Una percentuale della vendita di colombe tramite e-commerce è stata destinata dall’azienda dolciaria di Arzignano agli ospedali del territorio, per aiutarli a contrastare l’emergenza Covid-19. Così Olivieri 1882 ha raccolto 10mila euro da donare in beneficenza.
Pubblicità

La colomba di Olivieri 1882

Non è un nome nuovo per i nostri lettori, quello di Olivieri 1882. L’azienda di Arzignano (in provincia di Vicenza), da qualche anno a questa parte si conferma sempre in vetta alla classifiche che dedichiamo ai grandi lievitati per le feste. Con i suoi panettoni, e con la colomba artigianale che un anno fa, nella degustazione alla cieca che quest’anno abbiamo dovuto saltare (però abbiamo comunque assaggiato le colombe dei migliori artigiani d’Italia, senza stilare classifiche), si è aggiudicata il titolo di miglior colomba artigianale 2019. La Pasqua 2020 è stata segnata da altre preoccupazioni, ma nel laboratorio di Arzignano la produzione non si è fermata. E anzi, proprio le colombe pasquali sono diventate strumento per esprimere la vicinanza dell’azienda a chi sta lottando per sconfiggere l’epidemia negli ospedali del Veneto.

10mila euro per gli ospedali del territorio

Parte dei proventi ottenuti dalla vendita online sul proprio e-commerce, infatti, sono stati destinati da Olivieri 1882 a una donazione già pervenuta alle realtà ospedaliere del territorio, il San Bortolo di Vicenza e il Cazzavillan di Arzignano. Ai 7mila euro ricavati con l’iniziativa, l’azienda ne ha aggiunti altri 3mila, per raggiungere la cifra tonda di 10mila euro, “raggiungimento di un obiettivo importante, che ci rende orgogliosi”, spiega Nicola Olivieri, che è titolare e maestro lievitista dell’azienda cresciuta nel corso di generazioni.

Il successo dell’e-commerce

Peraltro la campagna di vendita online delle colombe si è rivelata un successo, raggiungendo rapidamente il sold out, tanto da spingere la famiglia Olivieri ad aumentare la produzione e a prolungare la vendita fino alla settimana successiva alla Pasqua. Ora che la produzione è chiusa, si traccia un bilancio: “Le nostre Colombe hanno viaggiato non solo in Italia, abbiamo raccolto moltissimi ordini anche all’estero, dagli Stati Uniti alla Nuova Zelanda. I tanti messaggi di apprezzamento ricevuti, anche per le nostre consegne e spedizioni, ci spingono ora a rafforzare il nostro e-commerce. Siamo infatti già al lavoro sul prossimo prodotto lievitato che lanceremo durante l’estate, per continuare a dare dolcezza a tutte le famiglie italiane e non solo. Presto avremo novità”.

Pubblicità