Dove mangiare in Sabina (vicino all'Autostrada), i 9 migliori ristoranti

15 Nov 2023, 09:48 | a cura di
A portata di weekend, ecco 9 indirizzi dove fermarsi in Sabina tra Magliano e Casperia passando da Cantalupo: tavole, salumi e dolci da non perdere

È uno dei "fuoriporta" più gettonati dai romani, ma anche dal popolo del weekend della vicina Tuscia. Parliamo della Sabina che si estende a due passi dal'Autostrada del Sole, intorno al territorio di Magliano e fino al suggestivo borgo di Casperia. Una zona non troppo turistica e ancora abbastanza verace dove sono nati indirizzi nuovi e più moderni accanto a insegne invece dalla profonda storia famigliare.

Nove indirizzi a due passi da Roma

Ecco i 9 indirizzi in cui vale la pena fare almeno una sosta per godersi un piatto, un calice di vino, un dolcetto o per riportar a casa un piccolo ricordo goloso di questa parte di Lazio verde e piena di piccole aziende agricole che donano sapori incredibilmente piacevoli.

La Collin degli Olivi.

La Collin degli Olivi. In apertura, Casperia, città dell'olio

La Collina degli Olivi

Silvia Pastorelli aveva il  destino nel suo nome, anzi nel cognome: nella sua azienda, infatti, alleva pecore e mucche, e in agriturismo accoglie un ventina di ospiti cui propone le sue verdure, le sue carni e soprattutto il suo olio dagli olivi che danno il nome al casale. La vista da lì è aperta sulla valle del Tevere ed è davvero  suggestiva. Dal menu, per dare una idea, ravioli ripieni di stufato di pecora, piatti tradizionali romani (dalla gricia alla amatriciana alla carbonara) ma anche ricette di territorio ma non tradizionali come le polpette di maiale con crema di topinambur e patate e cipolla caramellata. I vini li sceglie Federico, il marito di Silvia, che  li sa raccontare bene e a cui si è dedicato dopo un cambio-vita che lo ha riportato in campagna.
Forano (RI) - fraz. Gavignano - via Selci - 327 341 6422 - lacollinadegliuliviinsabina

fabio di romualdo, chef di agricola moderna a Magliano in sabinal

Agricola Moderna by FDR

Plin di pecorino con sugo di coda alla vaccinara, tortelli di vignarola e gamberi rossi, agnello panato e fritto con cicoria e yogurt... Ecco, basta citare alcuni dei piatti di Fabio Di Romualdo che già si capisce da dove viene e dove vuole andare. Gli anni passati al fianco di Antonello Colonna tra Labico e Roma insieme ai colleghi Adriano Baldassarre, Angelo D'Amico e Marco Martini (solo per citare alcuni dei migliori Colonna Boy) hanno dato un'impronta alla sua cucina che gioca tra territorio e godibilità mettendo insieme elementi mai ovvi e seguendo la tecnica della "consociazione" che lui pratica nel coltivare il suo orto. È proprio dall'orto che parte la sua ispirazione, e da un'idea di territorio che non è strettamente legata ai luoghi. Una cucina italiana moderna, dunque, molto riconoscibile. Il tutto immersi nella campagna sabina. Un consiglio: prenotate.
Magliano Sabina (RI) - loc. Foglia - 3491062211 - agricolamodernabyFDR - agricolamodernabyfdr

La frittata con gli asparagi del Ristoante degli Angeli di Magliano in Sabina

Ristorante degli Angeli

Un indirizzo in attività da molti anni, questo della famiglia Marciani, entrato nella geografia gastronomica del territorio per la qualità dell'accoglienza e una cucina genuina, eseguita con cura. Ci sono i piatti tipici della tradizione sabina (curati da Laura Marciani che è anche talent di Gambero Rosso Channel), come la coratella di agnello o la paste all'uovo, e pietanze che valorizzano con intelligenza i prodotti locali, come il maiale nero sabino con mele verdi e salsa di visciole fermentate. Buoni anche i dolci della casa. Cantina profonda, con referenze d'Oltralpe, e attenzione agli oli extravergine (passione, come i vini, di Mauro  Marciani). Dalla sala la vista spazia attraverso grandi vetrate sulla valle del Tevere. Si può anche dormire, o fare la spesa in bottega.
Magliano Sabina (RI) - loc. Madonna degli Angeli - 0744 91377 - ristorantedegliangeli.it

Luca Varasconi di Fattoria del Giglio a Magliano in Sabina

Fattoria del Giglio

L'azienda agricola di Luca Varasconi è famosa soprattutto per il pane: impasto a lievitazione naturale curato dalla mamma di Luca, la signora Antonina, e cotto a legna col calore delle fascin di legna locale; la farina viene dal Molino Profili di Viterbo. Ma in negozio, Luca propone anche salumi realizzati con le carni dei maiali che ingrassa direttamente lui. Poi, c'è la  carne che viene dalle 40 vacche allevate lì, con fieno e granaglie a filiera chiusa. Insomma, una bella  azienda che merita la visita.
Magliano Sabina (RI) - via Sabina, 3 - 0744919040 – fattoriadelgiglio.com

Giardino Segreto di Tarano

Il Giardino Segreto

Per godersi lo spettacolo di bovini di razza Wagyū pascolare nella campagna reatina con Chianine, ma anche suini neri e animali da cortile, bisogna programmare una visita in questo bell'agriturismo con cucina, che usufruisce anche degli ottimi ortaggi coltivati in azienda, oltre che delle carni allevate in proprio. La tenuta di Barbara Pergolesi si estende infatti per 50 ettari dove vivono 50 chianine e una trentina di wagyu, 50 maiali neri apulo-calabresi liberi e 50 galline per le uova del ristorante-agriturismo che propone una cucina stagionale e divertente, non solo territoriale, con preparazioni come l'arancino al ragù di Wagyū con salsa di piselli, oppure i tortelli ripieni di zucca su fondente di parmigiano, mandorle e castagne croccanti.
Tarano (RI) - SR Sabina 657 km 12,600 - 329 8762471 - IlgiardinosegretoTarano

Romeo e Tatiana, i titolari di Osteria Capocroce a Cantalupo

Capocroce

Il gusto della semplicità e la custodia della tradizione sabina e romana in cucina animano la proposta di Romeo Fabi e di sua moglie Tatiana Tocci in questo locale affacciato sulla vallata del Tevere. La cura nella selezione delle materie prime, la loro genuinità e stagionalità impone un menu dalla costante rotazione ma che include sempre specialità tipiche e, per gli estimatori, piatti a base di quinto quarto che Fabi sa lavorare con perizia, dalla trippa alle animelle come pure la coda alla vaccinara. In inverno non è raro trovare il bollito di gallina o la polenta variamente condita ma tutto l'anno si può iniziare con gli ottimi salumi e formaggi del territorio. In buon assortimento le pizze da cuocere nel forno a legna, da accompagnare con le birre artigianali, parte di una carta che comprende vini nazionali e internazionali.
Cantalupo in Sabina (RI) - viale G. Verdi Piantata di Sopra - 389 2539914 - trattoriacapocroce.it

Alessandro e Carolina, i titolari di Calu a Cantalupo in Sabina

Calù Pasticceria

Questa giovane bottega è un faro goloso in una terra disegnata da campagne, oliveti e piccoli allevamenti "artigianali". Alessandro Dell'Omo e Carolina Galiotto, pratese lui e romana lei, si sono incontrati alla scuola Alma, si sono poi ritrovati a Parigi, dove hanno lavorato come pasticceri, e, durante il Covid, sono approdati a Cantalupo, dove Carolina aveva una casa. All'inizio guardati con sospetto per quelle paste "alla francese", sono poi riusciti a conquistare i golosi locali e i tanti romani che arrivano nel weekend. Croissant, lieviti e qualche salato per la colazione, poi una serie di torte a partire da Sacher, caprese e tarte au citron con una splendida meringa italiana (tutto anche in monoporzione), oltre a un gelato super artigianale che va a ruba. Piacevole spazio esterno.
Cantalupo in Sabina (RI) - viale G. Verdi 26 - 0765 1892890 - @pasticceriacalu

Osteria Vigna in piazza Umberto a Casperia in Sabina

Osteria Vigna

Michele Tartarelli si è fermato a Casperia doo essersi innamorato del paesino e dopo aver fatto una lunga  esperienza come personal chef dopo un cambio-vita che lo ha portato ad abbandonare il lavoro da manager e a dedicarsi al mondo del gusto e alla passione per il vino e per il mangiare bene. Il suo locale è  bar e trattoria con affaccio sulle colline  circostanti e una vista davvero suggestiva; la sua cucina è "a gusto" suo, senza pretese di essere figlia della tradizione e neppure ideologicamente legata al terroir. In ogni caso, si sta bene qui, c'è un'atmosfera da piccolo borgo e una bella dimensione intima. Per avere una idea dei menu: tomino caldo con sorpresa, stringozzi zucca e salsiccia, tagliata dell'Armando (il macellaio del paesino che fa anche divine salsicce semi-fresche), petto di faraona con patate, collo di maiale a lenta cottura... sciocchezza al mascarpone per finre. Piatti golosi e lista dei vini intrigante e divertente.
Casperia - piazza Umberto - 0765 189 3267 - @Osteria-VIGNA-Casperia

I tartufi dell'agriturismo La Montagnola a Torri in Sabina

La Montagnola

Il motto scelto da Claudio Polidori per la su azienda dice  molto dello spessore e della filosofia di questo agricoltore sabino: "I geni nell’arte e i tartufi nei campi se ne fregano delle regole della cultura, si possono trovano ma non si possono imitare" firmato John Petit-Senn. Qui Claudio fa l'agricoltore e si dedica in particolare alle sue tartufaie sia di bosco che "coltivate": passione che lo ha portato anche ad allevare e ad addestrare cani da tartufo che sono protagonisti anche di battute al pregiato tubero come esperienza da fare in azienda. Qui, in agriturismo, in primo piano ci sono loro, i tartufi, e la arne di chianina che proviene da un allevamento di  Torri a pochissima distanza dalla Montagnola.
Torri in Sabina (RI) - vocabolo Palombara - 3485762515 - lamontagnolainsabina.it - la_montagnola

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram