C'è l'enoteca che lascia a bocca aperta con centinaia di etichette, il ristorante targato Enrico Bartolini, il bar dove poter fare un ottimo business lunch o la gelateria con uno splendido dehors. Ecco dove mangiare all'aperto a Bergamo.
Pubblicità

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI THE BEST IN LOMBARDY

 

Ristoranti, bistrot, bar, pasticcerie e gelaterie. Ecco gli indirizzi, dalle nostre guide, dove poter mangiare all’aperto a Bergamo.

Pubblicità
Mangiare all’aperto Bergamo - Al Carroponte

Ristoranti

Al Carroponte

Bistrò, enoteca e ristorante: al Carroponte la flessibilità delle proposte sposa quella degli orari, con chiusure allungate in prossimità del fine settimana. Si può bere un ottimo calice nel wine bar, pescato da una lista sontuosa per varietà e profondità – specie nel settore delle bollicine nobili – da abbinare a finger food o pregiati salumi. Oppure sedersi nell’ampia sala open space, o nel gradevole giardino sormontato da viti e gelsomini, ordinando da una carta piuttosto ampia: crudi, brace, paste espresse e risotti, pescato del giorno. Ce n’è per tutti i gusti e tutte le tasche, con convenienti opzioni per il lunch e un degustazione serale da cinque portate a 45 euro.

via E. De Amicis, 4 – 035 240640 – www.alcarroponte.it

Mangiare all’aperto Bergamo - Casual

Casual Ristorante

Pubblicità

A tenere le redini di questa insegna targata Enrico Bartolini è lo chef Marco Galtarossa (che avevamo già assai apprezzato a Venezia) affiancato da Marco Locatelli nelle vesti di direttore di sala. Due i menu degustazione, Mari intorno allo stivale a 100 euro e Casual Experience a 130, intrigante anche la carta: Crudo di gamberi viola, nespole e violette; Terrina di gallina nostrana, rape e lievito; Rognoncini di vitello, saba e ciliegie; Risi, bisi e canestrelli; Mezzi paccheri in salsa di seppie, zotoli e limone nero; Agnello lucano, mandorle e lavanda o ancora Piccione, spugnole e ginepro. Da gustarsi nella splendida terrazza aperta anche nell’orario dell’aperitivo.

via San Vigilio, 1 – 035 260944 – www.enricobartolini.net

Mangiare all’aperto Bergamo - Donizetti

Donizetti

L’impatto è inebriante e immediato: tra le numerose bottiglie della cantina ci si potrebbe perdere in un bagno di felicità. Allora non resta che passare allo step successivo, iniziando ad addentrarsi meglio in questa monumentale rassegna enoica. Ed ecco che tutto si fa più chiaro e ragionato, scoprendo man mano una selezione che non può che essere il frutto di una passione smisurata. Quella che Massimo Locatelli condivide con la figlia Alessandra (ma a tenere assieme a loro le redini dell’attività c’è anche la moglie Ornella) e che negli anni gli ha permesso di costruire e rinnovare una cultura che ha pochi pari. Poi ci sono una solida cucina di territorio e un’atmosfera accogliente un po’ rétro, con un dentro e un fuori di pari piacevolezza. Il nostro consiglio: vale la pena approfittare dei tavoli esterni, sotto la loggia che ricorda quanto sia bella Bergamo Alta.

via Gombito, 17a – 035 242661 – www.donizetti.it

Mangiare all’aperto Bergamo - N.O.I. Restaurant
Ravioli con gamberi, limone confit, pesto di di rucola e latte di cocco di N.O.I. Restaurant

N.O.I. Restaurant

La Nuova Osteria Italiana (le iniziali dell’insegna) è in realtà la casa di una cucina lietamente internazionale, data dalle esperienze del giovane e talentuoso chef Tommaso Spagnolo. Il menu è piccolo, cambia spesso e diverte sin dagli “stuzzichi”, per passare poi ai piatti freddi e caldi, la cui apparente semplicità nasconde cotture perfette, in particolare sulle paste. Pensiamo ai ravioli con gamberi, limone confit, pesto di di rucola e latte di cocco o agli spaghetti con bottarga di tonno, pomodoro fresco e cipolla rossa.

via A. Pitentino, 6 – 035 237750 – www.noi-restaurant.it

Mangiare all’aperto Bergamo - Lio Pellegrini

Lio Pellegrini

Solido ancoraggio per la Bergamo che vuol star bene a tavola, stimolata sì, ma senza troppi rovelli su idee esasperatamente sperimentali. Qui si fa cucina saggia, tutt’altro che banale o piatta, ma classica nei fondamentali, ravvivati e ben riletti dalla mano rodata del patron Giuliano “Lio” Pellegrini. Ecco allora i gamberi con pomodorino del Piennolo del Vesuvio e pesto di pomodoro verde, il filetto di manzo piemontese crudo con pinoli, ovoli e uova al burro o la passata di pomodoro con burrata, calamaretti grigliati e capperi croccanti. Amabile il curatissimo giardino interno.

via San Tomaso, 47 – 035 247813 – www.liopellegrini.it

Mangiare all’aperto Bergamo - Balzer

Bar, pasticcerie e gelaterie

Balzer 1850

Insegna nata nel 1936 per mano di una famiglia con vari interessi, compreso quello per la pasticceria. Dopo un alternarsi di gestioni, l’ultima proprietà ha puntato sul rilancio e la rinascita, tanto da aver chiamato a riformulare l’offerta gastronomica il talentuoso ed esperto chef Vittorio Fusari (purtroppo scomparso all’inizio di quest’anno). Oggi la qualità dell’offerta rimane invariata, a cominciare dalla caffetteria che gioca su miscele ricercate, per continuare sul versante dolce, tra viennoiserie, torte, monoporzioni e mignon ben disposti negli appositi spazi. Dalla cucina, sempre aperta, a colazione escono omelette con crudo di Parma, crema di Parmigiano Reggiano e insalata, vari sfizi (toast, tramezzini, focacce, hamburger); a pranzo c’è il business lunch a 7,5 euro e a cena si possono sperimentare primi e secondi piatti. Non mancano opzioni per merende e aperitivi, con cocktail e una buona pasticceria salata. Il tutto nello storico spazio, disposto su piani diversi e con bellissimo dehors sulla passeggiata.

Portici Sentierone, 43 – 035 242042 – www.balzer.it

Mangiare all’aperto Bergamo - Pasticceria Krizia

Pasticceria Krizia

Procede spedito sulla strada della qualità il locale di Krizia ed Emanuele, nato da una bella storia di lavoro e di vita e che, grazie ad impegno e passione ha rapidamente conquistato un largo pubblico di fedeli. Il posto è piccolo, curato, con un gradevole dehors perfetto per questa stagione. La pasticceria di Krizia resta un punto di forza, dalle quindici tipologie di lievitati del mattino che spiccano sempre per fragranza, ai mignon e torte che rivelano bella tecnica ed estro, fino ai classici della tradizione. Segue a ruota la gelateria, anche con simpatiche proposte su stecco. Buona la pausa pranzo, con piatti sfiziosi, e soddisfacente l’aperitivo.

via C. Baioni, 31a – 035 0175413 – www.pasticceriakrizia.it

Mangiare all’aperto Bergamo - La Pasqualina

Gelateria La Pasqualina

La sede storica è ad Almenno S. Bartolomeo dove l’avventura cominciò nel 1912, ma nel 2007 il vulcanico Riccardo Schiavi ha voluto aprire anche nel centro di Bergamo bassa. Ad ogni modo la qualità delle due sedi è sempre eccelsa e segue una rotta ben precisa: la ricerca della materia prima senza fissazione per il km zero (potendo contare su grandi fornitori in tutta Italia) e il minuzioso procedimento per realizzare prodotti buoni, compresi gelati sani e adatti a tutti. A Bergamo hanno da poco inaugurato un bellissimo dehors.

via Borfuro, 1 – 035 232708 – www.lapasqualina.it

Mangiare all’aperto Bergamo - caffè del tasso - t garden

Caffè del Tasso

Più che un locale, è uno dei simboli di Bergamo. Passato dalla denominazione antica (Locanda delle due spade, 1476 perché nella piazza antistante si facevano i duelli) a quella del ‘700 come Torquato Tasso Caffè e Bottiglieria. Questo è il passato, sempre di fascino, ma il presente è assicurato dalla capacità dei titolari di fare qualità, dall’ora di colazione al dopo cena. Tutto è all’altezza, a partire da una caffetteria con tante proposte ben eseguite sino ai cocktail per l’aperitivo, di stampo classico. Come non deludono i lievitati del mattino, anche la pasticceria per la merenda (torte, mignon e biscotti) è di tutto rispetto. La cucina non è solo fredda, con attenzione particolare a salumi e formaggi dei Presidi Slow Food, ma prepara anche piatti che giustamente richiamano le specialità del territorio. Per la bella stagione hanno da poco inaugurato il T Garden.

Piazza Vecchia, 3 – 035 237966 – www.caffedeltasso.com

Trex

Un concept tra i più grandi e completi in Lombardia, un locale che ha al suo interno bar, panificio, pizzeria, pasticceria, ristorante e cocktail bar, tutto in uno spazio di 350 mq, ben arredato, con legno in diverse tonalità e tanta luce naturale. Una garanzia l’offerta di pane, pizze da lievito madre e focacce disponibili per tutta la giornata nonché i buoni lievitati per la colazione (presenti in oltre 70 tipologie a rotazione) perché i Tresoldi sono maestri dell’arte bianca dal 1938. All’altezza la pasticceria, tra mignon, dolci e torte varie. L’area cocktail occupa un posto di rilievo, con creazioni ben fatte che accompagnano le serate dal tramonto in avanti. La cantina, poi, conta un centinaio di vini e birre artigianali, che vanno ad accompagnare una cucina di sostanza, pensiamo agli spaghetti al torchio, ai ravioli bergamaschi o alla grigliata del Trex.

via M. Gavazzeni, 39 – 035 319521