i classici taglieri, da abbinare a vini naturali di livello (alta attenzione agli orange), disponibili anche alla mescita.

Vinoir – ripa di Porta Ticinese, 93b – vinoir.com

Viola

Gentile e cortese, il servizio attento è solo una delle caratteristiche di questo locale, indirizzo ideale per chi voglia gustare un buon bicchiere di vino al calice, accompagnato da qualche specialità gastronomica di qualità. Nell’ambiente caldo e accogliente è possibile trovare salumi e formaggi italiani di pregio, primi piatti che cambiano a rotazione, insalate e carpacci. Nota di merito per i dolci fatti in casa, semplici ma mai scontati, dal classico tiramisu alle cheesecake più golose.

Viola – via Pavia, 6/2 – violaenoteca.com

Vineria Eretica
Vineria Eretica

Vineria Eretica

Aperta da qualche mese, Vineria Eretica si è imposta fin da subito come valida alternativa alle tante insegne tradizionali presenti in città. Stiamo parlando di un locale giovane, con una carta tutta incentrata sui vini naturali, in costante crescita e destinata ad ampliarsi ancora, con referenze di nicchia, piccole realtà indipendenti e accomunate dalla stessa filosofia di rispetto per il terreno e l’anima del vino. Ad accompagnare i vini alla mescita o le bottiglie italiane e straniere, qualche specialità gastronomica, fra cui il pane di Égalité e Crosta (qui, la lista delle migliori panetterie del Nord Italia). Periodicamente, si organizzano degustazioni a tema per scoprire e valorizzare il lavoro dei vignaioli.

Vineria Eretica – via Rosolino Pilo, 14 – facebook.com/vineriaereticamilano/

a cura di Michela Becchi

I migliori wine bar di Roma: dove bere bene nella Capitale